Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Allattamento al seno può aiutare a prevenire il declino cognitivo della madre

Un nuovo studio guidato da ricercatori della Università della California di Los Angeles ha scoperto che le donne over-50 che avevano allattato i loro bambini hanno ottenuto risultati migliori nei test cognitivi rispetto alle donne che non avevano mai allattato al seno.


I risultati, pubblicati in Evolution, Medicine and Public Health, suggeriscono che l'allattamento al seno può avere un impatto positivo sulla prestazione cognitiva post-menopausa delle donne e potrebbe avere benefici a lungo termine per il cervello della madre.


Molly Fox PhD, prima autrice dello studio e assistente prof.ssa nel Dipartimento di Antropologia e in quello di Psichiatria e Scienze Comportamentali dell'UCLA, ha detto:

"Anche se molti studi hanno scoperto che l'allattamento al seno migliora la salute e il benessere a lungo termine del bambino, il nostro studio è uno dei pochissimi che ha esaminato gli effetti sulla salute a lungo termine delle donne che avevano allattato i figli.

"I nostri risultati, che mostrano prestazioni cognitive superiori nelle donne over-50 anni che avevano allattato al seno, suggeriscono che l'allattamento al seno può essere 'neuroprotettivo' più tardi nella vita".


La salute cognitiva è fondamentale per il benessere degli adulti mentre invecchiano. Quindi, se la cognizione si deteriora dopo i 50 anni, può essere un forte predittore del morbo di Alzheimer (MA), la principale forma di demenza e causa di disabilità tra gli anziani, e le donne costituiscono quasi due terzi degli americani con il malattia.


Molti studi dimostrano anche che le fasi della vita riproduttiva di una donna, come le mestruazioni, la gravidanza, l'allattamento al seno e la menopausa, possono essere collegate a un rischio più alto o più basso di sviluppo di varie condizioni di salute come la depressione o il cancro al seno, ma pochi studi hanno esaminato l'allattamento al seno e il suo impatto sulla cognizione a lungo termine delle donne. In quelli che l'hanno fatto, ci sono state prove contrastanti sul fatto che l'allattamento al seno possa essere collegato a una migliore prestazione cognitiva o al rischio di MA per le donne post-menopausa.


Helen Lavretsky MD, autrice senior dello studio e prof.ssa del Dipartimento di Psichiatria e Scienze Comportamentali al Semel Institute for Neuroscience and Human Behavior dell'UCLA, ha detto:

"Ciò che sappiamo è che esiste una correlazione positiva tra l'allattamento al seno e un rischio più basso di altre malattie come il diabete di tipo 2 e le malattie cardiache e che queste condizioni sono fortemente connesse a un rischio più elevato di MA".


E la Fox ha aggiunto:

"Poiché l'allattamento al seno ha provato anche di aiutare a regolare lo stress, a promuovere il legame neonatale e a ridurre il rischio di depressione post-parto, (effetti che suggeriscono benefici neurocognitivi acuti per la madre), abbiamo ipotizzato che potrebbe anche essere associato a prestazioni cognitive superiori a lungo termine anche per la madre".


Per scoprirlo, i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da donne che partecipavano a due sperimentazioni cliniche controllate randomizzate inter-settoriali di 12 settimane all'UCLA Health: il Brain Connectivity and Response to Tai Chi in Geriatric Depression and Cognitive Decline che includeva partecipanti depresse e il Reducing Risk for Alzheimer’s Disease in High-Risk Women through Yoga or Memory Training che includeva partecipanti non depresse con alcuni problemi soggettivi di memoria e rischio di malattie cardiache.


Tra le due sperimentazioni, 115 donne hanno scelto di partecipare: 64 identificate come depresse e 51 non depresse. Tutte le partecipanti hanno completato una batteria completa di test psicologici che misura l'apprendimento, il richiamo ritardato, il funzionamento esecutivo e la velocità di elaborazione. Hanno anche risposto a un questionario sulla loro storia vitale riproduttiva che includeva domande sull'età dell'inizio delle mestruazioni, il numero di gravidanze complete e incomplete, il periodo di tempo di allattamento per ogni bambino e l'età della menopausa.


È importante sottolineare che nessuna delle partecipanti aveva la diagnosi di demenza, o altre diagnosi psichiatriche come disturbo bipolare, alcool o dipendenze, disturbi neurologici, né altre disabilità che impedivano la loro partecipazione, e neppure prendevano farmaci psicoattivi. Non c'era neppure alcuna differenza significativa in età, razza, educazione o altre misure cognitive tra le partecipanti depresse e non depresse.


I risultati principali dell'analisi dei ricercatori sui dati raccolti dai questionari sulla storia riproduttiva delle donne hanno rivelato che circa il 65% delle donne non depresse ha riferito di aver allattato al seno, rispetto al 44% delle donne depresse. Tutte le partecipanti non depresse hanno riferito almeno una gravidanza completata rispetto al 57,8% delle partecipanti depresse.


I risultati dei test cognitivi hanno anche rivelato che coloro che avevano allattato al seno, a prescindere dal fatto che fossero depresse o meno, sono andate meglio in tutti e quattro i test cognitivi che misurano l'apprendimento, il richiamo ritardato, il funzionamento esecutivo e l'elaborazione rispetto alle donne che non avevano allattato al seno.


Analisi separate dei dati per i gruppi depresse e non depresse hanno anche rivelato che tutti e quattro i punteggi del dominio cognitivo si sono associati significativamente all'allattamento al seno nelle donne che non erano depresse. Ma nelle donne depresse, solo due dei domini cognitivi - il funzionamento esecutivo e la velocità di elaborazione - erano significativamente associati all'allattamento al seno.


È interessante notare che i ricercatori hanno anche scoperto che un tempo più lungo passato nell'allattamento al seno era associato a prestazioni cognitive migliori. Quando hanno aggiunto tutto il tempo che una donna ha passato allattando al seno nella sua vita, hanno scoperto che le donne che non hanno allattato al seno avevano un punteggio cognitivo significativamente più basso in 3 su 4 domini, rispetto alle donne che avevano allattato per 1-12 mesi, e in tutti e quattro domini rispetto alle donne che avevano allattato per più di 12 mesi. Le donne che avevano allattato più a lungo hanno avuto i più alti punteggi dei test cognitivi.


"Saranno necessari studi futuri per esplorare la relazione tra la storia delle donne di allattamento al seno e le prestazioni cognitive in gruppi più grandi e geograficamente diversi di donne. È importante capire meglio le implicazioni sanitarie dell'allattamento al seno per le donne, dato che le donne oggi allattano al seno meno di frequente e per periodi di tempo più brevi di quelli praticati storicamente", ha concluso la dott.ssa Fox.

 

 

 


Fonte: University of California Los Angeles (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Molly Fox, Prabha Siddarth, Hanadi Ajam Oughli, Sarah Nguyen, Michaela Milillo, Yesenia Aguilar, Linda Ercoli, Helen Lavretsky. Women who breastfeed exhibit cognitive benefits after age 50. Evolution, Medicine, and Public Health, 1 Oct 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.