Ricerche

Scoperto accumulo di amiloide di Alzheimer nel cervello di ventenni

Scoperto accumulo di amiloide di Alzheimer nel cervello di ventenniPlacche di amiloide all'esterno (plaques) e grovigli neurofibrillari (tangles) di proteina tau all'interno di un neurone. L'ultima ricerca ha scoperto l'accumulo di amiloide ANCHE ALL'INTERNO dei neuroni.L'amiloide - una proteina anomala il cui accumulo nel cervello è un segno distintivo dell'Alzheimer - inizia ad accumularsi all'interno dei neuroni di persone di 20 anni, un'età molto più precoce di quanto avessero immaginato gli scienziati, secondo un nuovo sorprendente studio della Northwestern Medicine.


Gli scienziati ritengono che questa sia la prima volta che l'accumulo di amiloide è dimostrato in questi cervelli umani giovani.


E' noto da tempo che l'amiloide si accumula e forma grumi di placca fuori dei neuroni negli adulti che invecchiano e nell'Alzheimer.


"Scoprire che amiloide inizia ad accumularsi così presto nella vita è senza precedenti", ha detto il ricercatore Changiz Gheula, professore di ricerca del Cognitive Neurology and Alzheimer's Disease Center della Facoltà Feinberg di Medicina della Northwestern University. "Questo è molto significativo perchè sappiamo che l'amiloide, quando è presente per lunghi periodi di tempo, è dannoso".


Lo studio è stato pubblicato il 2 marzo nella rivista Brain. Nello studio, gli scienziati hanno esaminato i neuroni colinergici del prosencefalo basale per cercare di capire il motivo per cui si danneggiano presto e sono tra i primi a morire nel normale invecchiamento e nell'Alzheimer. Questi neuroni vulnerabili sono strettamente coinvolti nella memoria e nell'attenzione.


Gheula e colleghi hanno esaminato questi neuroni nel cervello di tre gruppi di persone decedute: 13 individui giovani cognitivamente normali da 20 a 66 anni; 16 individui anziani non affetti da demenza da 70 a 99 anni; e 21 soggetti con Alzheimer da 60 a 95 anni di età.


Gli scienziati hanno scoperto che le molecole amiloidi cominciarono ad accumularsi dentro questi neuroni in giovane età adulta e continuano a farlo per tutta la durata della vita. Le cellule nervose in altre aree del cervello non hanno mostrato la stessa misura di accumulo di amiloide.


Le molecole di amiloide di queste cellule formano piccoli grumi tossici (gli oligomeri amiloidi), che erano presenti anche in individui sulla ventina e su altri individui giovani normali. La dimensione dei grumi è più grande negli individui più anziani e quelli con Alzheimer.


"Questo indica il motivo per cui questi neuroni muoiono presto", ha detto Gheula. "I piccoli grumi di amiloide possono essere una delle ragioni principali. L'accumulo permanente di amiloide in questi neuroni probabilmente contribuisce alla vulnerabilità di queste cellule alla patologia nell'invecchiamento e alle perdite nell'Alzheimer".


I grumi crescenti probabilmente danneggiano e infine uccidono i neuroni. E' noto che quando i neuroni sono esposti a questi grumi, scatenano un eccesso di perdite di calcio nella cellula, che ne può causare la morte.


"E' anche possibile che quando i grumi diventano così grandi, la macchina di degrado della cellula non riesca più a sbarazzarsi di loro e si intasi"
, ha dichiarato Gheula.


I grumi possono anche causare danni secernendo amiloide fuori della cellula, contribuendo alla formazione delle grandi placche amiloidi presenti nell'Alzheimer. Gheula e colleghi intendono in ricerche future indagare come l'amiloide interno danneggia i neuroni.

 

 

 

 

 


Fonte: Northwestern University via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Alaina Baker-Nigh , Shahrooz Vahedi , Elena Goetz Davis , Sandra Weintraub , Eileen H. Bigio , William L. Klein , Changiz Geula. Neuronal amyloid-β accumulation within cholinergic basal forebrain in ageing and Alzheimer’s disease. Brain, March 2015 DOI: 10.1093/brain/awv024

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: