Esperienze e opinioni

Un modo per migliorare senza sforzi la tua memoria

Un modo per migliorare senza sforzi la tua memoria

Quando tenti di memorizzare del nuovo materiale, è facile presumere che più lavoro metti dentro, meglio ricorderai. Tuttavia, prenderti occasionalmente delle pause - non facendo letteralmente niente - potrebbe essere esattamente ciò di cui hai bisogno.


Abbassa le luci, siediti e goditi 10-15 minuti di contemplazione silenziosa, e scoprirai che il tuo ricordo dei fatti che hai appena appreso è molto migliore che se tu avessi provato a usare quel momento in modo [teoricamente] più produttivo.


Sebbene sappiamo già che dovremmo adeguare gli studi, nuove ricerche suggeriscono che sarebbe utile mirare all'«interferenza minima» durante queste interruzioni, evitando deliberatamente qualsiasi attività che possa interferire con il delicato compito della formazione della memoria. Quindi non andare a negozi, non controllare le e-mail o navigare sul web con il tuo smartphone. Hai proprio bisogno di dare al tuo cervello la possibilità di una ricarica completa senza distrazioni.

 

Una scusa per non fare nulla può sembrare una perfetta tecnica mnemonica per lo studente pigro, ma questa scoperta può anche offrire sollievo alle persone con amnesia e alcune forme di demenza, suggerendo nuovi modi per rilasciare una capacità latente, precedentemente non riconosciuta, di apprendere e ricordare.


Gli straordinari benefici di un riposo indisturbato che aumentano la memoria, sono stati documentati per la prima volta nel 1900 dallo psicologo tedesco Georg Elias Muller e dal suo allievo Alfons Pilzecker. In uno dei loro numerosi esperimenti sul consolidamento della memoria, Muller e Pilzecker hanno prima chiesto ai loro partecipanti di imparare una lista di sillabe prive di significato. Dopo un breve periodo di studio, a metà del gruppo è stato dato immediatamente un secondo elenco da apprendere, mentre al resto è stata concessa una pausa di sei minuti prima di continuare.


Quando sono stati testati un'ora e mezza dopo, i due gruppi hanno mostrato modelli di richiamo sorprendentemente differenti. I partecipanti alla pausa hanno ricordato quasi il 50% della loro lista, rispetto a una media del 28% del gruppo a cui non era stato dato il tempo di ricaricare le loro batterie mentali.


La scoperta ha suggerito che la nostra memoria per le nuove informazioni è particolarmente fragile appena è stata codificata per la prima volta, rendendola più suscettibile alle interferenze di nuove informazioni. Anche se un certo numero di altri psicologi è ritornato occasionalmente sulla scoperta, è stato solo all'inizio degli anni 2000 che abbiamo cominciato a capire le implicazioni più vaste, con uno studio pionieristico di Sergio Della Sala all'Università di Edimburgo e di Nelson Cowan all'Università del Missouri.


Il team era interessato a scoprire se una ridotta interferenza può migliorare i ricordi delle persone che avevano subito un danno neurologico, come un ictus. Usando uno schema simile allo studio originale di Muller e Pilzecker, hanno presentato ai partecipanti le liste di 15 parole e le hanno testate 10 minuti dopo. In alcune prove, i partecipanti sono rimasti impegnati con alcuni test cognitivi standard; in altri, è stato chiesto loro di giacere in una stanza buia evitando di addormentarsi.


L'impatto del piccolo intervento era più profondo di quanto chiunque avrebbe potuto credere. Sebbene i due pazienti con amnesia più grave non mostrassero alcun beneficio, gli altri hanno triplicato il numero di parole che potevano ricordare (dal 14% al 49%), collocandoli quasi all'interno della gamma di persone sane senza alcun danno neurologico.


I risultati successivi sono stati ancora più impressionanti. Ai partecipanti è stato chiesto di ascoltare alcune storie e rispondere alle domande un'ora più tardi. Senza la possibilità di riposare, potevano ricordare solo il 7% dei fatti della storia; con il riposo il numero è salito al 79%, un aumento astronomico di 11 volte delle informazioni che hanno mantenuto. I ricercatori hanno anche trovato un beneficio simile, anche se meno pronunciato, per i partecipanti sani in ciascun caso, che hanno aumentato il ricordo dal 10 al 30%.

 

L'ex allieva di Della Sala e Cowan, Michaela Dewar della Heriot-Watt University, ha ora condotto numerosi studi di approfondimento, replicando i risultati in molti contesti diversi. Nei partecipanti sani, hanno scoperto che questi brevi periodi di riposo possono migliorare anche la nostra memoria spaziale, ad esempio, aiutando i partecipanti a ricordare la posizione di diversi punti di riferimento in un ambiente di realtà virtuale.


Fondamentalmente, questo vantaggio si attesta una settimana dopo il compito di apprendimento originale e sembra avvantaggiare sia i giovani che i vecchi. E oltre ai sopravvissuti all'ictus, hanno trovato benefici simili anche per le persone nei primi stadi più lievi dell'Alzheimer.


In ogni caso, i ricercatori hanno semplicemente chiesto ai partecipanti di sedersi in una stanza buia e silenziosa, senza telefoni cellulari o distrazioni simili. "Non diamo loro istruzioni specifiche riguardo cosa dovrebbero o non dovrebbero fare mentre riposano", dice la Dewar. "Ma i questionari completati alla fine dei nostri esperimenti suggeriscono che la maggior parte delle persone lascia semplicemente vagare la mente".


Anche in quel caso, dovremmo stare attenti a non impegnarci troppo mentre sogniamo ad occhi aperti. In uno studio, ad esempio, ai partecipanti è stato chiesto di immaginare un evento passato o futuro durante la pausa, ma ciò sembrava ridurre il successivo richiamo del materiale appena appreso. Quindi potrebbe essere più sicuro evitare qualsiasi sforzo mentale concertato durante i nostri tempi morti.


Il meccanismo esatto è ancora sconosciuto, anche se alcuni indizi derivano da una crescente comprensione della formazione della memoria. Ora sappiamo bene che, una volta che i ricordi sono stati codificati inizialmente, passano attraverso un periodo di consolidamento che li cementa nella conservazione a lungo termine. Una volta si pensava che questo accadesse principalmente durante il sonno, con una maggiore comunicazione tra l'ippocampo - dove si formano inizialmente i ricordi - e la corteccia, un processo che può costruire e rafforzare le nuove connessioni neurali che sono necessarie per un successivo richiamo.


Questa intensa attività notturna può essere la ragione per cui spesso impariamo meglio le cose prima di andare a letto. Ma, in linea con il lavoro della Dewar, uno studio del 2010 condotto da Lila Davachi della New York University, ha scoperto che non era limitato al sonno, e un'attività neurale simile si verifica anche durante i periodi di riposo. Nello studio, i partecipanti sono stati inizialmente invitati a memorizzare coppie di immagini - abbinare una faccia a un oggetto o scena - e quindi potevano sdraiarsi e lasciare vagare la loro mente per un breve periodo.


E' abbastanza certo che lei abbia trovato una maggiore comunicazione tra l'ippocampo e le aree della corteccia visiva durante il loro riposo. Fondamentalmente, le persone che hanno mostrato un maggiore aumento della connettività tra queste aree sono state quelle che hanno ricordato una parte maggiore del compito, secondo lei.


Forse il cervello prende qualsiasi tempo morto potenziale per cementare ciò che ha appreso di recente - e ridurre l'extra di stimolazione in questo momento può facilitare quel processo. Sembrerebbe che il danno neurologico possa rendere il cervello particolarmente vulnerabile a tale interferenza dopo aver prodotto una nuova memoria, motivo per cui il periodo di riposo si è rivelato particolarmente potente per i sopravvissuti all'ictus e per le persone con Alzheimer.


Altri psicologi sono entusiasti della ricerca. "L'effetto è abbastanza coerente negli studi che sono impegnati ora in una serie di esperimenti e compiti di memoria", dice Aidan Horner dell'Università di York. "È affascinante". Horner concorda sul fatto che potrebbe potenzialmente offrire nuovi modi per aiutare il funzionamento delle persone con disabilità. Egli sottolinea che potrebbe essere difficile in pratica programmare un periodo di riposo sufficiente ad aumentare il loro richiamo giornaliero complessivo.


Ma egli pensa che potrebbe essere comunque utile per aiutare un paziente ad apprendere nuove importanti informazioni, come ad esempio il nome e il volto di un nuovo caregiver. "Forse un breve periodo di riposo dopo questo aumenterebbe le sue possibilità di ricordare quella persona, e quindi di sentirsi più a suo agio più tardi". La Dewar mi dice che è a conoscenza di un paziente che sembra aver beneficiato dell'uso di un breve riposo per imparare il nome del nipotino, anche se sottolinea che si tratta solo di evidenza aneddotica.


Anche Thomas Baguley della Nottingham Trent University nel Regno Unito è cautamente ottimista. Egli sottolinea che alcuni malati di Alzheimer ricevono già il consiglio di adottare tecniche di consapevolezza per alleviare lo stress e migliorare il benessere generale: "Alcuni [di questi] interventi possono anche promuovere un periodo di riposo e vale la pena esplorare se funzionano in parte a causa della riduzione delle interferenze", anche se potrebbe essere difficile da attuare nelle persone con demenza grave.


Al di là dei benefici clinici per questi pazienti, Baguley e Horner concordano sul fatto che la pianificazione di periodi regolari di riposo, senza distrazioni, potrebbe aiutarci a mantenere un po' più saldamente il nuovo materiale. Dopotutto, per molti studenti, i miglioramenti del 10-30% registrati in questi studi potrebbero segnare la differenza di un voto o due. "Posso immaginare che potresti incorporare queste interruzioni di 10-15 minuti entro un periodo di revisione", afferma Horner, "e questo potrebbe essere un modo utile per apportare piccoli miglioramenti alla tua capacità di ricordare in seguito".


Nell'era del sovraccarico di informazioni, vale la pena ricordare che il nostro smartphone non è l'unica cosa che richiede una ricarica regolare. Anche la nostra mente ce lo chiede chiaramente.

 

 

 


Fonte: David Robson in BBC.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Il 'Big Bang' dell'Alzheimer: focus sulla tau mortale che cambia forma

11.07.2018

Degli scienziati hanno scoperto un "Big Bang" del morbo di Alzheimer (MA) - il punto pre...

36 abitudini quotidiane che riducono il rischio di Alzheimer

2.07.2018

Sapevi che mangiare carne alla griglia potrebbe aumentare il rischio di demenza? O che s...

Molecola 'anticongelante' può impedire all'amiloide di formare placche

27.06.2018

La chiave per migliorare i trattamenti per le lesioni e le malattie cerebrali può essere nelle m...

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di H...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demen...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza evidenziati dagli studi

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di ...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer…

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale ami...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocam…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della comp…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le protei…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzhei…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picc...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adul…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...