Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

L'uso a lungo termine di oppioidi non aumenta il rischio di Alzheimer

L'uso a lungo termine di oppioidi non aumenta il rischio di Alzheimer

L'uso di oppioidi non è associato ad un aumento del rischio di Morbo di Alzheimer (MA), secondo uno studio recente eseguito all'Università della Finlandia Orientale. I ricercatori non hanno trovato rischi né nell'uso a lungo termine né per dosi cumulative più elevate. Gli oppioidi sono un potente antidolorifico che agisce sul sistema nervoso.


Pubblicato in Pain Medicine, lo studio è il più esteso condotto finora sull'argomento. Una ricerca precedente negli Stati Uniti aveva riferito un'associazione tra dosi cumulative elevate di oppioidi e un aumento del rischio di demenza, ma lo studio finlandese non lo ha confermato.


Tuttavia, ci sono diversi effetti negativi legati all'uso di oppioidi, come la sonnolenza e una sensibilità ridotta, e per questo motivo l'uso di oppioidi dovrebbe essere limitato alle condizioni più gravi di dolore. L'uso di oppioidi può anche portare a dipendenza o ad assuefazione.


L'uso di oppioidi è stato confrontato tra finlandesi con MA e coetanei senza la malattia. La ricerca faceva parte di MEDALZ, uno studio a livello nazionale che comprende 70.718 persone che hanno avuto la diagnosi di MA in Finlandia dal 2005 al 2011 e 282.862 persone di controllo.

 

 

 


Fonte: University of Eastern Finland (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Taipale H, Hamina A, Lampela P, Tanskanen A, Tiihonen J, Karttunen N, Tolppanen AM, Hartikainen S. Is Alzheimer’s disease associated with previous opioid use? Pain Medicine, published online August 28, 2017. DOI: 10.1093/pm/pnx210

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.