Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Gli anziani hanno il cervello «mattiniero» ... che funziona in modo diverso nella giornata

Gli anziani hanno il cervello «mattiniero» ... e funziona in modo diverso nella giornataGli anziani sottoposti a test nel loro tempo ottimale del giorno (al mattino), non solo hanno prestazioni migliori su compiti cognitivi impegnativi, ma attivano anche le stesse reti del cervello responsabili dell'attenzione e della soppressione delle distrazioni dei giovani adulti, secondo dei ricercatori canadesi.


Lo studio, pubblicato online il 7 luglio nella rivista Psychology and Aging, ha prodotto alcune delle prove più forti ottenute finora che ci sono differenze notevoli nella funzione del cervello nel corso del giorno per gli anziani.


"L'ora del giorno ha molta importanza quando si testano gli anziani. Questa fascia di età è più focalizzata e più capace di ignorare le distrazioni al mattino che al pomeriggio", ha detto l'autore principale John Anderson, dottorando del Rotman Research Institute del Baycrest Health Sciencese e del Dipartimento di Psicologia dell'Università di Toronto. "Le loro migliori prestazioni cognitive al mattino sono correlate ad una maggiore attivazione delle aree di controllo dell'attenzione del cervello (cortecce prefrontale rostrale e parietale superiore) in modo simile a quello degli adulti più giovani".


Alla domanda sull'utilità dei risultati della suo team per gli anziani nelle loro attività quotidiane, Anderson ha raccomandato che gli anziani cerchino di pianificare nella mattina le loro attività mentalmente più impegnative. Tali compiti potrebbero includere la dichiarazione delle tasse, gli esami (ad esempio il rinnovo della patente di guida), vedere un medico per una nuova condizione, o cucinare una ricetta sconosciuta.


Nello studio, 16 adulti più giovani (19 - 30 anni) e 16 anziani (60-82) hanno partecipato a una serie di test di memoria nel pomeriggio dalle 13 alle 17. I test comprendevano la visione e il richiamo di una serie di combinazioni immagine-parola che lampeggiavano sullo schermo del computer. Sullo schermo apparivano anche parole irrilevanti legate a certe immagini e foto irrilevanti legate a certe parole, per distrarli.


Durante il test, il cervello dei partecipanti è stato sottoposto a scansione con fMRI che permette ai ricercatori di rilevare con grande precisione quali aree si attivano nel cervello. Gli anziani avevano il 10 per cento di probabilità in più di prestare attenzione alle informazioni distraenti, rispetto ai più giovani, che sono in grado di concentrarsi con successo e di bloccare queste informazioni. I dati fMRI hanno confermato che gli anziani mostrano un lavorio sostanzialmente minore nelle aree di controllo dell'attenzione del cervello, rispetto agli adulti più giovani.


In effetti gli anziani testati nel pomeriggio erano "in sospensione", cioè mostravano l'attivazione della modalità predefinita (un insieme di aree che si attivano per prime quando una persona è a riposo o non pensa a niente in particolare), indicando che forse stavano sperimentando una grande difficoltà di concentrazione. Quando una persona è pienamente impegnata con la messa a fuoco, viene soppressa l'attivazione dello stato di riposo.


Quando i 18 anziani sono stati testati di mattina (8,30-10,30) hanno avuto risultati notevolmente migliori, in base a due distinte misure comportamentali del controllo inibitorio. Hanno prestato attenzione ad un minor numero di elementi distraenti rispetto ai loro coetanei testati in orari non di punta della giornata, chiudendo il gap di prestazioni con gli adulti più giovani. È importante sottolineare che gli anziani analizzati al mattino attivano le stesse aree cerebrali dei giovani ignorando correttamente le informazioni distraenti. Questo suggerisce che è importante il momento in cui gli anziani sono testati, sia per le loro prestazioni, che per il tipo di attività cerebrale che ci si dovrebbe aspettare.


"La nostra ricerca è coerente con le relazioni scientifiche precedenti che avevano dimostrato che nel momento della giornata che corrisponde a schemi di eccitazione circadiani, gli anziani sono in grado di resistere alla distrazione", ha detto il dottor Lynn Hasher, autore senior dello studio e una delle principali autorità sul funzionamento dell'attenzione e dell'inibizione degli adulti giovani e meno giovani.


I risultati del Baycrest offrono una bandiera di avvertimento a coloro che studiano la funzione cognitiva degli anziani. "Dal momento che gli anziani tendono ad essere tipi mattinieri, ignorare l'ora del giorno quando si testano per alcuni compiti può creare un'immagine inesatta delle differenze di età nella funzione del cervello", ha detto il dottor Hasher, scienziato senior del Rotman Research Institute del Baycrest e Professore di Psicologia all'Università di Toronto.


Lo studio del Baycrest è stato finanziato dal Canadian Institutes for Health Research, e dal Natural Sciences and Engineering Research Council.

 

 

 

 

 


FonteBaycrest Centre for Geriatric Care  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  John A. E. Anderson, Karen L. Campbell, Tarek Amer, Cheryl L. Grady, Lynn Hasher. Timing Is Everything: Age Differences in the Cognitive Control Network Are Modulated by Time of Day.. Psychology and Aging, 2014; DOI: 10.1037/a0037243

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.