Ricerche

Scoperta molecola naturale per trattare il diabete di tipo 2

Scoperta molecola naturale per trattare il diabete di tipo 2Ricercatori della Facoltà di Medicina della Université Laval, del «Quebec Heart and Lung Institute Research Center», e dell'«Institute of Nutrition and Functional Foods» hanno scoperto una molecola naturale che potrebbe essere usata per il trattamento dell'insulino-resistenza e del diabete di tipo 2.


La molecola, un derivato di acidi grassi omega-3, imita alcuni degli effetti dell'esercizio fisico sulla regolazione del glucosio nel sangue. I dettagli della scoperta fatta dal professor André Marette e del suo team sono stati pubblicati ieri su Nature Medicine.


E' noto da tempo che gli acidi grassi omega-3 possono aiutare a ridurre l'insulino-resistenza causata da una dieta ricca di grassi saturi. Nel loro lavoro precedente, André Marette ed i suoi colleghi avevano collegato questi effetti ad un lipide bioattivo chiamato protectin D1. In ulteriori indagini, hanno scoperto che un altro membro della stessa famiglia, chiamato protectin DX (PDX), innesca la produzione e il rilascio di interleuchina 6 (IL-6) nelle cellule muscolari, una risposta che avviene anche durante l'esercizio fisico.


"Una volta nel sangue, la IL-6 controlla i livelli di glucosio in due modi: segnala al fegato di ridurre la produzione di glucosio e agisce direttamente sui muscoli per aumentare l'assorbimento del glucosio", spiega il ricercatore, che è anche Direttore Scientifico dell'Institute of Nutrition and Functional Foods della Université Laval.

Può essere rilevante perché:

Diabete e Alzheimer sono malattie con un certo grado di affinità e collegamento, tanto che alcuni ricercatori chiamano l'Alzheimer «Diabete di tipo 3».


I ricercatori hanno usato topi transgenici privi del gene IL-6 per dimostrare il legame tra PDX e IL-6. La PDX aveva ben poco effetto sul controllo della glicemia in questi animali. Nei test simili condotti su ratti diabetici obesi, la PDX ha dimostrato di migliorare drasticamente la reattività all'insulina, l'ormone che regola il glucosio nel sangue. "Il meccanismo d'azione descritto per la PDX rappresenta una nuova strategia terapeutica per migliorare il controllo del glucosio", propone il ricercatore. "La sua efficacia può essere paragonabile a quella di certi farmaci attualmente prescritti per controllare la glicemia".


Anche se la PDX sembra imitare l'effetto dell'esercizio fisico, innescando la secrezione di IL-6 nei muscoli, André Marette avverte che non è un sostituto dell'attività fisica. "L'esercizio ha benefici cardiovascolari e altri benefici ormonali che vanno ben al di là dei suoi effetti metabolici sui muscoli", aggiunge il ricercatore, il cui lavoro è supportato dai Canadian Institutes of Health Research (CIHR) e dalla Canadian Diabetes Association. Il professor Marette e l'Université Laval hanno depositato una domanda di brevetto per la PDX e le sue applicazioni terapeutiche. "Per noi, il passo successivo è dimostrare gli effetti antidiabetici negli esseri umani e determinare il recettore attraverso il quale agisce la PDX".


Oltre ad André Marette, lo studio è stato scritto da Phillip White, Philippe Saint-Pierre, Alexandre Charbonneau, Patricia Mitchell, Emmanuelle St-Amand, e Bruno Marcotte.

 

 

 

 

 


FonteUniversité Laval  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Phillip J White, Philippe St-Pierre, Alexandre Charbonneau, Patricia L Mitchell, Emmanuelle St-Amand, Bruno Marcotte, André Marette. Protectin DX alleviates insulin resistance by activating a myokine-liver glucoregulatory axis. Nature Medicine, 2014; DOI: 10.1038/nm.3549

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: