Iscriviti alla newsletter

Il sangue di persone giovani può aiutare a curare l'Alzheimer?

Il sangue di persone giovani può aiutare a curare l'Alzheimer?«Vampiro» di Edvard Munch (1895) via [url=https://en.wikipedia.org/wiki/File:Edvard_Munch_-_Vampire_(1895)_-_Google_Art_Project.jpg]Wikimedia Commons[/url].

Una nuova società in California, chiamata Alkahest, ha avuto un'idea non convenzionale, e piuttosto vampirica, per curare il morbo di MA (MA). I fondatori ritengono che la malattia possa essere rallentata, fermata o possibilmente invertita usando il sangue di persone giovani.


Beh, non proprio 'sangue', ma plasma, che è tutto il liquido rimasto dopo aver rimosso le cellule dal sangue. E proprio ora, un piccolo campione di pazienti con MA sta ricevendo iniezioni settimanali di plasma donato da giovani sani, come potenziale trattamento.


La ricerca che sottende la capacità di guarigione del sangue giovane ha una lunga storia. Alla metà del 1800 uno scienziato francese di nome Paul Bert sviluppò una tecnica chiamata parabiosi. Qui, due topi vengono suturati insieme in modo da condividere un flusso sanguigno comune. Puoi accoppiare un topo malato con un topo sano per vedere come il sangue di un topo influisce sull'altro.


Nonostante il quadro raccapricciante, questi esperimenti hanno fornito informazioni fondamentali su come avviene l'invecchiamento. Quando un topo giovane è abbinato a uno vecchio, i benefici per quello vecchio possono essere profondi. I topi più anziani hanno una memoria migliore, guariscono più velocemente e sono più agili quando condividono un flusso sanguigno con un topo giovane. Eppure, curiosamente, nessuno ha dimostrato in modo convincente che il sangue giovane può prolungare la vita di un topo.


Ci sono due evidenti debolezze nell'interpretazione degli esperimenti di parabiosi. Primo, ovviamente non può diventare una terapia ragionevole; no, non cuciremo i vecchi sui giovani. E in secondo luogo, ci dice solo che qualcosa nella circolazione di una persona giovane promuove un invecchiamento sano.


Fortunatamente, negli ultimi anni, gli scienziati hanno scoperto che l'infusione nei topi vecchi di plasma dei topi giovani ha effetti ringiovanenti simili a quelli ottenuti congiungendoli di forza. Successivamente, la ricerca si è spostata dalla parabiosi alle trasfusioni di plasma. Questo metodo è più traducibile nella medicina umana, ed è più facile da controllare in contesti di laboratorio, il che è importante per aiutarci a capire quali fattori promuovono un invecchiamento sano.


Alcuni anni fa, un gruppo di ricercatori di Stanford ha scoperto che il plasma di topi giovani può aumentare la funzione cognitiva nei topi con MA. Sembra promettente, ma i topi sono molto diversi dagli esseri umani, quindi passiamo alla fase successiva: studi clinici, in cui le terapie più eccitanti non riescono a mostrare un effetto.


È qui che entra in gioco Alkahest. Hanno accettato la sfida di condurre studi clinici per scoprire se la ricerca recente può tradursi in una terapia. Hanno presentato alcuni dei loro risultati a una recente conferenza sull'MA a Boston. Sfortunatamente, i 18 pazienti che hanno ricevuto iniezioni settimanali di plasma da maschi sani di 18-30 anni sono a malapena migliorati rispetto ai pazienti che hanno ricevuto un placebo.


Ma c'è ancora speranza per questo esperimento, che Alkahest intende continuare con un gruppo più numeroso di iscritti. Secondo i sondaggi condotti dai caregiver, i pazienti che ricevevano plasma non avevano più bisogno di tanto aiuto per le attività quotidiane, come viaggiare, cucinare o vestirsi.


Quindi questo potrebbe funzionare? Finiremo per vivere in un mondo in cui il plasma è un trattamento comune per l'MA?


È facile immaginare che questa ricerca possa prendere una svolta distopica, dove i giovani, i poveri donano il sangue alle persone ricche che possono permettersi le infusioni di plasma. Esiste già una startup chiamata Ambrosia, dove chiunque può ricevere iniezioni di plasma da giovani al prezzo di $ 8.000. I ricchi possono letteralmente nutrirsi del sangue delle persone più povere e più giovani.


Ma potremmo riuscire a evitare questa situazione se identifichiamo i fattori nel plasma che promuovono la salute nei pazienti con MA; cioè, se una ricerca come quella di Alkahest, anche se appare sgradevole, riesce a identificare cosa, esattamente nel sangue più giovane, porta benefici agli anziani. Forse un giorno questi fattori possono essere sintetizzati e somministrati come trattamento più diretto, eliminando la necessità delle donazioni di sangue.


Nel 2014, dei ricercatori hanno identificato una proteina nei topi chiamata GDF11 che regola le cellule staminali e che cala quando i topi invecchiano. Hanno scoperto che quando i topi vecchi ricevono GDF11, sono più agili,  i muscoli guariscono più velocemente e hanno un cuore più sano. Forse la GDF11 ha anche benefici per i topi con MA. Sperimentazioni cliniche come quella di Alkahest possono aiutarci a rispondere a queste domande.


Fino a quando questa terapia non sarà stata adeguatamente controllata attraverso studi clinici e approvata dalla FDA, dovresti rimanere scettico riguardo alle società, come Ambrosia, che offrono un servizio costoso basato su dati incompleti, e ci sono così tanti altri esempi. A volte può essere difficile determinare quali trattamenti hanno supporto e quali sono solo aria fritta.


Chiedi a un dottore o uno scienziato prima di provare qualcosa di nuovo. Se non riesci a trovare un professionista, una buona regola è che, se usano la frase 'scientificamente provato', stanno cercando di venderti qualcosa. Hai notato che gli scienziati non usano mai questa frase?


Ci sono molte terapie interessanti ed eccitanti all'orizzonte, ma i progressi scientifici e medici richiedono tempo. Quindi sii paziente e tieniti il tuo plasma per ora.

 

 

 


Fonte: Gregory Logan-Graf, Biologo Cellulare, Carnegie Mellon University

Pubblicato su Massivesci.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione MA onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.