Ricerche

La 'marijuana interna' del cervello e l'Alzheimer

La 'marijuana interna' del cervello e l'AlzheimerUn nuovo studio condotto da ricercatori della Stanford University coinvolge il blocco degli endocannabinoidi (sostanze di segnalazione che sono la versione interna al cervello delle sostanze chimiche psicoattive della marijuana e dell'hashish) nella patologia iniziale dell'Alzheimer.


Secondo i risultati dello studio, una sostanza chiamata A-beta (fortemente sospettata di avere un ruolo cruciale nell'Alzheimer perché è il principale costituente dei ciuffi caratteristici che punteggiano il cervello delle persone affette dal morbo) può compromettere l'apprendimento e la memoria nelle prime fasi della malattia, bloccando l'azione naturale e benefica degli endocannabinoidi nel cervello.


Il gruppo di Stanford sta ora cercando di capire i dettagli molecolari del luogo e modo in cui si verifica questa interferenza. Definire con precisione questi dettagli potrebbe spianare la strada a nuovi farmaci per allontanare i difetti della capacità di apprendere e della memoria che caratterizzano l'Alzheimer.


Nello studio, pubblicato il 18 giugno su Neuron, i ricercatori hanno analizzato gli effetti dell'A-beta su una struttura del cervello chiamata ippocampo. In tutti i mammiferi, questa struttura del mesencefalo ha la funzione combinata di un sistema GPS e di assistenza alla memorizzazione dei ricordi, insieme ad altri compiti. "L'ippocampo ci dice dove siamo nello spazio in un dato momento", ha detto Daniel Madison, PhD, professore associato di fisiologia molecolare e cellulare e autore senior dello studio. "Esso elabora anche le nuove esperienze in modo che i nostri ricordi di esse possano essere memorizzati in altre parti del cervello. E' il segretario dell'archivio, non il contenitore dell'archivio".

 

Constatazione sorprendente

Madison ed i suoi collaboratori hanno esaminato, con tecniche elettrofisiologiche di sezioni del cervello di ratti, un circuito ippocampale chiave, formato da una classe di cellule nervose chiamate «cellule piramidali». Essi volevano vedere come i diversi elementi del circuito reagiscono a piccole quantità di A-beta, che viene prodotta in tutto il corpo, ma le cui funzioni fisiologiche normali non erano ancora state ben definite fino ad ora.


Un risultato sorprendente del gruppo di Madison suggerisce che, in piccole concentrazioni fisiologicamente normali, l'A-beta induce un processo di rilancio di segnali che, in certe condizioni, aumenta le probabilità che le cellule nervose piramidali trasmettano le informazioni che hanno ricevuto ad altre cellule nervose dopo di loro.


Quando i segnali diretti al tratto piramidale arrivano ad alta intensità, le cellule piramidali si adattano, diventando più inclini ad attivarsi di quello che sono normalmente. Questo fenomeno, che i neuroscienziati chiamano «plasticità», è ritenuto di supporto all'apprendimento e alla memoria. Esso assicura che le scariche in arrivo ad alta intensità (come quelle che potrebbero accompagnare la caduta in un buco, nel bruciarsi un dito con un fiammifero, nel ricordarsi repentinamente dove è seppellito il tesoro o nell'apprendere per la prima volta come si scrive «gatto») siano saldamente memorizzate nei depositi della memoria del cervello e più accessibili per essere recuperate.


Questi scoppi intensi di segnali in ingresso sono l'eccezione, non la regola. Le cellule nervose piramidali ricevono continuamente impulsi casuali dalle cellule nervose a monte; di fatto è il rumore di un sistema elettrochimico di segnalazione molto complesso. Ciò richiede un certo controllo di qualità.


Le cellule piramidali sono incoraggiate ad ignorare il semplice rumore da un'altra serie di cellule nervose «guastafeste» chiamate interneuroni. Come il coniuge proverbiale che legge il giornale a tavola, gli interneuroni scoraggiano continuamente le cellule piramidali dal trasmettere impulsi alle cellule nervose a valle secernendo di continuo una sostanza inibitrice; è l'equivalente molecolare di suggerire con sbadigli, strabuzzamento degli occhi e mormorio frequente che questa o quella chiacchiera non vale proprio la pena di essere ripetuta al mondo intero, quindi perché non starsene semplicemente zitti?

 

Passare avanti il messaggio

Ma quando la notizia è particolarmente significativa, le cellule piramidali sparano il proprio "no, questo è importante, stai zitto!" chimico (gli endocannabinoidi) che si legano ai recettori specializzati sugli interneuroni dell'ippocampo, li sopprimono temporaneamente e permettono agli impulsi di continuare a viaggiare lungo le cellule piramidali verso le loro colleghe successive.


Si sa che l'A-beta compromette la plasticità della cellula piramidale. Ma il team di ricerca di Madison ha mostrato per la prima volta come lo fa. Dei piccoli gruppi costituiti da poche molecole di A-beta rendono impotenti i recettori degli endocannabinoidi degli interneuroni, lasciando l'inibizione intatta anche a fronte di importanti novità e quindi schiacciano la plasticità.


Mentre si sa da almeno 10 anni che i piccoli gruppi di A-beta sono tossici per le cellule nervose, questa tossicità richiede un'esposizione di termine relativamente lungo, ha detto Madison. L'effetto di annullamento degli endocannabinoidi rivelato dal nuovo studio, è molto più transitorio. Un ruolo fisiologico possibile dell'A-beta nel cervello normale e sano, ha detto, è fornire a quei circuiti sofisticati dell'organo un altro strato benefico di discrezionalità nell'elaborare le informazioni.


Madison pensa che questo meccanismo normale e quotidiano dell'A-beta, che va fuori controllo, possa rappresentare un punto di partenza verso gli stadi progressivi e distruttivi dell'Alzheimer.


Non si sa ancora esattamente come l'A-beta blocca l'azione degli endocannabinoidi. Ma il gruppo di Madison ha dimostrato che l'A-beta non impedisce loro di raggiungere e di vincolarsi ai loro recettori sugli interneuroni. Piuttosto, essa interferisce con qualcosa che genera normalmente il vincolo. (Per analogia, girare la chiave nel blocchetto di accensione dell'auto non farà granchè se la batteria è morta).


Madison ha detto che sarebbe fuori luogo supporre che, proprio perché l'A-beta interferisce con un processo neurofisiologico prezioso, mediato dagli endocannabinoidi, fumare erba sarebbe un ottimo modo per contrastare o prevenire gli effetti nefasti dell'A-beta sulla memoria e sulla capacità di apprendere. Fumare o ingerire marijuana ha il risultato di inibire per lungo tempo l'azione degli interneuroni da parte del prodotto chimico attivo della pianta, il tetraidrocannabinolo. Questo è molto diverso dalle brevissime raffiche di endocannabinoidi con tempistica precisa che avvengono solo quando un segnale è veramente degno di attenzione.


"Gli endocannabinoidi nel cervello sono molto transitori e agiscono solo quando sono disponibili stimoli importanti"
, ha detto Madison, che è anche membro dell'istituto interdisciplinare Stanford Bio-X. "L'esposizione alla marijuana oltre minuti o ore è diversa: assomiglia ad enfatizzare tutto indiscriminatamente, così si perde l'effetto filtrante. E' come ascoltare cinque stazioni radio alla volta".


Inoltre, inondare il cervello con cannabinoidi esterni induce tolleranza e può ridurre il numero dei recettori degli endocannabinoidi sugli interneuroni, tarpando la capacità degli endocannabinoidi di fare il loro lavoro fondamentale di aprire le porte all'apprendimento e alla memoria.

 

**********
L'autore principale dello studio é lo studioso postdottorato Adrienne Orr, PhD. Altri co-autori sono Jesse Hanson, PhD (ora al Genentech) e Dong Li, PhD;Adam Klotz, ora studente alla Stanford Graduate School of Business. Lo studio è stato finanziato dal National Institute for Mental Health, dalla Harold e Leila Y. Mathers Charitable Foundation e dalla Elan Pharmaceuticals.

 

 

 

 

 


Fonte:  Bruce Goldman in Stanford University Medical Center  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Adrienne L. Orr, Jesse E. Hanson, Dong Li, Adam Klotz, Sarah Wright, Dale Schenk, Peter Seubert, Daniel V. Madison. β-Amyloid Inhibits E-S Potentiation through Suppression of Cannabinoid Receptor 1-Dependent Synaptic Disinhibition. Neuron, 2014; 82 (6): 1334 DOI: 10.1016/j.neuron.2014.04.039

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...