Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Comportamenti rischiosi di guida aumentano con il peggioramento dei disturbi del sonno

sleepy senior driver Getty Images

Le persone con apnea del sonno si svegliano stanche al mattino, qualunque sia il numero effettivo di ore di sonno. La condizione fa sì che smettano brevemente di respirare e ripartano una dozzina o anche centinaia di volte alla notte. Anche se tali interruzioni della respirazione spesso non svegliano quelli con apnea, impediscono loro di beneficiare del sonno profondo e rinfrescante.


Un nuovo studio mette un numero su quanto sia pericolosa tale stanchezza cronica, almeno per quanto riguarda la guida. Per ogni 8 interruzioni addizionali all'ora della respirazione, le probabilità di fare una mossa pericolosa di guida (come eccesso di velocità, frenata secca o accelerazione improvvisa) aumentano del 27%, secondo uno studio di ricercatori della Washington University di St. Louis.


Gli anziani hanno maggiori probabilità di sviluppare apnea del sonno e hanno anche più probabilità di essere gravemente feriti o uccisi in un incidente d'auto. I risultati, disponibili sulla rivista Sleep, suggeriscono che l'individuazione degli anziani con apnea del sonno e il loro trattamento, se necessario, può aiutare le persone anziane a continuare a guidare in modo sicuro.


"La percentuale di anziani con apnea del sonno lieve è dal 30% al 50%, ma se tali adulti non hanno sonnolenza diurna o altre prove di deterioramento, potrebbero non arrivare all'attenzione di un medico", ha detto il coautore senior Brendan Lucey MD, professore associato di neurologia e direttore del centro di medicina del sonno della Washington University. "Tuttavia, questi risultati suggeriscono che potremmo indicare una soglia inferiore per valutare gli anziani per apnea del sonno e tracciare le loro interruzioni della respirazione. Se le loro condizioni peggiorano di sole 8 interruzioni all'ora, potrebbero esserci effetti negativi significativi sulla loro guida e sul rischio di soffrire di lesioni gravi".


Gli over-65 sono i conducenti più responsabili sulla strada. Rispettano i limiti di velocità, guidano difensivamente, evitano di guidare di notte, in caso di maltempo e in luoghi sconosciuti. Ma i cambiamenti che spesso arrivano con l'età (come il deterioramento della vista, i riflessi più lenti e, sì, le difficoltà a dormire) possono minare anche le abitudini più sicure.


Lucey ha collaborato con il ricercatore della guida Ganesh Babulal PhD/OTD, assistente professore di neurologia e coautore senior dello studio, per indagare sulla relazione tra apnea del sonno e comportamenti rischiosi di guida. I partecipanti sono stati reclutati da studi in corso al Centro Ricerca Alzheimer (ADRC) della Washington University.


Babulal e Lucey hanno monitorato la guida e le abitudini del sonno di 96 anziani nelle condizioni del mondo reale. Hanno impiegato un test commerciale da usare a casa per identificare le persone con apnea del sonno e misurare la sua gravità. Meno di 5 interruzioni della respirazione all'ora sono considerate normali, da 5 a 15 è apnea del sonno leggera, da 15 a 30 è moderata e con più di 30 è grave.


Per valutare le abitudini di guida, i ricercatori hanno installato un chip sviluppato da Babulal e colleghi nei veicoli personali dei partecipanti e ne hanno monitorato la guida per un anno, concentrandosi su episodi di frenata brusca, accelerazione improvvisa e eccesso di velocità. In totale, hanno raccolto dati su oltre 100.000 viaggi. I partecipanti sono stati inoltre valutati dai ricercatori dell'ADRC per la disabilità cognitiva e per i segni molecolari del morbo di Alzheimer (MA) iniziale.


Anche se tutti i partecipanti erano cognitivamente normali, circa un terzo aveva cambiamenti nel cervello indicativi del MA iniziale. I ricercatori hanno scoperto che la frequenza con cui i conducenti hanno fatto le mosse pericolose dietro il volante aumentava in parallelo con la frequenza con cui il loro sonno era interrotto di notte, indipendentemente dal fatto che il loro cervello portasse i segni del MA iniziale.


"Non avevamo fotocamere nei veicoli, quindi non sappiamo esattamente cosa succedeva per indurre qualcuno a, diciamo, frenare bruscamente", ha detto Babulal. "Ma potrebbe essere qualcosa di simile a una luce dei freni che non si erano resi conto fosse accesa finché non erano molto vicini e hanno dovuto pestare sui freni. Più sei stanco, meno attenzione hai per il compito da svolgere, specialmente se è nuovo e in costante cambiamento".


Lo studio aiuta a districare i modi con cui i fattori di rischio associati all'età, come il sonno scadente e il MA, mettono in pericolo gli anziani durante la guida, e potrebbero aiutare gli sforzi per trovare dei modi per massimizzare gli anni di guida sicura, hanno detto i ricercatori.


"Guidare comporta sempre il rischio di fare un incidente e gli anziani rischiano lesioni più gravi rispetto ai giovani adulti quando si verifica", ha detto Babulal. "Ma non possiamo dire loro di rinunciare all'auto. Quando le persone anziane smettono di guidare, perdono molta della loro indipendenza e mobilità, fatto spesso associato a esiti negativi della salute e sociali. Quello che vogliamo capire è cosa aumenta il loro rischio in modo da poter intervenire e aiutarli a rimanere al volante, in sicurezza, più a lungo possibile".

 

 

 


Fonte: Tamara Bhandari in Materials provided by Washington University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Jason Doherty, ... [+10], DM Holtzman, BP Lucey, Ganesh Babulal. Adverse driving behaviors are associated with sleep apnea severity and age in cognitively normal older adults at risk for Alzheimer’s disease. Sleep, 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.