Iscriviti alla newsletter

Cosa ho imparato dalla relazione tra studenti universitari e malati di Alzheimer

Cosa ho imparato dalla relazione tra studenti universitari e malati di AlzheimerUna immagine tratta dal [url=https://www.youtube.com/watch?v=Eb_XWqwYDnE]video del progetto 'Bringing Art To Life'[/url]
Negli ultimi cinque anni ho avuto il privilegio di osservare delle bellissime relazioni svilupparsi tra studenti universitari e persone con Alzheimer e altre demenze nell'ambito di un programma chiamato Bringing Art to Life.


Sviluppato dalla Cognitive Dynamics Foundation e dall'Honors College della University of Alabama, questo programma insegna agli studenti sulla demenza e sul caregiving compassionevole e li abbina a persone che hanno la condizione.


Con l'arte terapia come strumento di impegno creativo e di reminiscenza, gli studenti confermano i rispettivi partecipanti nel presente, e onorano e preservano le storie di vita di cui vengono a conoscenza attraverso la relazione che si sviluppa nel corso di ogni semestre. Come direttore del corso, sono in grado di osservare queste relazioni mentre si sviluppano, uno spettacolo miracoloso, davvero.


Gli studenti e i partecipanti mi hanno insegnato così tanto nel corso degli anni, e voglio condividere quelle che ritengo alcune delle lezioni più importanti:

  1. Dignità e personalità innate non sono colpite dalla demenza o da qualsiasi altra condizione. Dobbiamo crederlo se vogliamo avere relazioni significative.
  2. A noi sono richieste apertura, vulnerabilità e non-giudizio. I rapporti reali sono rischiosi, richiedono mutualità e reciprocità. Ho trovato che le persone con demenza sono molto ben disposte a condividere se stesse, e noi dobbiamo fare lo stesso perché i rapporti crescano. Dobbiamo gettare al vento tutte le idee preconcette su ciò che sarà possibile e aspettarsi di essere sorpresi.
  3. Essere disposti a entrare nel loro mondo e convalidarli lì. Al di là del rispetto e della deferenza, dobbiamo renderci conto che la realtà delle persone con demenza può apparire alquanto diversa dalla nostra realtà. Poiché queste realtà divergono, le persone con demenza possono perdere la capacità di entrare nel mondo di un altro. Se vogliamo un rapporto, dovremo seguirli nel luogo in cui si trovano.
  4. Lasciamo alle spalle l'ego, abbracciamo l'empatia. Dobbiamo renderci conto che non abbiamo alcun controllo sulla situazione, che le persone non possono comportarsi o rispondere come ci aspettiamo o preferiamo. Dobbiamo essere disposti ad andare oltre le nostre torri di ego e entrare nella vita degli altri, cercando di vedere come vedono, sentirci come si sentono, sapere come sanno, anche soffrire quanto potrebbero soffrire. Questo, più di ogni altra cosa, darà alla luce la compassione e il desiderio di porre fine allo stigma che circonda l'Alzheimer e le altre demenze, per finanziare la ricerca della cura, e per contribuire a realizzare il cambiamento culturale nell'assistenza che è così necessario.
  5. Essere pienamente presenti. Durante le sedute di arteterapia, i nostri partecipanti con demenza sembrano essere assorbiti nel momento presente, sperimentando il flusso associato alla creatività e alla relazione. Dobbiamo apprendere la lezione da loro e fare lo stesso. Mi stupisce come questi studenti impegnati, multi-tasker guidati dalla tecnologia, sono in grado di centrare se stessi settimana dopo settimana e incontrare i loro partecipanti nella santità del momento presente.
  6. Ascoltare consapevolmente. Le persone con demenza possono trovare difficoltà a comunicare verbalmente. Dobbiamo imparare ad ascoltare con tutti i nostri sensi, e anche con il nostro spirito, in modo tutto accogliente e non giudicante. Favorire lo sviluppo di questa abilità può aprire un mondo profondo e meraviglioso per conoscere "allo stesso modo in cui noi siamo conosciuti".
  7. Toccare i pozzi profondi della personalità. Arrivando a conoscere qualcuno, possiamo apprezzare quei tratti essenziali, le qualità e gli interessi che lo rende quello che è. Queste caratteristiche e qualità spesso si rivelano attraverso la creatività. Nella ricerca di rapporti profondi con persone che hanno la demenza, dobbiamo attingere a questi, attraverso la reminiscenza e l'esperienza convalidata, e seguire il sentiero che intuiamo si sta aprendo davanti a noi. Ci possono essere tesori in attesa di essere trovati.
  8. Praticare pazienza e gentilezza - Le persone con demenza possono avere difficoltà ad esprimere i pensieri. Possono ripetersi abbastanza spesso. I nostri partecipanti spesso dimenticano gli studenti da una settimana all'altra. Un partecipante recente dice ogni settimana "Li ho appena incontrati oggi, ma mi piacciono molto". E' molto commovente vedere la gentilezza con cui gli studenti reagiscono a questa realtà, incoraggiando e abbracciando con calore i nuovi amici in ogni momento che si dispiega, riflettendo il comportamento che hanno visto nei rispettivi partecipanti.
  9. Solo esistere! Ognuno di noi ha valore solo per il fatto di esistere. La nostra cultura sembra dirci che il valore si acquisisce facendo qualcosa. Solo esistere - stare insieme nello stesso spazio e lasciare che i nostri spiriti si tocchino - è sufficiente per generare relazioni arricchenti che possono portare profondità e gioia.
  10. Trovare gioia nel viaggio. Gli arte terapeuti ci insegnano che l'obiettivo non è il prodotto finale, ma il viaggio di fare arte, e i ricordi, i sentimenti e le relazioni che si esprimono e si incoraggiano nel percorso. Come caregiver, familiari o amici, dobbiamo 'cambiarci gli occhiali' in modo da vedere le benedizioni e le gioie che sono sicuramente presenti, ed essere grati per ciascuna di esse.


Da quello che ho visto in questi studenti, ho fiducia nella generazione attuale di giovani. Essi sembrano avere un desiderio di servizio, di dare il loro contributo per un mondo migliore e più compassionevole. Sono coraggiosi, non indietreggiano per la paura di toccare il dolore degli altri, e di sperimentare la prospettiva a volte scomoda della propria crescita.


E da loro ho imparato forse una delle lezioni più importanti di tutte. Nel coltivare l'empatia e la compassione per gli altri che hanno le proprie ferite, possiamo scoprire l'essenza di noi stessi. Possiamo trovare le chiavi per sbloccare alcune delle nostre camere nascoste, in modo che anche noi possiamo sperimentare il tocco di guarigione delle relazioni in alcuni dei nostri stati di malattia. Ascoltando le storie degli altri, possiamo infatti scoprire delle parti della nostra narrazione che non abbiamo ancora sentito. Nel conoscere l'altro, possiamo arrivare a conoscere e avere compassione per noi stessi.


Sono sicuro di questo: dobbiamo creare le opportunità per i nostri giovani di sviluppare, fin dalla giovane età, i rapporti con le persone che hanno la demenza e altre condizioni etichettate della società come 'disabilità'. Questo potrebbe essere ciò che cambia il gioco, promuovendo l'empatia per trasformare la società in una cultura di compassione, non solo riguardo l'assistenza a chi ha la demenza e altre condizioni, ma anche per tutti noi, mentre ci relazioniamo con noi stessi e con gli altri su questa terra, la nostra bellissima casa.

 

 

 


Fonte: Daniel C. Potts MD/FAAN, noto neurologo, scrittore, educatore.

Pubblicato in MariaShriver.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.