Esperienze e opinioni

Perché devi toccare le chiavi per essere sicuro che le hai in tasca?

Perché devi toccare le chiavi per essere sicuro che le hai in tasca? (Foto: pixabay)

È ben questo un pugnal che mi s’affaccia
Coll’elsa dritta al pugno mio? T’accosta,
E lasciati afferrar. Tu sfuggi al tatto,
Non t’involi alla vista. Orrenda larva,
Palpabile non sei come ti mostri
Visibile?


(William Shakespeare, Macbeth atto II, scena 3, da Wikisource)


Mentre gli auricolari per la realtà virtuale arrivano sul mercato, portano con sé gli echi delle parole di Macbeth: il mondo in cui ti immergono potrebbe apparire o persino sembrare giusto, ma non può essere toccato o afferrato. Vedendo un pugnale sul tavolo davanti a te, potresti provare a raggiungerlo, ma quando il tuo braccio passa semplicemente attraverso l'aria, ti rimane la sensazione spettrale che le cose non siano poi così reali. Gli oggetti impalpabili non sono convincenti e la prossima frontiera è integrare il tocco nelle nuove tecnologie. Ma perché, per Macbeth e per noi, il tatto è così importante? Cosa porta in più della vista?


Mancare di un'intera famiglia di sensazioni può essere inquietante [ndt: come nell'Alzheimer]
, eppure l'assenza di esperienze tattili sembra avere conseguenze più dannose rispetto all'assenza di altre esperienze, ad esempio quelle olfattive.


Contrariamente all'espressione proverbiale 'vedere per credere', è il tatto che protegge la nostra presa epistemica sulla realtà. Le situazioni quotidiane dimostrano che il tatto è il senso del 'fact-checking' [verifica del fatto]. I venditori lo sanno bene: se un cliente esita ad acquistare un prodotto, metterlo nelle sue mani è il modo per sigillare l'accordo. A tutti noi piace sentire il nostro portafoglio in tasca o nella borsa, anche quando ce l'abbiamo appena messo. Nonostante i numerosi cartelli che chiedono ai visitatori di non toccare le opere esposte, i guardiani [dei musei] devono regolarmente impedire alle persone di toccare statue e tele fragili. Ma cosa porta in più il tocco se la vista ti dice già tutto ciò che devi sapere?


Una risposta di lunga data in filosofia concorda sul fatto che il tatto è più obiettivo rispetto agli altri sensi. Ad esempio, quando Samuel Johnson ha voluto dimostrare l'assurdità dell'idea di George Berkeley (Bishop Berkeley) che gli oggetti materiali non esistono, ha dato una pedata a una grossa pietra e ha affermato trionfalmente: "Io la rifiuto così". Puntare alla forma colorata non era sufficiente, ma Johnson pensò che quel tocco sarebbe stato indiscutibile. Si ritiene che la resistenza degli oggetti solidi al contatto ci fornisca l'esperienza che ci sono cose là fuori, indipendenti da noi e dalla nostra volontà.


Ma il tatto è davvero il 'senso della realtà'? Certamente no. Generalmente non dà accesso migliore o più immediato alla realtà rispetto agli altri sensi. Che fornisca informazioni più accurate della vista, ad esempio sulla forma di un oggetto, sul suo materiale o sulle sue dimensioni, dipende dalle circostanze del rilevamento. A volte il tatto è migliore; a volte la vista lo è. Potremmo essere indotti in errore dall'impressione che dà il contatto 'diretto' con la realtà: l'elaborazione tattile è altamente mediata e si basa su aspettative e forse su inferenze inconsce anche più complesse degli altri sensi, quindi ci sono molti modi in cui le nostre convinzioni e altre esperienze sensoriali possono risultare in una conclusione fuorviante.


È per lo meno soggetto alle stesse illusioni della vista. Semplicemente non sentiamo parlare così spesso di illusioni tattili. Per fare solo un esempio, molte persone sono sorprese nell'apprendere che il pulsante sul loro telefonino non si muove realmente quando viene premuto: l'impressione che ciò avvenga è creata da una vibrazione, che inganna il cervello facendogli dedurre che qualcosa è stato premuto. Spegni il telefono e ripeti l'azione, e ti renderai conto che la superficie non si sposta affatto.


Se il tatto non ha un vantaggio generale sulla vista ed è altrettanto soggetto all'illusione, perché ci fidiamo così tanto di esso? Se il tocco non ci fornisce una rappresentazione più diretta o più obiettiva del mondo, come possiamo spiegare la sensazione diffusa che lo fa? Spesso manca un aspetto importante del tatto: toccare è psicologicamente più rassicurante che vedere. Il tatto non sempre ci fa sperimentare meglio le cose, ma certamente ci fa sentire meglio riguardo a ciò che sperimentiamo. Anche quando possiamo vedere che le chiavi sono nella borsa, siamo molto più certi che ci sono solo dopo che le abbiamo toccate.


Ciò che potrebbe sembrare quasi superstizioso all'inizio potrebbe tuttavia avere ragioni più profonde. La certezza che ci dà il contatto lo rende piuttosto speciale nella nostra vita epistemica. René Descartes si avvicinò a questa diagnosi quando notò che le prove che ottenevamo dal contatto erano un po' più difficili da confutare: "Di tutti i nostri sensi", scrisse in The World (1633), "il tatto è considerato il meno ingannevole e il più sicuro". Forse dobbiamo ricordare la storia evangelica del Tommaso che dubita per capire il privilegio del tatto: Tommaso doveva toccare le ferite di Cristo per convincersi che la persona di fronte a lui fosse Gesù.


La storia di Tommaso ci dice qualcosa di importante. Toccare 'per essere sicuri' è particolarmente rilevante quando gli altri nostri sensi o credenze creano una situazione di alta incertezza. Gli individui con disturbo ossessivo compulsivo continuano a toccare gli oggetti della loro ansia, anche se possono vederli: tornano a chiudere il rubinetto, anche quando possono vedere o sentire che l'acqua non gocciola. La ricerca mostra anche che le persone provano apprensione quando interagiscono con interfacce utente grafiche che mostrano oggetti che non possono essere toccati. Toccare rassicura; sapere che le cose non possono essere toccate può creare ansia.


Ora, perché il tocco dovrebbe portarci più sicurezza? Questo verdetto è in contrasto con ciò che ci dice la scienza cognitiva. I nostri sentimenti di certezza dovrebbero tracciare la correttezza, così che i casi in cui ci fidiamo più del tatto che della vista dovrebbero essere quelli in cui il tatto fornisce informazioni più accurate rispetto alla vista. Ma questo non è ciò che spiega l'atteggiamento di Tommaso, i pazienti ossessivo-compulsivi o la frustrazione degli utenti della realtà virtuale. Le ragioni per cui il tatto ci porta rassicurazione e certezza potrebbero andare in profondità in ciò che costituisce, in senso ampio, il nostro sentimento soggettivo di fiducia.


Forse ci fidiamo di più del tocco perché ci sentiamo più attivi e responsabili quando esploriamo qualcosa al tatto, che attraverso la vista. Questa è un'impressione soggettiva, poiché anche quando guardiamo spostiamo i nostri occhi, ma il fatto che muoviamo le mani sulle superfici potrebbe anche spiegare perché siamo più fiduciosi in ciò che tocchiamo: crediamo di aver raccolto e campionato attivamente l'evidenza, piuttosto che averla ricevuta passivamente. Sentendo di aver 'fatto questo da noi stessi', siamo più certi che sia affidabile.


Potrebbe anche esserci qualcosa di ancora più basilare e affettivo che accade in questi casi, forse relativo all'esperienza di un neonato nei suoi dintorni. È come se fossimo aggrappati al mondo piuttosto che cercare di conoscerlo. Potremmo pensare che stiamo acquisendo una migliore informazione quando tocchiamo gli oggetti visibili che ci circondano, ma forse stiamo semplicemente tradendo un'esigenza fondamentale di rassicurazione.

 

 

 


Fonte: Ophelia Deroy, direttrice associata dell'Istituto di Filosofia e ricercatrice senior del Centro Studio dei Sensi, entrambi della School of Advanced Study dell'Università di Londra.

Pubblicato su AEON (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali colelgamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

I possibili collegamenti tra sonno e demenza

24.11.2017 DaNonPerdere

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di A...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...