Ricerche

Neurogenesi: meccanismo auto-riparativo che preserva il cervello nelle neurodegenerazioni

Neurogenesi: meccanismo auto-riparativo che preserva il cervello nelle neurodegenerazioniIl Dr Gomez-Nicola (in primo piano) con il Professore Hugh PerryUna nuova ricerca, condotta da scienziati dell'Università di Southampton, ha scoperto che la neurogenesi (il meccanismo di auto-riparazione del cervello adulto) può aiutare a preservare la funzione del cervello nelle malattie neurodegenerative come l'Alzheimer, il Parkinson e le malattie da prioni.


La progressiva degenerazione e la morte del cervello, che si verificano in molte malattie neurodegenerative, sono spesso viste come un processo inarrestabile e irrevocabile.


Tuttavia, il cervello ha un certo potenziale di autoriparazione che riguarda il rinnovo di alcune popolazioni neuronali che vivono nel giro dentato, una semplice regione corticale che fa parte del sistema funzionale più grande del cervello che controlla l'apprendimento e la memoria: l'ippocampo.


Questo processo è noto come neurogenesi. Anche se una maggiore neurogenesi è stata individuata nelle malattie neurodegenerative in passato, il suo valore non è chiaro. Ora un gruppo di ricerca, guidato dal dottor Diego Gomez-Nicola dal Centro Scienze Biologiche dell'Università di Southampton, ha rilevato un aumento della neurogenesi nel giro dentato, che contrasta parzialmente la perdita neuronale.


In un modello di malattia prionica di topo, la ricerca ha identificato il decorso temporale della generazione di questi neuroni e la loro integrazione nei circuiti cerebrali. Mentre questo meccanismo di auto-riparazione è efficace nel mantenere alcune funzioni neuronali nelle fasi iniziali e mediane della malattia, non riesce a farlo nelle fasi più avanzate. Questo mette in evidenza una finestra temporale per un intervento terapeutico potenziale, per preservare gli effetti benefici di una maggiore neurogenesi.


Il Dr Gomez-Nicola dice: "Questo studio evidenzia il potenziale latente del cervello nell'orchestrare una risposta auto-riparante. La continuazione di questa linea di ricerca sta aprendo nuove strade per identificare quali segnali specifici sono usati per promuovere questa risposta neurogena più forte, con l'obiettivo di puntare all'ottimizzazione della neurogenesi come approccio terapeutico per promuovere la rigenerazione dei neuroni persi".

 

*******
Lo studio, pubblicato sulla rivista Brain, coinvolge anche il professor Hugh Perry e il dottor Mariana Vargas-Caballero dell'Università di Southampton, nonché le Università di Amburgo e Valencia. E' finanziato dal Settimo Programma Quadro dell'Unione Europea e dal Medical Research Council.

 

 

 

 

 


FonteUniversity of Southampton  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Diego Gomez-Nicola, Stefano Suzzi, Mariana Vargas-Caballero, Nina L. Fransen, Hussain Al-Malki, Arantxa Cebrian-Silla, Jose Manuel Garcia-Verdugo, Kristoffer Riecken, Boris Fehse, and V. Hugh Perry. Temporal dynamics of hippocampal neurogenesis in chronic neurodegeneration. Brain, June 2014 DOI: 10.1093/brain/awu155

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: