Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Uso a lungo termine di antibiotici delle donne di mezza età può colpire la cognizione

antibiotics spilling out of bottles

Gli antibiotici sono uno dei farmaci prescritti più comuni al mondo. Sono usati per trattare molte infezioni batteriche diverse. Mentre la maggior parte delle persone può assumerli solo per una settimana o due alla volta, alcuni possono prendere antibiotici per un periodo più lungo per trattare determinate condizioni croniche, come la polmonite o l'acne.


Anche se gli antibiotici sono dei salva-vita, il loro uso a lungo termine può generare diversi effetti collaterali, non ultimo dei quali è il rischio che i batteri sviluppino resistenza agli antibiotici. E ora, uno studio recente ha collegato l'uso di antibiotici a lungo termine da parte delle donne di mezza età anche a un aumento del rischio di declino cognitivo.


Per condurre il loro studio, i ricercatori hanno raccolto i dati di 14.542 donne che facevano parte del Nurses’ Health Study II, uno studio che ha monitorato ogni due anni tra il 2014 e il 2018 la salute e il benessere di infermiere, la cui età media all'inizio dello studio era di 54 anni.


I ricercatori hanno registrato l'uso di antibiotici delle partecipanti fino a quattro anni prima dell'inizio dello studio. Alcune donne avevano preso antibiotici a lungo termine (due mesi o più) per varie condizioni, come problemi respiratori o acne. Altre non avevano avuto prescrizioni di antibiotici. I ricercatori hanno misurato la capacità cognitiva con dei test online, che misuravano fattori come l'apprendimento e la memoria di lavoro.


Le donne sono state seguite fino a 7 anni dopo per vedere se l'uso di antibiotici a lungo termine in mezza età aveva effetti duraturi sulla cognizione. Le donne che avevano usato antibiotici a lungo termine in precedenza hanno ottenuto un punteggio inferiore di apprendimento, memoria di lavoro, velocità motoria e attenzione, rispetto a quelle che non li avevano usati. Non sappiamo se l'uso di antibiotici a breve termine ha avuto un effetto simile in quanto non è stato segnalato.

 

Salute dell'intestino

Sebbene i risultati mostrino solo un legame tra uso di antibiotici e declino cognitivo, i ricercatori pensano che i cambiamenti del microbioma intestinale, causati da un uso di antibiotici a lungo termine, potrebbero essere la ragione per cui alcune donne hanno avuto un declino della funzione cognitiva.


Il nostro corpo contiene milioni di minuscoli microbi, invisibili all'occhio umano. Questi batteri e virus mantengono quietamente la nostra salute sotto controllo. Ma molte cose possono disturbare l'equilibrio del nostro microbioma, compresa una dieta povera e l'uso di antibiotici.


Mentre gli antibiotici uccidono i batteri che causano infezioni nel nostro corpo, possono anche uccidere altri batteri, compresi quelli utili. Persino un piccolo scompenso nel bilanciamento del nostro microbioma può avere un impatto sulla salute, legato a condizioni come malattia intestinale infiammatoria, diabete di tipo 2, obesità e problemi di salute mentale.


Il microbioma intestinale e il cervello sono anche collegati, motivo per cui un intestino sano è importante per la salute del cervello. Ad esempio, le proteine che le cellule cerebrali usano per comunicare sono prodotte dai microbi intestinali. Quando il microbioma intestinale si sbilancia, queste proteine ​​si danneggiano. Questo influisce non solo sul modo in cui funziona il cervello, ma potrebbe anche contribuire a condizioni come la demenza, il Parkinson e persino la schizofrenia.


Dato il collegamento del microbioma con la salute del cervello e la cognizione, e le prove ampie che mostrano che gli antibiotici possono corrompere il microbioma, sembra plausibile che l'uso di antibiotici a lungo termine possa influenzare le funzioni cognitive del cervello. Ad esempio, c'è evidenza che l'uso di antibiotici nella prima infanzia, un momento importante per lo sviluppo cerebrale e cognitivo, può avere effetti negativi sulla cognizione fino a 11 anni dopo.


Sebbene alcuni studi abbiano misurato sia l'uso di antibiotici che la funzione cognitiva negli adulti, alcuni studi hanno mostrato che gli antimicrobici ad ampio spettro (compresi gli antibiotici) possono influenzare la nostra funzione cognitiva, causando effetti collaterali come confusione, delirium e attenzione più carente in uomini e donne, anche dopo l'uso a breve termine.


Anche se questa ricerca recente ha mostrato un legame tra uso di antibiotici a lungo termine e declino cognitivo, lo studio ha alcune limitazioni da tenere in considerazione. Innanzitutto, il test cognitivo online ha valutato solo quattro funzioni. Ciò significa che non abbiamo un quadro completo della salute cognitiva, e non sappiamo se ci sono altri deficit cognitivi oltre a quelli misurati nello studio.


Un'altra carenza è che i ricercatori non hanno raccolto campioni fecali. Ciò significa che non sappiamo in realtà se il microbioma è cambiato in modo significativo dopo l'uso di antibiotici a lungo termine, e se questo cambiamento era persistente. Sebbene i ricercatori fossero in grado di dimostrare che l'uso di antibiotici ha avuto un collegamento con il declino della funzione cognitiva più grande di altri fattori di stile di vita (come la dieta o altre condizioni di salute), sarà comunque importante per la ricerca futura esaminare se il microbioma ha davvero a ruolo nell'uso di antibiotici e nella funzione cognitiva.


Anche l'età dei partecipanti è un fattore importante, poiché l'età media di 54 anni all'inizio dello studio è il momento in cui la maggior parte delle donne ha la menopausa. La menopausa provoca cambiamenti ormonali che possono influenzare tutto, da come funziona il sistema immunitario alla qualità del sonno, dal peso alla pressione sanguigna e persino la concentrazione e il pensiero. Alcune ricerche dimostrano anche che la menopausa altera il microbioma. Come tale, sarà importante per gli studi futuri includere uomini di mezza età per vedere se ci sono effetti simili.


Queste scoperte della ricerca indicano che è importante prestare attenzione alla salute dell'intestino in tutte le fasi della vita. Fortunatamente, ci sono molte cose che puoi fare per rendere più sano il tuo microbioma, come avere un'alimentazione ad alto contenuto di fibre e usare prebiotici e probiotici.


Anche l'aria fresca e l'esercizio hanno effetti positivi sul microbioma. Naturalmente per i problemi persistenti si dovrebbe cercare un'attenzione medica.

 

 

 


Fonte: Lynne A. Barker, prof.ssa di neuroscienze cognitive, Sheffield Hallam University

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Raaj Mehta, P Lochhead, Y Wang, W Ma, LH Nguyen, B Kochar, C Huttenhower, F Grodstein, Andrew Chan. Association of midlife antibiotic use with subsequent cognitive function in women. PLOS One, 23 Mar 2022, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.