Ricerche

Studio mette in discussione la teoria sulla memoria inconscia

Studio mette in discussione la teoria sulla memoria inconsciaRick AddanteUn nuovo studio condotto da un ricercatore della University of Texas di Dallas sfida una teoria scientifica a lungo accettata sul ruolo dell'ippocampo nella nostra memoria inconscia.


Per decenni gli scienziati hanno teorizzato che questa parte del cervello non è coinvolta nell'elaborazione della memoria inconscia, il tipo che ci permette di fare cose come abbottonare la camicia senza dover pensarci.


Ma la ricerca del Dr. Richard Addante, senior lecturer nella Facoltà di Scienze del Comportamento e del Cervello, solleva dubbi circa questa teoria.


"Questi nuovi risultati intriganti sollevano domande importanti sull'organizzazione dei sistemi della memoria e riuscirà senza dubbio a riceverà molta attenzione da altri ricercatori", ha detto il dottor Bert Moore, decano della Facoltà e Professore Emerito. "Il lavoro curato e riflessivo del Dott. Addante fornisce intuizioni interessanti sulle basi cerebrali della memoria".


Addante ha usato l'elettroencefalografia (EEG) per esaminare i modelli di onde cerebrali, mentre sottoponeva pazienti con amnesia e ippocampo danneggiato a test di memoria. Ha poi confrontato questi risultati con quelli di soggetti di controllo nell'ambito dello studio, che è stato pubblicato di recente sulla rivista NeuroImage.


Gran parte della conoscenza sull'ippocampo e del modo in cui il nostro cervello organizza la memoria proviene dalla ricerca del Massachusetts Institute of Technology su un paziente con amnesia conosciuto nei libri di testo come "Paziente HM", che dopo la morte avvenuta nel 2008 si è rivelato essere Henry Molaison.


L'ippocampo e altri tessuti di Molaison sono stati rimossi nel 1957 per trattare l'epilessia intrattabile. L'intervento è stato efficace nel ridurre le crisi, ma i ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che Molaison non poteva più generare nuovi ricordi a lungo termine, anche se riusciva a ricordare il suo passato prima dell'intervento chirurgico e aveva anche conservato le capacità di memoria inconscia.


Data la ricerca su Molaison, Addante aveva previsto che i pazienti con amnesia andassero bene sui test di memoria inconscia quando ha iniziato il suo studio. Se l'ippocampo non è necessario per la memoria inconscia, egli credeva che sarebbero andati altrettanto bene dei soggetti di controllo.


Ma l'EEG dei pazienti ha mostrato risultati molto diversi rispetto agli altri, costringendo Addante a cambiare la sua ipotesi. Contrastare una teoria scientifica consolidata (ampiamente pubblicata nei principali libri di testo di neuroscienze) è un tentativo da ultima spiaggia, ha detto. Addante si è trovato a decidere se l'enorme impegno valesse l'investimento. "Non sapevo se la ricerca avrebbe mai visto la luce del sole", ha detto Addante, che era ricercatore laureato alla University of California di Davis quando ha testato i pazienti. "Ma mi sono impegnato a risolvere un puzzle e non ho mai lasciato nulla a metà finora nella vita".


Ora che il lavoro è pubblicato, Addante spera che la ricerca possa portare ad ulteriori studi in questo campo. Ha detto che c'è una necessità di ulteriori ricerche con l'EEG per studiare la memoria inconscia.


"Se non altro, si dimostrerà sbagliata", ha detto Addante. "Anche in quel caso sarà interessante, perché è scienza e progresso".

 

 

 

 

 


Fonte: University of Texas at Dallas (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Richard James Addante. A critical role of the human hippocampus in an electrophysiological measure of implicit memory. NeuroImage, 2015; 109: 515 DOI: 10.1016/j.neuroimage.2014.12.069

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: