Iscriviti alla newsletter

La stimolazione mentale potrebbe posticipare la demenza di anni, secondo uno studio

La stimolazione mentale potrebbe posticipare la demenza di anni, secondo uno studio 

Se sei intenzionato a tenere a bada la demenza, una nuova ricerca suggerisce che avrai bisogno di più che di cruciverba, esercizi aerobici e una vita sociale attiva. In uno studio pubblicato Domenica, i ricercatori hanno scoperto che gli anziani che si sono esercitati a migliorare la velocità con cui elaborano le informazioni visive sono riusciti a tagliare di quasi la metà la probabilità di declino cognitivo o demenza in un periodo di 10 anni.


I nuovi risultati dello studio clinico, presentati Domenica alla Conferenza Internazionale dell'Alzheimer's Association di Toronto, stabiliscono l'allenamento cerebrale specializzato come una strategia potenzialmente efficace per prevenire l'Alzheimer e altre afflizioni, compreso l'invecchiamento normale che mina la memoria e riduce le funzionalità.


Con molti milioni di persone che stanno raggiungendo l'età di massima vulnerabilità all'Alzheimer e senza trattamenti efficaci a disposizione per modificare la progressione della malattia, i ricercatori sono ansiosi di trovare il modo di prevenire o ritardare l'insorgenza della malattia che ruba la memoria. La nuova ricerca suggerisce che anche anni dopo che è stato somministrato, un intervento economico senza effetti collaterali indesiderati potrebbe prevenire i sintomi della demenza.


Questi ultimi risultati sono emersi da uno studio di 10 anni che ha confrontato gli effetti di tre forme di allenamento del cervello in un gruppo di 2.802 anziani cognitivamente sani. Lo studio ACTIVE (acronimo di Advanced Cognitive Training for Independent and Vital Elderly) è stato finanziato dal National Institute on Aging.


Un quarto dei partecipanti, che avevano un'età media di 73,4 anni all'inizio dello studio, non ha avuto alcuna formazione. I restanti partecipanti sono stati divisi in tre gruppi, e per più di 5 settimane ogni gruppo ha partecipato a 10 sessioni di formazione della durata di un'ora:

  1. un gruppo ha fatto un corso in aula studiato per conferire strategie volte a stimolare la memoria;
  2. il secondo un corso in aula progettato per affinare le capacità di ragionamento dei partecipanti;
  3. il terzo gruppo ha avuto un addestramento computerizzato progettato per aumentare la velocità con cui il cervello raccoglie ed elabora segnali nel campo visivo del soggetto; la velocità di elaborazione visiva è un'abilità cognitiva che diminuisce con l'età, una tendenza che alcuni neuroscienziati attribuiscono al crescente "rumore" nelle comunicazioni elettriche tra le cellule e tra le aree del cervello.


Nei 10 anni di studio il 14% dei partecipanti al gruppo di controllo ha subito un declino cognitivo significativo o una demenza, rispetto al 11,4% nel gruppo di formazione di strategie mnemoniche, al 11,7% nel gruppo di formazione in strategie di ragionamento e al 10,5% del gruppo velocità di elaborazione. Il declino cognitivo o la demenza non solo è stato minore in quelli del gruppo velocità-di-elaborazione; quando è apparso, è arrivato dopo.


Statisticamente, i quattro gruppi dell'esperimento hanno sperimentato differenze considerevoli nell'invecchiamento cognitivo. Per coloro che hanno fatto esercizi di allenamento del cervello disponibili in commercio, il rischio cumulato di sviluppare declino cognitivo o demenza nell'arco di 10 anni è stato del 33% inferiore rispetto ai partecipanti che non hanno fatto alcun allenamento.


Nel gruppo più ristretto di partecipanti all'allenamento computerizzato che ha fatto delle «sessioni di richiamo» (almeno un corso di aggiornamento 11 e/o 35 mesi dopo la formazione iniziale) il rischio di declino cognitivo o demenza si è abbassato ancora di più. Rispetto ai partecipanti allo studio che non hanno fatto alcuna formazione, gli iscritti che hanno eseguito più di 10 sessioni di «brain-training» computerizzato hanno avuto il 48% in meno di probabilità su 10 anni di sperimentare demenza o declino cognitivo.


I partecipanti che hanno preso parte gli altri due regimi di allenamento, che si erano concentrati su strategie di insegnamento per ricordare e per ragionare, nell'insieme del gruppo avevano un po' meno probabilità (rispetto al gruppo di controllo) di subire il declino cognitivo o la demenza nei 10 anni dello studio. Questo era particolarmente vero per coloro che hanno partecipato a 10 sessioni di strategie per migliorare il ragionamento. Ma i risultati di tali regimi di allenamento erano meno robusti rispetto a quelli della stimolazione computerizzata, e i ricercatori non hanno potuto escludere la possibilità che sono fossero causati per caso.


Nello studio ACTIVE, la salute cognitiva dei partecipanti è stata misurata a 1, 2, 3, 5 e 10 anni dopo la formazione iniziale, attraverso diverse batterie standardizzate. I ricercatori hanno misurato lo stato d'animo, la fiducia e la salute auto-valutata dei partecipanti, e hanno osservato la loro capacità di condurre attività quotidiane, come preparare i pasti, guidare e prendersi cura delle finanze.


L'esercizio computerizzato di formazione cerebrale è disponibile in commercio, come gioco "Double Decision", uno di una serie di esercizi cognitivi commercializzati on-line dalla Posit Science Corp di San Francisco. Il gioco esercita la capacità di un individuo di rilevare, ricordare e rispondere agli stimoli che appaiono e scompaiono rapidamente in varie posizioni su uno schermo di computer. Esso usa una grafica colorata e sfida i giocatori con crescente difficoltà, con l'aumento della loro competenza. [...]


Le asserzioni di benefici cognitivi delle società che vendono programmi di stimolazione cerebrale su computer, ormai un'industria multimilionaria, hanno generato critiche e polemiche. Nel 2014, neuroscienziati riuniti sotto l'egida del Stanford Center on Longevity hanno rimproverato l'industria della stimolazione cerebrale che i risultati cosiddetti promettenti erano "spesso esagerati e talvolta fuorvianti".


Anche se questi esercizi possono produrre miglioramenti delle prestazioni in laboratorio, hanno scritto, "questi progressi piccoli, limitati, e fugaci sono spesso definiti miglioramenti generali e duraturi della mente e del cervello". Nonostante le grandi affermazioni di marketing, "è rimasta finora inafferrabile una prova convincente di effetti positivi generali e duraturi sul modo in cui invecchiano mente e cervello delle persone", hanno scritto in una dichiarazione di consenso del dicembre 2014.


Jerri Edwards, professore associato della University of South Florida, primo autore del nuovo studio, ha detto che i risultati dello studio ACTIVE sembrano essere una pietra miliare: "La prima volta che un intervento di formazione cognitiva ha dimostrato di proteggere dal deficit cognitivo o dalla demenza in uno studio grande, randomizzato e controllato".


Tra i risultati più interessanti dello studio, ha detto Edwards, c'è il suggerimento che, con una continua formazione del cervello - un aumento del dosaggio - gli anziani potrebbero migliorare ulteriormente la loro protezione contro la demenza. "In seguito", ha detto, "ci piacerebbe capire meglio quale è esattamente la quantità giusta di formazione cognitiva per ottenere i benefici ottimali".


Lo studio ACTIVE è uno dei diversi svelati Domenica a Toronto, dove ricercatori e attivisti di Alzheimer si sono incontrati per esaminare i progressi della ricerca sulla malattia. Nei risultati presentati Domenica c'erano anche dati che suggeriscono che le persone il cui lavoro richiede un pensiero e/o un'attività complessi riescono a sopportare meglio l'insorgenza dell'Alzheimer.


In uno di questi studi, i ricercatori del Wisconsin Alzheimer Institute hanno scansionato il cervello di 284 persone di tarda mezza età cognitivamente sani, per cercare lesioni al tessuto connettivo, che è un marcatore dell'Alzheimer. Tra coloro che hanno mostrato prove di "materia bianca" malata, hanno scoperto che coloro che avevano lavorato principalmente con altre persone, piuttosto che con cose o dati, avevano mantenuto la funzione cognitiva più alta.


"Questi nuovi dati si aggiungono al crescente corpo di ricerca che suggerisce che gli stili di vita più stimolanti, compresi ambienti di lavoro più complessi con altre persone, sono associati a esiti cognitivi migliori in ​​età avanzata", ha detto Maria C. Carrillo, direttrice scientifica dell'Alzheimer's Association.

 

 

 


Fonte: Melissa Healy su Los Angeles Times (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.