Ricerche

Composto inverte i sintomi dell'Alzheimer, nei topi

Composto inverte i sintomi dell'Alzheimer, nei topiSusan Farr, Ph.D.Un composto molecolare sviluppato da scienziati della Saint Louis University ha ripristinato l'apprendimento, la memoria e il comportamento appropriato in un modello di topo di Alzheimer, secondo i risultati pubblicati nel numero di maggio del Journal of Alzheimer.


La molecola ha anche ridotto l'infiammazione nella parte del cervello responsabile dell'apprendimento e della memoria.


Il documento, scritto da un team di scienziati guidati da Susan Farr, PhD, professore di ricerca in geriatria alla Saint Louis University, è il secondo studio sui topi a supportare il potenziale valore terapeutico di un composto antisenso nel trattamento dell'Alzheimer negli esseri umani.


"Esso ha invertito i deficit di apprendimento e memoria e l'infiammazione del cervello dei topi geneticamente progettati per modellare l'Alzheimer", ha detto la Farr.
"I nostri risultati suggeriscono che il composto, che si chiama oligonucleotide antisenso (OL-1), è un potenziale trattamento per l'Alzheimer".


La Farr avverte che l'esperimento è stato condotto in un modello di topo.
Come ogni farmaco, prima che un composto antisenso possa essere testato in studi clinici umani, devono essere completati dei test di tossicità. L'antisenso è una catena di molecole che si legano al RNA messaggero, lanciando una cascata di eventi cellulari che disattiva un certo gene.


In questo caso, l'OL-1 blocca la traduzione del RNA, innescando un processo tale da impedire la produzione di proteina amiloide-beta in eccesso.
L'antisenso specifico diminuisce significativamente la sovraespressione di una sostanza chiamata proteina precursore dell'amiloide-beta, che normalizza la quantità di proteina amiloide-beta nel corpo. L'eccesso di proteina amiloide-beta è ritenuta parzialmente responsabile della formazione della placca nel cervello di pazienti con Alzheimer.


Gli scienziati hanno testato l'OL-1 in un tipo di topo che sovraesprime una forma mutante del gene umano precursore dell'amiloide-beta.
In precedenza essi avevano testato la sostanza in un modello di topo che ha una mutazione naturale, provocando la sovra-produzione di amiloide-beta.


Come le persone che hanno l'Alzheimer, entrambi i tipi di topo hanno dei deterioramenti legati all'età nell'apprendimento e nella memoria, livelli elevati di proteina amiloide-beta che rimangono nel cervello e una maggiore infiammazione e danno ossidativo nell'ippocampo - la parte del cervello responsabile del
l'apprendimento e della memoria. "Per essere efficace negli esseri umani, l'OL-1 dovrebbe essere efficace nel sopprimere la produzione della proteina amiloide-beta umana", ha detto la Farr.


Gli scienziati hanno confrontato i topi modificati geneticamente per produrre un eccesso di proteina amiloide-beta umana con un ceppo selvatico, che serviva da controllo.
Tutti quelli del ceppo selvatico hanno ricevuto un antisenso a caso, mentre circa la metà dei topi modificati geneticamente hanno ricevuto dell'antisenso a caso, e una metà hanno ricevuto l'OL-1. I topi sono stati sottoposti ad una serie di test volti a misurare memoria, apprendimento e comportamento appropriato, come muoversi in un labirinto, esplorare un luogo sconosciuto e riconoscere un oggetto.


Gli scienziati hanno scoperto che l'apprendimento e la memoria è migliorata nei topi geneticamente modificati che hanno ricevuto l'OL-1, rispetto ai topi modificati geneticamente che hanno ricevuto dell'antisenso casualmente.
Apprendimento e memoria erano gli stessi nei topi modificati geneticamente che hanno ricevuto l'OL-1 e nei topi selvatici che hanno ricevuto un antisenso a caso.


Si è inoltre valutato l'effetto della somministrazione del farmaco attraverso il sistema nervoso centrale (che ha quindi attraversato la barriera emato-encefalica per entrare direttamente nel cervello), e attraverso una vena della coda (circolando quindi attraverso il flusso sanguigno nel corpo).
Hanno trovato che il punto di iniezione del farmaco ha poco effetto sull'apprendimento e dulla memoria.


"I nostri risultati rafforzano l'importanza della proteina amiloide-beta nel processo dell'Alzheimer. Essi suggeriscono che un antisenso che punta il precursore della proteina amiloide-beta è una
terapia potenziale per esplorare il modo di invertire i sintomi della malattia", ha detto la Farr.

 

 

 

 

 


FonteSaint Louis University Medical Center  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Susan A. Farr, Michelle A. Erickson, Michael L. Niehoff, William A. Banks, John E. Morley. Central and Peripheral Administration of Antisense Oligonucleotide Targeting Amyloid-β Protein Precursor Improves Learning and Memory and Reduces Neuroinflammatory Cytokines in Tg2576 (AβPPswe) Mice. Journal of Alzheimer’s Disease, 2014 DOI: 10.3233/JAD-131883

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: