Associazione Alzheimer ONLUS logo

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

Esperienze e opinioni

Prendersi cura del caregiver nel pronto soccorso

Prendersi cura del caregiver nel pronto soccorso

La signora G è nel pronto soccorso da ore. Un lavoro esaustivo non ha trovato alcuna causa seria della sua debolezza, il motivo per cui la figlia Rosa (non è il suo vero nome) l'ha portata qui. Dico loro che la signora G sembra essere un po' disidratata e, dopo che le abbiamo dato un po' di fluidi via endovena, può tornare a casa.


Gli occhi della signora G si illuminano. Quelli di sua figlia diventano vuoti. Rosa si asciuga una lacrima che le scorre lungo la guancia. Sento che lei si aspettava, forse addirittura sperava, che sua madre dovesse rimanere in ospedale, anche solo per la notte.


Il pacco di scartoffie che Rosa mi ha dato quando sono arrivate racconta il calvario della vita della signora G: insufficienza cardiaca congestizia, diabete, pressione alta, lieve insufficienza renale, osteoporosi, depressione e demenza precoce. Descrive anche il suo ultimo ricovero in ospedale per polmonite, una lunga permanenza che le ha lasciato un'ulcera aperta sulla pelle sopra l'osso sacro che, dopo mesi, non è ancora guarita. Rosa era preoccupata che stesse covando un'altra polmonite.


"Mi piacerebbe vedere tua madre bere qualcosa", dico a Rosa. Poi mi sono ripreso; stavo mancando di rispetto alla signora G, parlando di lei, ma con sua figlia. Dopo decenni di professione di medico, dovrei saperlo bene. Che un paziente anziano sieda in silenzio non significa che non abbia da dire qualcosa sulle sue cure; che lei abbia una diagnosi di demenza non implica necessariamente che non possa comprendere quello che sto dicendo.


"Puoi provare a bere qualcosa?" chiedo alla signora G, indicando una tazza piena di ghiaccio e acqua. Rosa piega un lenzuolo e lo fa scivolare dietro la schiena della madre come un cuscino. "Bevi", dice lei. "Hai sentito cosa ha detto il dottore? Devi bere di più". La madre alza gli occhi al cielo. "È testarda" dice Rosa, sorridendo. "Provo di tutto per farla bere. Acqua. Tè. Succo".


I suoi fratelli e sorelle non capiscono quanto sia difficile, dice Rosa, e non sono presenti abbastanza da saperlo. Questa volta il suo sorriso non può nascondere la tensione. Mi rendo conto che la persona più afflitta nella sala d'esame non è la signora G, ma sua figlia, la sua caregiver.


Nel pronto soccorso, il paziente riceve la maggior parte dell'attenzione. I medici impiegano molta meno energia a sondare l'esperienza del caregiver. Come cortesia comune, cerco di presentarmi a tutti quando entro nella stanza dell'esame. Tuttavia riconoscere la presenza del caregiver non è necessariamente un riconoscimento delle sfide che affronta, e spesso non porta a una discussione dei carichi di tale lavoro.


I caregiver sono individui, in genere familiari, che si prendono cura di una o più persone ammalate, fragili o disabili. Le attività di caregiving possono essere divoranti. Includono dar da mangiare, vestire, assistere in toilette, nell'igiene, a fare il bagno, negli acquisti, in cucina, nei lavori di casa e fare il bucato. Il lavoro può estendersi ai trasporti, a gestire le questioni finanziarie, organizzare visite mediche e talvolta prendere la decisione di venire al pronto soccorso (PS).


Anche quando intrapreso da una sorgente perenne di generosità e amore, il caregiving può essere una fonte di esaurimento: fisico, emotivo e psicologico. Il burnout [esaurimento] del caregiver insorge quando gli individui non ricevono l'aiuto di cui hanno bisogno, cercano di gestire troppo o di assumersi compiti che non sono in grado di fare.


Quando i caregiver si ritagliano il tempo per loro stessi, possono sentirsi in colpa per questo, provocando un paradossale peggioramento del loro esaurimento. L'angustia psicologica e le esigenze fisiche del caregiving si riflettono in una vasta gamma di risposte biologiche che includono una guarigione più lenta delle ferite, una pressione elevata e una risposta immunitaria compromessa.


Queste risposte possono richiedere un pedaggio, portando ad un aumento generale della mortalità del caregiver. I caregiver fanno spesso il loro nobile lavoro nell'ombra. È imbarazzante ammetterlo, ma è stato solo quando ho chiesto a Rosa perché fosse così ansiosa che ho capito quanto sembrasse logora, con i capelli spettinati, la mancanza di trucco, la felpa trascurata, i pantaloni larghi e i sandali.


Nonostante i risultati negativi dei test, Rosa si preoccupa ancora del fatto che la leggera febbre apparsa a sua madre all'inizio della giornata potesse indicare qualcosa di serio, come la polmonite. "Non sarebbe più sicuro tenerla in ospedale?" chiede. Spostare sua madre da e verso l'auto è un lavoro ingrato. Non vuole tornare a casa solo per riportarla all'ospedale.


Mi sento di dare uno sguardo diverso alla figlia della signora G. Forse spera di sfruttare i sintomi di sua madre per una pausa, una versione morbida di ciò che è stato chiamato 'scaricamento della nonna'? Ho capito questo concetto durante la prima festa del Ringraziamento nel mio lavoro al PS.


Le famiglie abbandonano i parenti anziani nel pronto soccorso con una valigia piena, lamentele nebulose e poi partono, aspettandosi che l'ospedale si prenda cura di loro. Altri eufemismi pieni di giudizio includono 'segnale positivo della luce di coda' e 'sindrome della valigia imballata'. Non succede solo negli Stati Uniti.


Nel corso della mia formazione, mi sono arrabbiato con queste famiglie, specialmente quando non si fermavano a parlare con i medici. Alla fine, però, l'esperienza mi ha insegnato che questo problema è in genere il risultato di sistemi che non forniscono risorse sufficienti ai caregiver, che spesso affrontano compiti scoraggianti. Questi obblighi equivalgono a posti di lavoro a tempo pieno non retribuiti. Qualcuno potrebbe biasimarli perché cercano una pausa?


Anche prendersi cura dei caregiver può essere difficile. Non è facile per loro pensare ai propri problemi quando sono così concentrati sui bisogni di qualcun altro. Una volta mi sono preso cura di una donna di mezza età con segni di infarto, che comprendevano un elettrocardiogramma preoccupante. Ha rifiutato di rimanere in ospedale per ulteriori valutazioni perché si prendeva cura di sua madre con demenza.


Mi rivolgo quindi a entrambe le signore, G e Rosa: "Mi piacerebbe consultare un assistente sociale", dico. In situazioni come queste, un assistente sociale può essere un membro essenziale del team di trattamento. Può esplorare se il paziente è idoneo per i servizi e, in tal caso, aiutarli a organizzarli. Penso che potrebbe alleggerire il carico di Rosa. Ma lei rifiuta subito. Ha tutto sotto controllo, dice, aggiungendo che non può permettersi servizi extra.


In realtà, potrebbe essere nell'interesse della signora G che Rosa acconsenta a ricevere qualche aiuto nel prendersi cura. Uno studio suggerisce che i pazienti di Medicare assistiti da caregiver con un punteggio elevato della fatica, e basso per lo stato di salute e depressione, incorrono in costi sanitari più elevati, incluse più visite al pronto soccorso.


Si stima che 14,7 milioni di anziani [in USA] ricevano assistenza per le attività quotidiane da parte del coniuge e dei familiari. Solo un quarto dei caregiver si avvale di servizi di supporto, probabilmente perché molti di loro non si percepiscono come caregiver, un termine con connotazioni professionali.


Nel PS, i caregiver sono di più delle altre persone presenti nella stanza. La loro assistenza può essere un tesoro di informazioni e intuizioni quando il paziente ha difficoltà a comunicare con il personale medico. Ma quando emerge la tensione del caregiving, i medici come me hanno la responsabilità di perseguire quelle crepe preoccupanti.


La valutazione dei ruoli, delle capacità, delle vulnerabilità e dei punti di forza del caregiver, quando è fatta bene, è un processo non giudicante condotto da membri esperti dello staff che hanno il tempo e la formazione per capire queste situazioni, spesso complesse, e una profonda comprensione pratica delle possibili soluzioni. Questi esperti sono in genere assistenti sociali o infermieri, ma ci sono validi strumenti di valutazione che servono come guide utili per gli professionisti sanitari impegnati nei PS e altrove.


L'implementazione di questi strumenti nella pratica dell'assistenza sanitaria è una strategia di intervento che un esperto ritiene possa essere fatta oggi.


Prendersi cura dei pazienti a volte richiede che raggiungiamo le ombre e facciamo luce sui loro caregiver. Anche se i medici di PS non hanno il tempo e le risorse per implementare pienamente queste strategie di valutazione, per lo meno possiamo riconoscere che il caregiving è difficile e che cercare aiuto o una pausa non è un segno di debolezza o fallimento. Dobbiamo anche ricordare che i caregiver sopraffatti sono spesso riluttanti ad accettare assistenza.


Rosa non vuole discutere delle sfide del caregiving che sta vivendo con me o con un assistente sociale. Mi chiedo della sua risolutezza, se la mia offerta di assistenza comporti anche il giudizio che i suoi fratelli potrebbero considerare il bisogno di aiuto esterno come un fallimento da parte sua.


Quindi faccio quello che posso. Devo dire che sta facendo un ottimo lavoro con sua madre. Mi concentro sulla piaga dolorante nella parte bassa della schiena di sua madre. È pulita e sta guarendo, almeno per come guariscono quelle cose. "È una ferita difficile da curare", dico. "Davvero difficile".


Per un attimo sembra che Rosa sprofondi dentro la sedia. "Lo è", dice. "Grazie per averlo detto".

 

 

Nota: Alcuni dettagli di questo caso sono stati modificati.

 


Fonte: Jay Baruch MD, professore associato di medicina d'urgenza e direttore della Medical Scholarly Concentration Medical Humanities and Bioethics alla Brown University di Providence nel Rhode Island.

Pubblicato in Stat (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Puoi distinguere il delirium dalla demenza? È solo questione di tempi

17.06.2021

Quante volte hai sentito qualcuno esclamare "Tu deliri!" o "Sei un demente!", nell'incre...

Livelli di ossigeno nel sangue potrebbero spiegare perché la perdita di memor…

9.06.2021

Per la prima volta al mondo, scienziati dell'Università del Sussex hanno registrato i l...

Dosi basse di radiazioni possono migliorare la qualità di vita nell'Alzheimer…

6.05.2021

Individui con morbo di Alzheimer (MA) grave hanno mostrato notevoli miglioramenti nel co...

L'Alzheimer è composto da quattro sottotipi distinti

4.05.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato dall'accumulo anomale e dalla diffusione de...

Un nuovo modello per l'Alzheimer: fenotipi di minaccia, stati di difesa e meta…

23.04.2021

Che dire se avessimo concettualizzato erroneamente, o almeno in modo incompleto, il morb...

Nuovo sensore nel cervello offre risposte all'Alzheimer

12.03.2021

Scienziati della Università della Virginia (UVA) hanno sviluppato uno strumento per mon...

Nuova teoria sulla formazione dei ricordi nel cervello

9.03.2021

Una ricerca eseguita all'Università del Kent ha portato allo sviluppo della teoria Mesh...

Nuovo farmaco previene le placche amiloidi, un segno specifico di Alzheimer

8.03.2021

Le placche di amiloide sono caratteristiche patologiche del morbo di Alzheimer (MA): son...

Variante della proteina che causa l'Alzheimer protegge dalla malattia

15.02.2021

Le scoperte di un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA), guidato da ricercatori dell...

Che speranza hai dopo la diagnosi di Alzheimer?

25.01.2021

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia che cambia davvero la vita, non solo per la p...

Il gas da uova marce potrebbe proteggere dall'Alzheimer

15.01.2021

La reputazione dell'[[acido solfidrico]] (o idrogeno solforato), di solito considerato v...

4 Benefici segreti di un minuto di esercizio al giorno

29.12.2020

Conosci tutti gli effetti positivi dell'esercizio fisico sul tuo corpo e sulla tua mente...

Il ruolo sorprendente delle cellule immunitarie del cervello

21.12.2020

Una parte importante del sistema immunitario del cervello, le cellule chiamate microglia...

Come rimodellare con le arti l'assistenza alla demenza

14.12.2020

Da bambina, Anne Basting è andata a trovare la nonna nella casa di riposo. 'Impressionante' è l...

Rete nascosta di enzimi responsabile della perdita di sinapsi nell'Alzheimer

8.12.2020

Un nuovo studio sul morbo di Alzheimer (MA) eseguito da scienziati dello Scripps Researc...

La lunga strada verso la demenza inizia con piccoli 'semi' di aggregazione

20.11.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) si sviluppa nel corso di decenni. Inizia con una reazione a c...

Come vivere in modo sicuro con la demenza a casa tua

12.11.2020

C'è un malinteso comune che la persona con una diagnosi di demenza perde la sua indipen...

LipiDiDiet trova effetti ampi e duraturi da intervento nutrizionale all'inizio…

9.11.2020

Attualmente non esiste una cura nota per la demenza, e le terapie farmacologiche esisten...

Paesi asiatici assistono gli anziani in modo diverso: ecco cosa possiamo impar…

28.10.2020

A differenza dei paesi occidentali, le culture tradizionali asiatiche mettono un forte a...

Fruttosio prodotto nel cervello può essere un meccanismo che guida l'Alzheime…

29.09.2020

Una nuova ricerca rilasciata dalla University of Colorado propone che il morbo di Alzhei...

Proteine grumose induriscono i capillari del cervello: nuovo fattore di rischi…

11.09.2020

I depositi di una proteina chiamata 'Medin', che è presente in quasi tutti gli anziani...

Come dormiamo oggi può prevedere quando inizia l'Alzheimer

8.09.2020

Cosa faresti se sapessi quanto tempo hai prima che insorga il morbo di Alzheimer (MA)? N...

IFITM3: la proteina all'origine della formazione di placche nell'Alzheimer

4.09.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una malattia neurodegenerativa caratterizzata dall'accumul...

Perché le cadute sono così comuni nell'Alzheimer e nelle altre demenze?

4.09.2020

Le cadute hanno cause mediche o ambientali

Una volta che si considerano tutte le divers...

Laser a infrarossi distrugge le placche di amiloide nell'Alzheimer

7.08.2020

L'aggregazione di proteine ​​in strutture chiamate 'placche amiloidi' è una caratte...

Perché è importante la diagnosi precoce di demenza?

31.07.2020

Vedere problemi di memoria nel tuo caro anziano può essere davvero spaventoso. Magari n...

Tre modi per smettere di preoccuparti

29.07.2020

Sai di essere una persona apprensiva se ti identifichi con Flounder in La Sirenetta<...

I dieci fattori legati a un aumento del rischio di Alzheimer

27.07.2020

Anche se non c'è ancora alcuna cura, i ricercatori stanno continuando a migliorare la c...

Smetti di chiederti se sei un bravo caregiver

3.07.2020

Amare e prendersi cura di qualcuno con demenza può essere difficile. Forse, è una dell...

Un singolo trattamento genera nuovi neuroni, elimina neurodegenerazione nei to…

1.07.2020

Xiang-Dong Fu PhD, non è mai stato così entusiasta di qualcosa in tutta la sua carrier...

Relazioni personali ricche migliorano il funzionamento del cervello

22.06.2020

Come interagiscono gli individui, come si percepiscono uno con l'altro, e i pensieri e i...

Identificata nuova forma di Alzheimer ad esordio molto precoce

16.06.2020

Ricercatori della Mayo Clinic hanno definito una forma di morbo di Alzheimer (MA) che co...

Scoperta importante sull'Alzheimer: neuroni che inducono rumore 'coprono' i ri…

11.06.2020

I neuroni che sono responsabili di nuove esperienze interferiscono con i segnali dei neu...

Falsi miti: perché le persone sono così pessimiste sulla vecchiaia?

4.06.2020

Non smettiamo di giocare perché invecchiamo, ma invecchiamo perché smettiamo di gi...

Microglia: ‘cellule immunitarie’ che proteggono il cervello dalle malattie…

28.05.2020

Sappiamo che il sistema immunitario del corpo è importante per tenere tutto sotto controllo e pe...

'Tau, disfunzione sinaptica e lesioni neuroassonali si associano di più con l…

26.05.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) comporta il deperimento caratteristico di alcune regioni del ...

Il nuovo collegamento tra Alzheimer e inquinamento dell'aria

13.05.2020

Il mio primo giorno a Città del Messico è stato duro. Lo smog era così fitto che, men...

Perché vivere in un mondo ‘incredibilmente tossico’ aumenta il rischio di…

6.05.2020

Sei preoccupato per la minaccia del morbo di Alzheimer (MA), e ti stai chiedendo che cos...

Sempre più giovani con Alzheimer e demenza: colpa delle tossine ambientali, m…

6.05.2020

È abbastanza straziante quando le persone anziane sviluppano condizioni di perdita di m...

5 tipi di ricerca, sottostudiati al momento, potrebbero darci trattamenti per …

27.04.2020

Nessun ostacolo fondamentale ci impedisce di sviluppare un trattamento efficace per il m...

'Scioccante': dopo un danno, i neuroni si auto-riparano ripartendo da zero

17.04.2020

Quando le cellule cerebrali adulte sono ferite, ritornano ad uno stato embrionale, secon...

Cosa rimane del sé dopo che la memoria se n'è andata?

7.04.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è caratterizzato da una progressiva perdita di memoria. Nell...

Convalidare il sentimento aiuta meglio di criticare o sminuire

30.03.2020

Sostenere i tuoi amici e la famiglia può aiutarli a superare questi tempi di incertezza...

Acetil-L-carnitina può aiutare la memoria, anche insieme a Vinpocetina e Hupe…

27.03.2020

Demenza grave, neuropatie (nervi dolorosi), disturbi dell'umore, deficit di attenzione e...

Cosa accade nel cervello che invecchia

11.03.2020

Il deterioramento del cervello si insinua sulla maggior parte di noi. Il primo indizio p...

L'Alzheimer è in realtà un disturbo del sonno? Cosa sappiamo del legame tra …

28.02.2020

Il morbo di Alzheimer (MA) è una forma di demenza che insorge quando c'è un accumulo d...

Il girovita può predire il rischio di demenza?

6.11.2019

Il primo studio di coorte su larga scala di questo tipo ha esaminato il legame tra il girovita in...

Pressione bassa potrebbe essere uno dei colpevoli della demenza

2.10.2019

Invecchiando, le persone spesso hanno un declino della funzione cerebrale e spesso si pr...

Ricetta per una vita felice: ingredienti ordinari possono creare lo straordina…

9.09.2019

Se potessi porre ad ogni essere umano sulla Terra una domanda - qual è la ricetta per u...

I dieci psicobiotici di cui hai bisogno per un cervello felice

9.09.2019

Psicobiotici? Cosa sono gli psicobiotici?? Bene, cosa penseresti se io dicessi che la tu...

La nostra identità è definita dal nostro carattere morale

24.06.2019

Ti sei mai chiesto cos'è che ti rende te stesso? Se tutti i tuoi ricordi dovessero svan...

Lavati i denti, posticipa l'Alzheimer: legame diretto tra gengivite e malattia

4.06.2019

Dei ricercatori hanno stabilito che la malattia gengivale (gengivite) ha un ruolo decisi...

LATE: demenza con sintomi simili all'Alzheimer ma con cause diverse

3.05.2019

È stato definito un disturbo cerebrale che imita i sintomi del morbo di Alzheimer (MA)...

Nessuna cura per l'Alzheimer nel corso della mia vita

26.04.2019

La Biogen ha annunciato di recente che sta abbandonando l'aducanumab, il suo farmaco in ...

Il caregiving non fa male alla salute come si pensava, dice uno studio

11.04.2019

Per decenni, gli studi nelle riviste di ricerca e la stampa popolare hanno riferito che ...

Sciogliere il Nodo Gordiano: nuove speranze nella lotta alle neurodegenerazion…

28.03.2019

Con un grande passo avanti verso la ricerca di un trattamento efficace per le malattie n...

Stimolazione dell'onda cerebrale può migliorare i sintomi di Alzheimer

15.03.2019

Esponendo i topi a una combinazione unica di luce e suono, i neuroscienziati del Massach...

Scoperto nuovo colpevole del declino cognitivo nell'Alzheimer

7.02.2019

È noto da tempo che i pazienti con morbo di Alzheimer (MA) hanno anomalie nella vasta r...

Districare la tau: ricercatori trovano 'obiettivo maneggiabile' per curare l'A…

30.01.2019

L'accumulo di placche di amiloide beta (Aβ) e grovigli di una proteina chiamata tau nel...

Dott. Perlmutter: Sì, l'Alzheimer può essere invertito!

6.12.2018

Sono spesso citato affermare che non esiste un approccio farmaceutico che abbia un'effic...

Tutti gli articoli da non perdere