Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Il grande cervello che ti rende umano: ognuno dei tuoi neuroni è una benedizione

number of neurons in an average brain

Ecco qualcosa di nuovo a cui essere grati a tavola: il lungo viaggio evolutivo che ti ha dato il tuo grande cervello e la tua lunga vita.


Per gentile concessione dei nostri antenati primati, che hanno inventato la cottura oltre un milione di anni fa, sei membro di una specie che può permettersi così tanti neuroni corticali nel cervello. Con loro è venuta l'infanzia estesa e una longevità che spinge a varcare il secolo, che, insieme, rendono unici gli esseri umani.


Tutti questi lasciti della tua grande corteccia cerebrale implicano che intorno alla tavola si possono raccogliere quattro generazioni per scambiarsi battute e pettegolezzi, trasformare informazioni in conoscenza e anche praticare l'arte di cosa-non-dire-quando.


Si potrebbe anche voler essere grati per un'altra conquista delle nostre cortecce umane stipate di neuroni: tutta la tecnologia che permette alle persone diffuse nel mondo di incontrarsi di persona, sugli schermi, o attraverso parole sussurrate direttamente nelle orecchie a lunga distanza.


So di essere grata. Ma poi, sono quella che propone che noi umani facciamo una revisione del modo in cui raccontiamo la storia di come la nostra specie è quella che è.

 

 

Cervello fatto di cellule, ma quante?

Ai tempi in cui avevo appena ricevuto il dottorato di ricerca nel campo delle neuroscienze e ho iniziato a lavorare nella comunicazione della scienza, ho scoperto che 6 persone su 10 con istruzione universitaria credevano di usare solo il 10% del loro cervello. Sono felice di dire che si sbagliano: lo usiamo tutto, solo in modi diversi in momenti diversi.


Il mito sembrava essere supportato da dichiarazioni in libri di testo e articoli scientifici seri che “il cervello umano è fatto di 100 miliardi di neuroni e 10 volte tante cellule gliali di supporto”. Mi sono chiesta se quei numeri fossero fatti o congetture. Qualcuno sapeva realmente che quelli erano i numeri di cellule nel cervello umano?


No, nessuno lo sapeva.


I neuroscienziati avevano solo una vaga idea. Alcune stime suggerivano da 10 a 20 miliardi di neuroni per la corteccia cerebrale umana, altri circa 60/80 miliardi in un'altra regione chiamata cervelletto. Con il resto del cervello conosciuto per essere abbastanza poco denso in confronto, il numero di neuroni in tutto il cervello umano era sicuramente più vicino a 100 miliardi rispetto ad appena 10 miliardi (troppo poco) o 1.000 miliardi (troppi).


Ma lì eravamo, neuroscienziati armati di strumenti fantastici per modificare i geni e fare luce su parti del cervello, ancora all'oscuro su ciò di cui erano composti cervelli diversi e com'è il cervello umano rispetto agli altri.

 

 

Contare i neuroni nel brodo cerebrale

Così ho escogitato un modo per contare facilmente e rapidamente il numero di cellule di un cervello. Ho trascorso 15 anni a raccogliere cervelli e poi a trasformarli in zuppa che ho esaminato al microscopio. Ecco come ho ottenuto i numeri nudi e crudi.


Come è saltato fuori, ci sono molti modi per comporre un cervello: i primati come noi hanno più neuroni nella corteccia cerebrale della maggior parte degli altri mammiferi, non importa la dimensione del cervello. Un cervello può essere grande, ma fatto di relativamente pochi neuroni se sono enormi, come in un elefante; i neuroni dei primati sono piccoli, e quelli degli uccelli sono ancora più piccoli, così anche i più piccoli cervelli degli uccelli possono nascondere molti neuroni. Ma mai tanti come il cervello più grande dei primati: il nostro.


Quando si confrontano i cervelli, ci occupiamo del numero di neuroni nella corteccia perché è la zona del cervello che ci permette di andare oltre la semplice rilevazione e risposta agli stimoli, consentendoci di imparare dal passato e fare progetti per il futuro.


Poiché i neuroni sono i pezzi di Lego che costituiscono il cervello ed elaborano le informazioni, più neuroni corticali ha una specie, più flessibile e complessa può essere la cognizione di quella specie, indipendentemente dalle dimensioni. E non solo quello: ho recentemente scoperto che più sono i neuroni corticali, più lungo è il tempo che la specie richiede per diventare adulta, proprio come ci vuole più tempo per assemblare un camion di Lego in un palazzo, che trasformare una manciata di Lego in una piccola casa. E per ragioni ancora sconosciute, insieme con più neuroni corticali arriva una vita più lunga.


Avere più neuroni corticali sembra quindi essere un affare due-x-uno: compro più funzionalità mentali, e insieme viene una vita più lunga per imparare ad usarle.

 

 

Dare energia a tutti quei neuroni

Molti più neuroni costano molta più energia, però.


Se le persone avessero continuato a mangiare esclusivamente cibi crudi, come tutti gli altri primati, dovrebbero passare più di nove ore ogni giorno a cercare, raccogliere, pulire e mangiare, per nutrire i loro 16 miliardi di neuroni corticali. Non parliamo nemmeno di scoprire l'elettricità o di costruire aeroplani. Non ci sarebbe tempo per guardare le stelle e chiedersi cosa potrebbero essere. I nostri cugini grandi scimmie, sempre sui cibi crudi, hanno ancora tutt'al più la metà dei nostri neuroni corticali, e mangiano più di otto ore al giorno.


Ma i nostri antenati hanno capito come imbrogliare la natura per ottenere di più con meno, prima con strumenti di pietra e poi con il fuoco. Hanno inventato la cottura e cambiato la storia umana. Mangiare è più veloce e molto più efficiente, per non dire delizioso, quando il cibo è pre-elaborato e trasformato con il fuoco.


Con molte calorie disponibili in molto meno tempo, le nuove generazioni hanno guadagnato un cervello sempre più grande. E più erano i neuroni corticali che avevano, più a lungo i bambini rimanevano bambini,  più a lungo vivevano i loro genitori, e più i primi potevano imparare da questi ultimi, poi dai nonni, e anche dai bisnonni. Le culture presto prosperarono. La tecnologia fioriva e viveva attraverso la scolarizzazione e la scienza, diventando sempre più complessa.


Con tanta cultura da condividere, ciò che ci rende esseri umani moderni è diventato molto di più che la nostra biologia umana. Essere nati con molti neuroni ci dà la possibilità di una vita lunga e lenta, quella in cui ciascuno dei nostri cervelli ha la possibilità di essere istruito da ciò che hanno imparato le generazioni prima di noi, ed istruire le prossime.


Resteremo umani moderni finché saremo disposti a metterci attorno a un tavolo imbandito per celebrare le nostre differenze e condividere la nostra conoscenza sudata, le storie di successo e di fallimento, le nostre speranze e i sogni.

 

 

 


Fonte: Suzana Herculano-Houze, professoressa associata di psicologia alla Vanderbilt University

Pubblicato su The Conversation (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.