Newsletter

Esperienze e opinioni

Che cos'è la demenza a insorgenza precoce? Segni e sintomi

Che cos'è la demenza a insorgenza precoce? Segni e sintomiIl film «Still Alice» parla precisamente di una demenza a insorgenza precoce: in particolare di Alzheimer a insorgenza precoce. Nel film, possiamo vedere la vita di Alice (Julianne Moore), professoressa di psicologia cognitiva di successo, specializzata in linguistica, che ha avuto la diagnosi di Alzheimer a insorgenza precoce a 50 anni.

Immagina di essere alla festa del 50° compleanno della tua amica e dimentichi il nome di tutti i presenti, come ci sei arrivata e dove sei. Tutti questi segni potrebbero dirti che c'è qualcosa che non va nella memoria. Se sei sotto i 65 anni, potrebbe essere una demenza a insorgenza precoce; ma cos'è, quali sono i sintomi, può essere trattata? Questa è una guida completa sulla demenza a insorgenza precoce.

 

Cos'è la DIP - Demenza a Insorgenza Precoce?

È una malattia degenerativa che provoca un graduale deterioramento delle cellule cerebrali. È considerata a insorgenza precoce o pre-senile se i sintomi appaiono prima del 65 anni. Alcuni differenziano anche la demenza che appare prima del 45 come 'demenza a insorgenza giovane'.

"La demenza è una sindrome che implica non solo un deterioramento della memoria e di altre funzioni cognitive, ma un cambiamento nel comportamento e nella capacità di svolgere le attività quotidiane di base". - Organizzazione Mondiale della Sanità

La causa della DIP può essere l'Alzheimer (43-58% dei casi di DIP), seguita dalla demenza frontotemporale (FTD). La demenza vascolare, l'alcolismo o il trauma cerebrale sono le cause più comuni quando si tratta di eziologia secondaria. Tuttavia, la demenza a insorgenza giovane (sotto i 45 anni) è causata più spesso dalla FTD, e quasi mai da Alzheimer.

La demenza è una delle cause principali di disabilità e di dipendenza degli anziani, e i suoi effetti non sono solo devastanti per coloro che soffrono, ma anche per i familiari e i propri cari. La demenza è una malattia piuttosto comune e generalmente appare dopo i 65 anni. Circa 47,5 milioni di persone soffrono di demenza nel mondo e ogni anno sono riferiti 7,7 milioni di nuovi casi. La maggioranza di questi casi è l'Alzheimer (60-70%). Tuttavia, sebbene sia una malattia generalmente legata all'invecchiamento, può avere un inizio precoce. Di seguito, cercheremo di spiegare cos'è la DIP, con più attenzione sull'Alzheimer precoce.

 

DIP: Sintomi clinici

I pazienti con DIP mostrano più sintomi comportamentali e psicologici associati alla demenza e meno deterioramento cognitivo e funzionale rispetto ai pazienti con demenza a insorgenza tardiva. I primi sintomi di questa malattia non sono quelli tipici che si svilupperanno più tardi.

Nella demenza frontotemporale, c'è una controversia a proposito dei sintomi, in quanto degli scienziati contestano che siano diversi nei casi di inizio precoce. Alcuni studi non vedono differenze e altri ritengono che la demenza a insorgenza ritardata mostri livelli più elevati di apatia, problemi di memoria e problemi visivi-spaziali della DIP.

Tuttavia, le differenze tra DIP e Alzheimer sono chiari. I pazienti con DIP tendono ad avere più problemi linguistici, maggiori difficoltà nei compiti che richiedono un'attenzione costante e altri sintomi psicologici e comportamentali.

DIP: Sintomi nei pazienti con Alzheimer
  • Perdita di memoria
  • Difficoltà a pianificare e risolvere i problemi
  • Difficoltà a completare i compiti
  • Difficoltà a determinare tempo e luogo
  • Perdita di vista
  • Mettere gli oggetti nel posto sbagliato
  • Difficoltà a trovare parole
  • Cambiamenti di personalità e umore.
DIP: Sintomi associati a disturbi linguistici
  • Anomia o difficoltà a trovare la parola giusta per gli oggetti o per spiegare un'idea.
  • Diminuzione del vocabolario
  • Uso di frasi lunghe e vaghe per spiegare le cose. Usano molte parole non specifiche per descrivere le cose invece di usare la parola giusta, ad esempio cosa, quello, esso, ...
  • Richiedono più tempo per arrivare al punto, e hanno difficoltà a trovare le parole giuste.
DIP: Sintomi legati a sostenere l'attenzione continua
  • Difficoltà di concentrazione: potrebbero iniziare ad avere problemi a seguire una storia in un libro o film
  • Matematica e calcoli: cominciano ad avere difficoltà negli acquisti, a calcolare quanto spendere, quanto denaro dare ...
DIP: Sintomi comportamentali e psicologici
  • Apatia. Nessun desiderio di fare una qualsiasi cosa.
  • Sintomi depressivi. Sentirsi triste o scoraggiato. Non è raro che i pazienti di DIP presentino più sintomi depressivi. A livello psicologico, è grande la percezione della perdita di indipendenza, perché si sentono obbligati a smettere con le loro attività quotidiane: lavorare, guidare, viaggiare in modo indipendente ... Tutto questo influenza l'autostima e l'auto-rispetto del paziente.
  • Sintomi di ansia. Quando il paziente comincia ad essere consapevole dei suoi deficit, può insorgere ansia. Affronta l'ansia anche quando impara come affrontare nuove situazioni legate all'avanzamento della malattia.
  • Irritabilità. I pazienti possono essere irritabili a diversi gradi, come il fastidio verso l'aggressività verbale o fisica.

 

DIP - Come ottengo la diagnosi?

Non ci sono esami assodati che possano confermare se hai una DIP, ma i medici controllano in diversi modi per vedere se è una possibilità. La prima cosa che il medico chiede è la tua storia medica, compresi i sintomi attuali. Quindi prova la tua memoria e la capacità di risolvere i problemi.

Anche una neuro scansione va molto bene in questi casi. Visualizza i cambiamenti nel tuo cervello con tomografia computerizzata o raggi X. Una risonanza magnetica potrebbe anche essere una possibilità a seconda di ciò che il medico ritiene opportuno.

 

Che cosa provoca la DIP?

La DIP, come ogni altra demenza, è causata da danni alle cellule cerebrali. Il danno interferisce con il processo di comunicazione tra le cellule cerebrali (neuroni). Poiché le cellule cerebrali non comunicano più correttamente, i nostri comportamenti, processi cognitivi e sentimenti possono essere compromessi.

I diversi tipi di demenza sono associati a tipi particolari di danni cerebrali in una parte specifica del cervello. Nei pazienti con DIP correlata ad Alzheimer a insorgenza tardiva, l'ippocampo sembra essere danneggiato per primo dalle proteine che impediscono alle cellule cerebrali di comunicare tra di loro. Poiché l'ippocampo è associato alla memoria, il primo sintomo associato alla DIP è la perdita di memoria.

 

Trattamento e cura della DIP

Non esiste una cura specifica per la DIP, tuttavia esistono trattamenti farmacologici che potrebbero migliorare temporaneamente i sintomi. I farmaci sono assegnati in base ai diversi sintomi che il paziente potrebbe avere.

Farmaci per perdita di memoria: Alla persona con DIP saranno prescritti gli inibitori della colinesterasi per trattare la memoria, il linguaggio, il giudizio e altri processi cognitivi. Questi sono noti in commercio come Donepezil, Rivastigmina e Galantamina.

Trattamenti per i cambiamenti del comportamento: Poichè nella DIP i problemi comportamentali sono solitamente irritabilità, ansia e depressione, essi preparano il paziente al cambiamento e cercano di mantenere le cose più semplici possibile quando si comunica. Farmaci possono essere presi per ridurre i sintomi di ansia, depressione, e anche i sintomi antipsicotici o gli episodi psicotici. È  importante anche la terapia che aiuta a promuovere il comfort fisico ed emotivo, e pure i caregiver devono avere alcune strategie per far fronte alla situazione. Ecco alcuni aspetti da considerare quando ci si occupa di una persona con DIP:

  • Evitare di essere conflittuali
  • Deviare l'attenzione della persona quando necessario
  • Monitorare il comfort personale (chiedere se c'è dolore, fame, sete, ecc.)
  • Creare un ambiente calmo
  • Fornire un oggetto di sicurezza
  • Cercare i motivi dietro ogni comportamento
  • Non prendere il comportamento in termini personali

Trattamenti per i cambiamenti di sonno: Le persone con DIP tendono a cambiare i modelli del sonno a causa dei cambiamenti cerebrali. Anche se questi sono più comuni nelle fasi successive, è importante tenere d'occhio questi due sintomi:

  • Difficoltà a dormire
  • Il sonno diurno e altri momenti di ciclo sonno-veglia

Per evitare questi cambiamenti di sonno seguire questi suggerimenti:

  • Mantenere tempi regolari per i pasti e per andare a letto
  • Cercare l'esposizione al sole
  • Incoraggiare l'esercizio quotidiano
  • Evitare stimolanti (caffè, nicotina, alcol)
  • Evitare di prendere inibitori della colinesterasi durante la notte
  • Fornire luci notturne
  • Usare il letto SOLO per dormire
  • Non guardare la TV prima di dormire

 

Prevenzione della DIP e fattori di rischio

Ci sono alcuni fattori di rischio che non possiamo evitare, come la genetica e l'età. Tuttavia, i ricercatori si sono concentrati su altri aspetti per ridurre il rischio e prevenire la DIP.

Una delle aree principali che hanno trovato correlate a questo è quella dei fattori di rischio cardiovascolare. Tutto ciò che danneggia i vasi sanguigni mette a rischio il flusso sanguigno al cervello, quindi un rischio per la salute del cervello. Le alterazioni dei vasi sanguigni nel cervello portano alla demenza vascolare, tuttavia è sempre importante ridurre la pressione sanguigna, il colesterolo e lo zucchero nel sangue, in modo da non mettere in pericolo il cervello.

Anche l'esercizio fisico è importante per ridurre il rischio di DIP perché le cellule cerebrali possono trarre vantaggio dal flusso di ossigeno supplementare.

Molti ricercatori hanno affermato che anche la dieta potrebbe ridurre il rischio di DIP. Recentemente, gli studi hanno dimostrato che una dieta sana per il cuore influenza il cervello positivamente, riducendo i rischi di soffrire di qualsiasi tipo di demenza.

 

********

Spero che questo articolo ti sia stato utile e ricorda che se hai un familiare che temi abbia una DIP, parlane subito con il medico.

 

 

 


Fonte: Molly Minchew in CogniFit.com (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

I possibili collegamenti tra sonno e demenza

24.11.2017 DaNonPerdere

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di A...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

captcha