Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Caregiver familiari lottano con costi, isolamento e risorse limitate: come migliorare la loro qualità di vita?

family caregivers engagement per week

Milioni di americani sono diventati caregiver familiari informali: persone che forniscono assistenza non retribuita ai familiari o agli amici per svolgere compiti quotidiani come fare il bagno, preparare il cibo, provvedere ai trasporti e gestire i farmaci.

Spinti in parte dalla preferenza per l'assistenza domiciliare piuttosto che dall'assistenza a lungo termine nelle strutture di vita assistita, dalla disponibilità limitata e dal costo elevato dei servizi di assistenza formale, i caregiver familiari svolgono un ruolo fondamentale nella sicurezza e nel benessere dei loro cari.

Circa 34,2 milioni di persone negli Stati Uniti forniscono assistenza non retribuita agli over-50, secondo la Family Caregiver Alliance. Tra questi, circa 15,7 milioni di caregiver familiari adulti si prendono cura di qualcuno con demenza.

Sono assistente sociale clinica e assistente prof.ssa di assistenza sociale che studia le disparità nella salute e nei sistemi sanitari. Mi concentro su popolazioni sotto-rappresentate nel campo dell'invecchiamento.

 

Sfide per i caregiver familiari

Nella mia ricerca concentrata sui caregiver familiari dell'Asia orientale per le persone con Alzheimer e demenze relative, ho scoperto che i caregiver cino-americani e coreano-americani spesso incontrano situazioni difficili. Queste includono discriminazione da parte di strutture o fornitori sanitari, sentimenti di solitudine e questioni finanziarie. Alcuni di questi caregiver si trovano persino a dover andare in pensione presto perché hanno difficoltà a bilanciare il lavoro con le responsabilità di assistenza.

Le mie scoperte aumentano un corpo crescente di ricerche che dimostrano che i caregiver familiari affrontano comunemente 5 sfide specifiche: oneri finanziari, uso limitato di servizi a domicilio e comunitari, difficoltà ad accedere alle risorse, mancanza di conoscenza dei programmi educativi esistenti e sfide fisiche ed emotive, come sentimenti di impotenza e burnout [=esaurimento psico-fisico] del caregiver.

Tuttavia, i ricercatori stanno anche scoprendo che i caregiver familiari si sentono più capaci di gestire queste sfide quando possono attingere a servizi formali che offrono una guida pratica e approfondimenti per le loro situazioni, nonché assistenza in alcune sfide uniche coinvolte nell'assistenza familiare.

 

I dati demografici dei caregiver informali

Più di 6 caregiver familiari su 10 sono donne. La società si aspetta da sempre che siano le donne ad assumersi le responsabilità di assistenza. Di solito le donne guadagnano anche meno o fanno affidamento su altri familiari per il sostegno finanziario. Questo è perché il processo di parificazione della retribuzione è lento e le donne spesso assumono ruoli come il caregiving primario dei propri figli e dei parenti che invecchiano, fattori che possono influire drasticamente sui guadagni.

Mentre quasi la metà degli assistiti vive a casa propria, 1 su 3 vive con il caregiver. Questi individui, a volte definiti 'caregiver residenti', hanno meno probabilità di rivolgersi per supporto ad altri al di fuori della famiglia, spesso perché ritengono che sia importante mantenere l'assistenza al suo interno. Questi caregiver sono in genere anziani, in pensione o disoccupati e hanno un reddito inferiore rispetto ai caregiver che vivono separatamente.

Secondo un rapporto del 2020 dell'AARP Public Policy Institute, circa 1 caregiver familiare su 3 fornisce più di 21 ore di assistenza per settimana a una persona cara.

 

Destreggiarsi tra caregiving e vita di tutti i giorni

Il caregiving crea spesso oneri finanziari, o riduce le entrate, perché rende più difficile svolgere un lavoro a tempo pieno o part-time o tornare al lavoro dopo una assenza, in particolare per i coniugi che sono caregiver.

Spesso, organizzazioni della comunità, come le no-profit che servono gli anziani, offrono vari servizi a domicilio e programmi istruttivi. Questi possono aiutare i caregiver familiari a gestire o ridurre le tensioni fisiche ed emotive delle loro responsabilità.

Tuttavia, queste esigenze possono anche rendere difficile per alcuni caregiver persino apprendere che queste risorse esistono o di approfittarne, in particolare man mano che peggiorano le condizioni dell'assistito. Queste sfide sono peggiorate al culmine della pandemia Covid-19. Molti programmi di supporto sono stati annullati ed è stato difficile accedere all'assistenza sanitaria, il che ha reso le cose ancora più stressanti e stancanti per i caregiver.

La ricerca mostra che coloro che sono nuovi all'assistenza familiare spesso si prendono cura dei loro cari senza alcun supporto formale iniziale. Di conseguenza, possono subire un aumento del peso emotivo. E i caregiver over-70 affrontano sfide particolari, poiché potrebbero dover convivere con i propri problemi di salute. Queste persone hanno meno probabilità di ricevere supporto informale, il che può portare all'isolamento sociale e al burnout.

 

Supporto per i caregiver familiari

Ci sono numerosi programmi e servizi disponibili per i caregiver familiari e i loro cari, che risiedano a casa o in una struttura residenziale. Queste risorse includono programmi di sanità e invalidità pubblici, assistenza legale e organizzazioni specifiche di ogni malattia.

Inoltre, la ricerca ha scoperto che fornire istruzione e formazione adeguate alle persone nelle prime fasi del caregiving consente loro di bilanciare meglio salute e benessere, adempiendo bene alle proprie responsabilità. Molte organizzazioni della comunità, come le no-profit locali concentrate sull'invecchiamento, sui programmi governativi o sui centri senior, possono offrire servizi di gestione caso per caso agli anziani, utili anche per apprendere le risorse e i servizi esistenti.

Per i caregiver familiari di persone con demenza, i servizi di supporto formale sono particolarmente cruciali per la capacità di far fronte e navigare nelle sfide che devono affrontare.

[...]

 

 

 


Fonte: Kathy L. Lee, assistente prof.ssa di lavoro sociale gerontologico, Università del Texas / Arlington

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 



Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.