Ricerche

Carne e formaggio possono fare gli stessi danni del fumo

Carne e formaggio possono fare gli stessi danni del fumoCome molti abitanti di Molochio, cittadina italiana in provincia di Reggio Calabria che ha una delle più alte prevalenze di centenari al mondo, Salvatore Caruso di 108 anni, ha mantenuto una dieta vegetale a basso contenuto proteico per la maggior parte della sua vita.Quell'ala di pollo che stai mangiando potrebbe essere letale come una sigaretta.


In un nuovo studio che ha monitorato un ampio campione di adulti per quasi vent'anni, dei ricercatori hanno scoperto che una dieta ricca di proteine ​​animali durante la mezza età moltiplica per quattro la probabilità di morire di cancro, rispetto a chi ha una dieta a basso contenuto di proteine; un fattore di rischio di mortalità paragonabile a quello del fumo.


"C'è l'equivoco che, poiché tutti mangiamo, capire la nutrizione è semplice. Ma la questione non è se una certa dieta ci permette di stare bene per tre giorni, ma se può aiutarci a sopravvivere fino ai 100 anni", Ha detto l'autore corrispondente Valter Longo, Professore Edna M. Jones di biogerontologia alla Davis School of Gerontology della University of Southern California (USC) e direttore del Longevity Institute alla USC.


L'eccessivo consumo di proteine non è solo ​​collegato a un drammatico aumento della mortalità per cancro, ma le persone di mezza età che assumono molte proteine ​​di origine animale (come carne, latte e formaggi) sono anche più suscettibili ad una morte precoce in generale, ha rivelato lo studio, pubblicato ieri in Cell Metabolism.


Gli amanti delle proteine hanno avuto il 74 per cento in più di probabilità di morire per qualsiasi causa entro il periodo di studio, rispetto alle loro controparti con contenuto proteico più basso. Hanno avuto anche diverse volte di più probabilità di morire di diabete.


Ma la quantità di proteine da assumere è un argomento controverso da lungo tempo, confuso dalla popolarità delle diete proteiche pesanti come il Paleo e l'Atkins. Prima di questo studio, i ricercatori non avevano mai dimostrato una correlazione definitiva tra un elevato consumo di proteine ​​e il rischio di mortalità. Piuttosto che guardare l'età adulta come una fase monolitica della vita, come hanno fatto altri ricercatori, l'ultimo studio considera come cambia la biologia quando invecchiamo e il ruolo che hanno le decisioni nella mezza età sull'intero ciclo di vita. In altre parole, ciò che ci fa bene in una età può essere dannoso in un'altra.


Le proteine controllano l'ormone della crescita IGF-I, che aiuta il nostro corpo a crescere, ma è collegato alla suscettibilità al cancro. I livelli di IGF-I cadono drasticamente dopo i 65 anni, con conseguente potenziale fragilità e perdita di massa muscolare. Lo studio dimostra che, mentre l'elevato consumo di proteine ​​durante la mezza età è molto dannoso, esso è protettivo per gli anziani: gli over 65 che hanno una dieta ad alte/moderate proteine erano meno suscettibili alle malattie.


Quest'ultimo studio attinge dalla ricerca del passato di Longo sull'IGF-I, compresa quella su una coorte Ecuadoriana che sembrava avere poca suscettibilità al cancro o al diabete a causa di una mutazione genetica che abbassa i livelli di IGF-I; i componenti del gruppo erano tutti inferiori al metro e 50 di altezza. "La ricerca dimostra che una dieta a basso contenuto proteico in mezza età è utile per prevenire il cancro e la mortalità complessiva, attraverso un processo che coinvolge la regolazione dell'IGF-I e probabilmente i livelli di insulina" ha detto il co-autore Eileen Crimmins, titolare della cattedra AARP di Gerontologia all'USC. "Tuttavia, noi proponiamo anche che, in età più avanzata, può essere importante evitare una dieta a basso contenuto proteico per consentire il mantenimento di un peso salutare e la protezione dalla fragilità".


Fondamentalmente, i ricercatori hanno scoperto che le proteine ​​di origine vegetale, come quelle dei fagioli, non sembrano avere gli stessi effetti di mortalità delle proteine ​​animali. I tassi di cancro e di morte non sembrano essere influenzati dal controllo dei carboidrati o dal consumo di grassi, suggerendo che le proteine ​​animali sono il principale colpevole. "La maggioranza degli americani mangia circa il doppio di proteine ​del dovuto, e sembra che il miglior cambiamento potrebbe essere abbassare l'assunzione giornaliera di tutte le proteine​​, ma soprattutto di quelle ​​di origine animale", ha detto Longo. "Ma non arrivare all'estremo di tagliare tutte le proteine; si può andare dall'essere protetti ad essere malnutriti molto rapidamente".


I risultati di Longo supportano la raccomandazione di una serie di importanti agenzie di salute di consumare circa 0,8 grammi di proteine ​​per chilogrammo di peso corporeo ogni giorno nella mezza età. Ad esempio, una persona di 58 kg dovrebbe assumere circa 45/50g di proteine ​​al giorno, con preferenza per quelle derivate ​​dalle piante, come i legumi, spiega Longo. I ricercatori hanno definito una dieta ricca di proteine ​​come quella che ricava almeno il 20 per cento delle calorie dalle proteine​​, che comprendono sia le proteine a base vegetale che quelle di origine animale. Una dieta «moderata» in proteine riceve dal 10 al 19 per cento delle calorie da proteine ​​e una dieta povera di proteine ​​ne ricava meno del 10 per cento dalle proteine​​.


Anche moderate quantità di proteine ​​hanno effetti negativi durante la mezza età, secondo i ricercatori. In tutti i 6.318 adulti over 50 dello studio, l'assunzione media di proteine ​​era di circa il 16 per cento delle calorie totali giornaliere, con circa i due terzi di proteine ​​animali, in linea con i dati del consumo nazionale USA di proteine​​. Il campione di studio era rappresentativo di tutte le etnie, dei gradi di istruzione e degli stati di salute.


Lo studio ha dimostrato che le anche persone che avevano assunto una quantità moderata di proteine ​​avevano comunque tre volte più probabilità di morire di cancro rispetto a coloro che avevano una dieta a basso contenuto di proteine ​​nella mezza età. Nel complesso, anche il piccolo cambiamento di diminuire l'assunzione di proteine ​​da livelli moderati a bassi riduce il rischio di morte precoce del 21 per cento.


Sono stati registrati direttamente i livelli dell'ormone della crescita IGF-I su una porzione più piccola scelta a caso nel campione (2.253 persone). I risultati hanno mostrato che, per ogni aumento di 10 ng/ml di IGF-I, quelli con una dieta ricca di proteine avevano il 9 per cento di probabilità in più di morire di cancro rispetto a quelli con una dieta a basso contenuto di proteine​​, in linea con le ricerche del passato che avevano associati il livello di IGF-I al rischio di cancro.


I ricercatori hanno anche esteso i risultati alle diete ad alto contenuto proteico e al rischio di mortalità, esaminando la causalità nei topi e nei modelli cellulari. In uno studio sul tasso e sulla progressione del tumore tra i topi, i ricercatori hanno mostrato una incidenza di cancro inferiore e dimensioni del tumore più piccole del 45 per cento, in media, tra i topi con una dieta a basso contenuto proteico rispetto a quelli con una dieta ricca di proteine, ​​alla fine dell'esperimento di due mesi.


"Quasi tutti avremo una cellula tumorale o cellule pre-cancerose ad un qualche momento della vita. La domanda è: progredirà?", ha detto Longo. "Si scopre che uno dei fattori principali nel determinare se ciò avviene è l'assunzione di proteine"​.


Morgan Levine, Jorge Suarez e Pinchas Cohen della USC Davis hanno collaborato allo studio. La ricerca è stata finanziata dal National Institute of Aging del National Institutes of Health e da una borsa di studio del Norris Cancer Center della USC data a Longo.

 

 

 

 

 


Fonte:  Suzanne Wu in University of Southern California  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Morgan E. Levine, Jorge A. Suarez, Sebastian Brandhorst, Priya Balasubramanian, Chia-Wei Cheng, Federica Madia, Luigi Fontana, Mario G. Mirisola, Jaime Guevara-Aguirre, Junxiang Wan, Giuseppe Passarino, Brian K. Kennedy, Min Wei, Pinchas Cohen, Eileen M. Crimmins, Valter D. Longo. Low Protein Intake Is Associated with a Major Reduction in IGF-1, Cancer, and Overall Mortality in the 65 and Younger but Not Older Population. Cell Metabolism, 2014; 19 (3): 407-417 DOI: 10.1016/j.cmet.2014.02.006

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...