Iscriviti alla newsletter

Mantra: pratica antica che può migliorare la salute cognitiva ed emotiva

senior man and woman meditating kirtan

Diversi anni fa, stavo lavorando con un paziente arrabbiato così intensamente che era doloroso e in parte terrificante restare seduta in una stanza con lui per 45 minuti ogni volta. Era molto concentrato sul fatto che la sua infelicità fosse colpa di tutti gli altri. Era anche molto intelligente e si divertiva a discutere la logica di qualsiasi intervento che cercavo di fare con lui.


In diverse occasioni, ho raccomandato esercizi di consapevolezza per aiutarlo nei suoi scoppi impulsivi di rabbia che stavano danneggiando le sue relazioni e la sua carriera. A un certo punto mi ha detto che ero molto fastidiosa e che dovevo lasciar perdere la consapevolezza perché non era interessato a quel tipo di cose strane.


Dopo circa 4 mesi senza molti progressi, ho seriamente messo in dubbio di poter fare qualcosa per aiutarlo. Poi un giorno si è presentato alla sessione con un aspetto calmo e rilassato. Era una differenza così sorprendente che l'ho subito commentata. Mi disse che dopo un altro sfogo rabbioso con un collega era abbastanza disperato da provare qualsiasi cosa, e che mentre tornava a casa dal lavoro ha visto un volantino su un corso di meditazione trascendentale locale che si svolgeva nel fine settimana.


Ha ricordato i miei suggerimenti sulla consapevolezza e la meditazione e ha deciso di iscriversi. Ha dichiarato che dopo un fine settimana di pratica della meditazione basata sul mantra, aveva sperimentato il senso di calma e felicità più grande che avesse mai provato e che non sapeva nemmeno che fosse possibile sentirsi in quel modo. Non ho dovuto fare altre domande; sapevo esattamente di cosa stava parlando.


Diversi anni prima avevo iniziato la mia pratica di meditazione mantra. All'epoca non sapevo quasi nulla della meditazione e non avevo mai sentito parlare della musica Kirtan basata sui mantra. Mi ero imbattuta per caso in Dave Stringer, musicista di Kirtan, mentre stavo facendo una ricerca in rete per la musica yoga. La musica era così bella che mi sentivo in dovere di cantare insieme.


Dopo alcune canzoni, mi sono resa conto di provare un incredibile senso di pace e felicità. Era un sentimento così felice, l'unica cosa che potevo immaginare rispetto a un livello alto indotto chimicamente. All'epoca, nessun altro che conoscevo aveva mai sentito parlare di Kirtan e mi sembrava un po' strano, quindi ho deciso di tenerlo per me, ma ho continuato a cantare ogni giorno. Dieci anni dopo posso onestamente dire che la meditazione manta è stata una delle influenze più trasformative della mia vita.


Come psicologa e ricercatrice, volevo capire meglio come una cosa così semplice potesse generare così tante emozioni positive. Ho cercato in rete e ho scoperto che altri stavano segnalando qualcosa di simile, ma all'epoca non esisteva quasi nulla nella letteratura accademica per spiegare questo fenomeno.


Negli ultimi dieci anni, tuttavia, le antiche pratiche della musica Kirtan e la meditazione basata sui mantra hanno vissuto una rinascita in tutto il mondo, in gran parte per l'accettazione più diffusa dello yoga e della consapevolezza nella cultura occidentale e nella comunità medica.


Anche se lo studio scientifico di tali pratiche sul benessere è ancora nelle fasi nascenti, negli ultimi anni numerosi studi di ricerca hanno scoperto che le pratiche di meditazione basate sui mantra possono avere un effetto positivo sull'umore e sulla funzione cognitiva. Una recente revisione di Lynch et al. al Royal College of Physicians of Ireland ha esaminato 37 studi che avevano studiato nella popolazione generale gli effetti del mantra sugli esiti di ansia, stress, depressione, burnout, rabbia e angoscia psicologica. I risultati indicano che gli interventi di meditazione mantra possono avere effetti benefici sulla salute mentale nella popolazione generale (ref. 1)


Un team dell'Università della West Virginia interessato ad esaminare gli effetti del mantra sul deterioramento cognitivo ha scoperto che impegnarsi nel mantra chiamato Kriya Kirtan per 12 minuti al giorno, per 12 settimane, ha alterato i livelli ematici plasmatici coinvolti nell'invecchiamento cellulare, ed era associato a miglioramenti della funzione cognitiva, del sonno, dell'umore e della qualità della vita (2).


Un altro team dell'Università della Pennsylvania, che ha studiato gli effetti del mantra sui pazienti con perdita di memoria, ha scoperto che dopo otto settimane le scansioni cerebrali dei partecipanti hanno mostrato un aumento significativo del flusso sanguigno cerebrale in diverse aree. Soprattutto, le loro prestazioni sui test neuropsicologici hanno mostrato una migliore memoria visuospaziale, una maggiore connettività e una migliore memoria verbale (3). L'Alzheimer’s Prevention Foundation raccomanda la meditazione Kriya Kirtan sul loro sito web.


Allora, cos'è esattamente la meditazione Mantra? Manta è essenzialmente la ripetizione ritmica di parole, frasi o sillabe. Poiché salmodiare, o cantare i suoni, occupa la tua mente, il tuo normale treno di pensieri si ferma e la tua mente si svuota. Alcune forme di meditazione mantra includono anche il tocco delle dita per coinvolgere più sensi. Nel caso dei canti Kirtan, la musica migliora il modello ritmico e crea un'esperienza meditativa più profonda. Può essere fatto da solo o in gruppo, usando un modello di chiamata e risposta. I mantra tradizionali sono spesso basati sul sanscrito; alcuni canti Kirtan hanno radici nell'Induismo.


In che modo la meditazione mantra influenza il cervello? Questo è in fase di indagine da parte di neuroscienziati come Andrew Newberg della Penn. Uno studio di revisione recente ha esaminato la ricerca su questo argomento e suggerisce che la mediazione mantra attiva aree del cervello come il talamo, che è correlato alla percezione sensoriale, e l'ippocampo, che è legato alla funzione di memoria, e che può aiutare a sincronizzare le reti nella corteccia prefrontale che migliora le prestazioni cognitive (4).


Il mio paziente arrabbiato ha continuato la sua meditazione mantra per 20 minuti ogni mattina. Nel giro di poche settimane, ha iniziato a vedere cambiamenti significativi. È diventato molto aperto al processo di terapia e ha iniziato a impegnarsi in tutti i compiti con un sacco di entusiasmo. Entro altri nove mesi era quasi irriconoscibile. Se ci fosse un premio per il paziente più trasformato, lui vincerebbe. I suoi miglioramenti non erano esclusivamente attribuibili alla pratica della meditazione mantra, ma è chiaro che la pratica gli ha aperto la mente e gli ha fatto fare il salto di cui aveva bisogno per impegnarsi nel lavoro terapeutico.


Come psicologa che ha dedicato la vita ad aiutare ad alleviare la sofferenza emotiva degli altri, spero che un numero maggiore di scienziati indaghi seriamente sui benefici delle pratiche non invasive e non tossiche come la meditazione mantra. Spero anche che post come questo incoraggino più persone a provare queste pratiche. Sì, essi sono un po' fuori dagli schemi, ma non c'è nulla da perdere, e solo benessere da guadagnare.

 

 

 


Fonte: Jennice Vilhauer PhD, direttrice del programma di psicoterapia ambulatoriale della Emory University.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  1. Julie Lynch, Lucia Prihodova, Pádraic J. Dunne, Áine Carroll, Cathal Walsh, Geraldine McMahon, BarryWhite. Mantra meditation for mental health in the general population: A systematic review. European Journal of Integrative Medicine, 2018, DOI
  2. Kim E. Innes, Terry Kit Selfe, Kathleen Brundage, Caitlin Montgomery, Sijin Wen, Sahiti Kandati, Hannah Bowles, Dharma Singh Khalsa & Zenzi Huysmans. Effects of Meditation and Music-Listening on Blood Biomarkers of Cellular Aging and Alzheimer’s Disease in Adults with Subjective Cognitive Decline: An Exploratory Randomized Clinical Trial. Journal of Alzheimer's Disease, 2018, DOI
  3. Aleezé Sattar Moss, Nancy Wintering, Hannah Roggenkamp, Dharma Singh Khalsa, Mark R. Waldman, Daniel Monti & Andrew B. Newberg. Effects of an 8-Week Meditation Program on Mood and Anxiety in Patients with Memory Loss. The Journal of Alternative and Complementary Medicine, 2012, DOI
  4. Ricardo Ramírez-Barrantes, Marcelo Arancibia, Jana Stojanova,Mauricio Aspé-Sánchez, Claudio Córdova and Rodrigo A. Henríquez-Ch. Default Mode Network, Meditation, and Age-Associated Brain Changes: What Can We Learn from the Impact of Mental Training on Well-Being as a Psychotherapeutic Approach? Neural Plasticity, 2019, DOI

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.