Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Come curare ansia e depressione nelle persone con demenza

depressed or worried senior lady

Depressione, ansia, irritabilità e agitazione sono alcuni dei problemi più comuni di umore e comportamento che colpiscono le persone con morbo di Alzheimer (MA) e demenza. In questo ultimo articolo della nostra serie in tre parti (prima, seconda), si parla di farmaci che possono aiutare per questi problemi. Parla con il tuo medico per ulteriori informazioni.

 

 

Depressione e ansia possono dipendere da fattori psicologici e biologici

Ci sono poche altre cose così atte a provocare depressione e ansia della consapevolezza che si sta perdendo la mente per il MA o un'altra malattia neurodegenerativa. Il solo preoccuparsi della demenza può causare depressione e ansia.


Inoltre, le patologie del MA e delle altre forme di demenza spesso causano l'esaurimento dei neurotrasmettitori come serotonina, dopamina e norepinefrina, i cui livelli sono direttamente correlati all'umore e alla calma.


Quindi, che sia a causa di una comprensibile reazione emotiva dell'avere una malattia cerebrale devastante o a causa del processo stesso della malattia, la depressione e/o l'ansia insorgono in più della metà delle persone con MA o altra demenza.

 

 

La terapia non farmacologica per la depressione e l'ansia può essere efficace

Per iniziare, iniziamo con trattamenti non farmacologici per la depressione e l'ansia. Esercizio aerobico, meditazione e terapia di rilassamento sono cose che gli individui possono fare per se stessi per ridurre la loro depressione e ansia. In effetti, l'esercizio aerobico è efficace quanto molti antidepressivi che sono prescritti oggi.


I gruppi di supporto possono essere molto utili per migliorare l'umore e ridurre l'ansia. E la terapia della parola può essere particolarmente efficace per le persone i cui problemi sono principalmente dovuti alla reazione psicologica abbastanza comprensibile alla perdita di memoria e/o alla diagnosi di MA.

 

 

Terapia farmacologica per depressione e ansia

Anche se una discussione esauriente sulla farmacoterapia per la depressione e l'ansia va oltre lo scopo di questo articolo, condivideremo dei principi generali e i farmaci che riteniamo più efficaci per la depressione e l'ansia in soggetti con MA e altre cause di demenza.


Molti antidepressivi e ansiolitici possono causano danni cognitivi. Cerchiamo di stare lontano da quelle classi di farmaci. Ad esempio, NON prescriviamo mai una benzodiazepina per le persone che hanno già un deficit cognitivo al basale.


Per i pazienti con depressione e/o ansia, usiamo basse dosi di sertralina (Zoloft, solitamente 50 o 75 mg) o escitalopram (Lexapro, solitamente 10 o 20 mg); entrambi migliorano la depressione, l'ansia e spesso altrettanto bene l'irritabilità e l'agitazione. Ci sono molti effetti collaterali di questi 'inibitori selettivi della ricaptazione della serotonina' (SSRI), anche se sono pochi alle basse dosi che generalmente usiamo.


Gli effetti collaterali possono includere apatia, mal di testa, disturbi gastrointestinali, movimenti periodici degli arti del sonno, idee di suicidio e disfunzioni sessuali, insieme a molti altri. Si noti che questi farmaci devono essere ridotti gradualmente se si vuole interromperli.


Per i pazienti con depressione e apatia, la venlafaxina (Effexor) e il bupropione (Wellbutrin, Forfivo) possono essere utili nel trattamento di entrambi i sintomi. Mal di testa, nausea, insonnia, vertigini, anoressia, sonnolenza, mania e idee di suicidio sono alcuni dei possibili effetti collaterali e reazioni che possono verificarsi con questi farmaci, che dovrebbero anche ridursi lentamente. Si noti che questi antidepressivi stimolanti possono effettivamente peggiorare l'ansia, quindi dovrebbero essere evitati negli individui con ansia.

 

Terapia per irritabilità e agitazione

La prima cosa da dire qui è che cerchiamo di NON usare i farmaci per irritabilità e agitazione. Iniziamo informando la famiglia (o altri caregiver) sulle quattro R:

  • Rassicurare l'individuo che tutto va bene.
  • Riconsiderare le cose dal punto di vista dell'individuo.
  • Reindirizzare l'individuo a un'attività che diminuisce l'agitazione.
  • Rilassare; il caregiver ha bisogno di rilassarsi quando si prende cura di un individuo agitato, per non aggravare la situazione con il proprio tono di voce e il linguaggio del corpo.


Successivamente, lavoriamo sodo per determinare la causa sottostante dell'agitazione. Se l'agitazione è dovuta all'ansia (o se non riusciamo a determinare la causa dell'agitazione), usiamo la sertralina (Zoloft) o l'escitalopram (Lexapro) come descritto sopra.


Se l'agitazione notturna proviene da un disturbo del sonno, lavoriamo per trattare quest'ultimo (come l'igiene del sonno o problemi del ciclo del sonno). Raramente, useremo una dose bassa di risperidone (Risperdal) durante il giorno o quetiapina (Seroquel) durante la notte per trattare l'agitazione. Questi neurolettici atipici hanno molti effetti collaterali che includono sedazione, cadute, infarti, ictus e morte. Per questo motivo, tendiamo ad evitarli e, quando li usiamo, solo a basse dosi.


Esistono prove emergenti per l'uso di dextrometorfano / chinidina (Nuedexta) per l'agitazione nella demenza e di pimavanserina (Nuplazid) per la psicosi nella demenza da Parkinson, quindi tali farmaci possono anche essere provati nell'ambito appropriato dal clinico esperto. Questi farmaci non sono, tuttavia, approvati dalla FDA per questa indicazione. Ma nemmeno i neurolettici atipici.

 

 

 


Fonte: Andrew Budson MD, professore di neurologia dell'Università di Boston e alla Harvard Medical School.

Pubblicato su Psychology Today (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Referenze:

  • Budson AE, O’Connor MK. Seven Steps to Managing Your Memory: What’s Normal, What’s Not, and What to Do About It, New York: Oxford University Press, 2017.
  • Budson AE, Solomon PR. Memory Loss, Alzheimer’s Disease, & Dementia: A Practical Guide for Clinicians, 2nd Edition, Philadelphia: Elsevier Inc., 2016.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.