Iscriviti alla newsletter

La musica aiuta a connettere le persone che vivono con demenza. Come?

man playing xylophone

Quando Eileen Pegg ha sviluppato la demenza nel 2015, è diventata molto ansiosa e si agita facilmente. I suoi caregiver della MHA Weston and Queensway care home di Stafford (GB) erano determinati a trovare un modo per renderla più felice, così decisero di vedere se la musica poteva aiutare.


La casa di cura, che è un'unità specialistica per la cura della demenza, offre la musicoterapia da più di 10 anni e queste sessioni hanno fatto una vera differenza per Eileen, secondo l'operatrice di assistenza Chloe Pugh. Quando Eileen, ora di 91 anni, ha partecipato alla sua prima sessione di musicoterapia nel 2016, piangeva e non riusciva a calmarsi. Ma subito dopo, era una "persona completamente diversa", sorrideva e ricordava come ballare con suo marito.


"Non possiamo eliminare completamente la sua ansia, ma possiamo aiutare ad alleviare i sintomi di Eileen e aiutarla a interagire maggiormente con ciò che sta accadendo intorno a lei", dice la Pugh. Cantando e applaudendo con la musica o suonando strumenti nelle sue lezioni settimanali individuali, Eileen è più calma, il che l'ha incoraggiata a partecipare ad altre attività, migliorando così l'appetito e l'umore.


Eileen non è l'unica a trarre benefici da queste sessioni. Più di 2.000 ospiti delle 84 case di cura della MHA partecipano a gruppi regolari di musicoterapia. E non è solo la musicoterapia clinica che aiuta i pazienti affetti da demenza: sono utili anche cori, gruppi musicali e app specialistiche.


La musica usa parti del cervello diverse dal linguaggio, quindi può essere usata per comunicare con le persone con demenza, anche se non parlano più o non sembrano capire le parole degli altri. Di conseguenza, può aiutarle a esprimere sentimenti e idee e interagire con gli altri. Riduce anche l'isolamento sociale e incoraggia più attività fisica attraverso la danza o il movimento con la musica.


Una ricerca pubblicata lo scorso anno dall'International Longevity Centre UK (ILC) e dalla Fondazione Utley ha rilevato che la musica ha notevoli benefici per la salute fisica e mentale per chi ha la demenza e li aiuta a tenere più a lungo le proprie abilità linguistiche e discorsive. "L'analisi ha dimostrato che la musica aiuta a ridurre in modo significativo alcuni dei sintomi della demenza, come l'agitazione, e può aiutare ad affrontare l'ansia e la depressione", afferma Sally Greengross, amministratrice delegata della ILC.


Non c'è da meravigliarsi quindi del fatto che il governo voglia ampliare l'uso della musica per i pazienti con demenza, come parte della sua spinta all'espansione della 'prescrizione sociale'. Il piano a lungo termine del NHS, pubblicato questa settimana, prometteva di introdurre la prescrizione sociale, compresa la musica e le arti.


Entro aprile 2021, ci saranno oltre 1.000 operatori formati nei collegamenti della prescrizione sociale e altri ancora lo saranno entro aprile 2024, con l'obiettivo che oltre 900.000 persone possano essere riferite a programmi di prescrizione sociale per allora, dice il piano. Questi operatori collegano i pazienti a gruppi locali e servizi di supporto.


Il ministro della sanità Matt Hancock, dice:

"La ricerca suggerisce che la musica può aiutare le persone con demenza a ridurre il bisogno di farmaci o restrizioni, ad affrontare l'agitazione e aiutare le persone e le loro famiglie a gestire meglio i sintomi. Questo è il tipo di prescrizione sociale di buon valore e facile da usare che propugno, e supporto in pieno il lavoro che ci aiuta a passare a cure più centrate sulla persona, una parte fondamentale del piano a lungo termine del NHS".


Ma tutto ciò ha un prezzo: il King's Fund ha sottolineato che nel breve termine la prescrizione sociale può essere più costosa rispetto alla visita di un medico di base. E alla MHA ogni sessione di musicoterapia nelle sue case di cura costa in media 30 sterline a persona. Con le finanze dell'assistenza sociale tirate al limite, la musica non è una priorità in molte case, mentre la disponibilità di cori comunitari e gruppi musicali interattivi per i pazienti con demenza è limitata.


Nel tentativo di rendere più facile a ordinanti, fornitori di cure e pazienti scoprire quali servizi sono disponibili e identificare le lacune, ieri è stata lanciata la campagna Music for Dementia 2020. Il sito web della campagna condividerà le migliori pratiche e ricerche e avrà un database ricercabile di attività musicali adatte ai pazienti di demenza.


"Parte dello sviluppo della promozione della musica per le persone con demenza implica essere attenti a dove mettiamo le risorse, quindi abbiamo bisogno di sapere dove si sta già facendo un buon lavoro", dice Grace Meadows, direttrice del programma alla Fondazione Utley e musicoterapeuta senior del Chelsea and Westminster Hospital.


Sostenuta con 1 milione di sterline dalla Fondazione Utley, e ulteriori finanziamenti annuali continui di 500.000 sterline, la campagna mira ad aumentare la consapevolezza del pubblico e promuovere la musica come parte integrante di tutti i percorsi di cura della demenza. I fondi finanzieranno progetti locali e nazionali, li estenderà, contribuirà a introdurre la musica laddove ve n'è attualmente poca o nessuna e provvederà a formare la forza lavoro.


La Meadows afferma:

"Vogliamo che tutti quelli con demenza del Regno Unito abbiano accesso alla musica più significativa per loro e renderla accessibile nei modi più appropriati ed efficaci.

"Per alcuni questo significherà garantire loro la tecnologia giusta, che permetta loro di godere della loro musica preferita ovunque e ogni volta che vogliono. Per altri significa poter frequentare gruppi musicali e partecipare alla creazione di musica. Per alcuni potrebbe significare lavorare con un musicoterapeuta. La musica per le persone che vivono con demenza non è un vezzo, è una necessità".


Per tornare a Stafford, la Pugh è chiara sull'importanza della musica per le vite di coloro di cui si prende cura lei: "La musica è, e continuerà ad essere, il cuore pulsante per i nostri residenti".

 

 

 


Fonte: Ploy Radford in The Guardian (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

10 Consigli dei neurologi per ridurre il tuo rischio di demenza

28.02.2023

La demenza colpisce milioni di persone in tutto il mondo, quasi un over-65 su 10. Nonost...

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.