Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ti sei divertito? Sappiamo dove memorizzi questo ricordo

Nuns having funDove vai per un buon boccone e qual è invece il posto dove non si mangia bene? Dove c'è più probabilità di divertirsi e dove invece le cose potrebbero non girare così bene?


Per ogni persona - ma anche per gli animali - le informazioni sulle esperienze piacevoli e spiacevoli sono di fondamentale importanza. I ricercatori dell'Istituto Nencki di Biologia Sperimentale di Varsavia hanno scoperto come e dove sono memorizzati i ricordi piacevoli, dimostrando che il luogo é una zona del cervello nota come nucleo centrale dell'amigdala.


I risultati ottenuti dal gruppo del Prof. Leszek Kaczmarek e della Dr. Ewelina Knapska, pubblicati sul Journal of Neuroscience, dimostrano che una singola proteina ha un ruolo chiave nel processo di memorizzazione di esperienze piacevoli. In futuro questi risultati possono aiutare a progettare trattamenti più efficaci per le dipendenze, la depressione e la schizofrenia. "Vogliamo che la nostra ricerca ci aiuti a capire la relazione tra la mente e il cervello studiando la memoria, che è di fondamentale importanza per la mente. Senza memoria non c'è la mente", spiega il Prof. Kaczmarek nel contesto della ricerca.


I neurobiologi distinguono tra diversi tipi di memoria, i cui tipi più elementari sono caratterizzati da una chiara dualità. Per esempio noi abbiamo ricordi a breve e lungo termine, dichiarativi (con riferimento ad eventi / dati) e procedurali (memoria di azioni). I ricercatori dell'Istituto Nencki si sono concentrati su un'altra dicotomia di grande importanza per ogni animale: la memoria appetitiva relativa ai ricordi di esperienze piacevoli e ai ricordi spiacevoli legati ad esperienze spiacevoli.


La ricerca sperimentale sulla memoria umana spesso si imbatte in un problema molto semplice: non ci sono volontari per gli esperimenti. Nessuno sano di mente accetterà di partecipare a esperimenti che coinvolgono la propria memoria. Fortunatamente avere una mente non è esclusivo degli esseri umani. Molte attività mentali tipiche degli esseri umani avvengono anche nella mente degli animali. Pertanto gli scienziati dell'Istituto Nencki hanno condotto i loro esperimenti sui topi.


Questi nuovi esperimenti sulla memoria sono stati condotti su topi posti in gabbie chiamate IntelliCages. In ogni angolo di tale gabbia sono state collocate due bottiglie di acqua. Al fine di ottenere l'acqua un topo deve raggiungere l'angolo e con il naso dare un colpo al cancelletto di una determinata bottiglia. A seconda del tipo di esperimento, il topo può ricevere l'acqua o un innocuo ma sgradevole soffio sul naso. Tutti i topi in gabbia hanno un chip ID individuale e quindi i ricercatori sono in grado di dire esattamente quali decisioni vengono prese da ogni topo.


Le IntelliCages permettono di condurre diversi esperimenti. Se per esempio in un angolo vengono posizionate bottiglie di acqua dolce (cioè uno stimolo appetitivo), si può indagare sull'efficacia della memoria spaziale nei topi. Sono possibili anche esperimenti più sofisticati, mettendo acqua dolce solo in una tra due bottiglie, e solo in uno degli angoli. Quindi il topo deve ricordare non solo qual è l'angolo con la bottiglia d'acqua dolce, ma anche quale delle due bottiglie contiene acqua dolce.


Venticinque anni fa ricercatori del Nencki avevano osservato cambiamenti nell'attività di un gene noto come c-fos nel nucleo della cellula nervosa durante l'apprendimento. Una delle proteine, la cui produzione è regolata da una proteina codificata dal gene c-fos, è l'enzima MMP-9 attivo all'esterno della cellula. I ricercatori hanno deciso di studiare il ruolo del MMP-9 nel memorizzare le esperienze piacevoli e spiacevoli. Per fare questo è stata condotta una serie di esperimenti su topi di controllo e su topi senza questa proteina completamente o bloccata solo selettivamente all'interno dell'amigdala centrale.


L'amigdala è una piccola struttura all'interno dell'emisfero cerebrale e si trova alla base del cervello, vicino all'ippocampo. Si compone di due gruppi di nuclei responsabili delle reazioni emotive innate e acquisite, come riso e paura.


I ricercatori sono stati sorpresi dagli esperimenti. Quando hanno posto topi di controllo nelle IntelliCages, dopo tre giorni di apprendimento, essi hanno quasi sempre scelto l'angolo con acqua dolce. I topi privi di MMP-9 si sono comportati in maniera nettamente diversa: non hanno mostrato alcuna preferenza per uno degli angoli. Nel frattempo tutti i topi hanno ricordato allo stesso modo l'angolo dove avevano ricevuto il soffio sgradevole sul naso. Inoltre, il blocco selettivo dell'MMP-9 solo nell'amigdala centrale produceva lo stesso effetto: non si memorizzava il ricordo della posizione dell'acqua dolce.


"I risultati sono chiari. Le esperienze piacevoli sono memorizzate per mezzo dei cambiamenti nella plasticità all'interno dei neuroni del nucleo centrale dell'amigdala. Allo stesso tempo, abbiamo dimostrato che una sola proteina, la MMP-9, è responsabile dell'apprendimento di esperienze piacevoli in se stesse e del memorizzarle. Allo stesso tempo, questa proteina non ha alcun impatto sulla memoria delle esperienze spiacevoli. Questi scoperte sono importanti e, a dire la verità ... molto piacevoli", dice il Prof. Kaczmarek.


I risultati della ricerca, che derivano da esperimenti condotti all'Istituto Nencki negli ultimi 25 anni, hanno un grande significato scientifico per spiegare i processi di apprendimento e memoria appetitiva, riferendosi a due ambiti apparentemente molto lontani della neurobiologia: di sistema (indagare su intere strutture neuronali come il nucleo centrale dell'amigdala) e molecolari (indagare sui processi fisici e chimici responsabili di varie funzioni delle cellule nervose, in cui partecipa la proteina MMP-9).


La ricerca sulla memoria appetitiva è stata finanziata dalla Fondazione per la Scienza Polacca.

 

 

 

 

 


Fonte: Nencki Institute of Experimental Biology.

Riferimenti: E. Knapska, V. Lioudyno, A. Kiryk, M. Mikosz, T. Gorkiewicz, P. Michaluk, M. Gawlak, M. Chaturvedi, G. Mochol, M. Balcerzyk, D. K. Wojcik, G. M. Wilczynski, L. Kaczmarek. Reward Learning Requires Activity of Matrix Metalloproteinase-9 in the Central Amygdala. Journal of Neuroscience, 2013; 33 (36): 14591 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.5239-12.2013

Pubblicato in Science Daily (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.