Iscriviti alla newsletter

Aggressività nella demenza

Aggressività e demenzaPer più di cinque anni, Phyllis Edelstein è riuscita a prendersi cura di suo marito Richard nella loro casa di Long Island mentre la demenza lentamente progrediva. Si sentiva fortunata ad aver trovato, ed essere in grado di pagare, una coppia, che viveva in casa, per aiutarla.


Ma lo scorso autunno "lui prendeva sempre peggio cose come la doccia", mi dice. "C'erano fiammate di rabbia". Lei ha visto il marito, un dentista in pensione, cercare di colpire il suo caregiver, ed è trasalita quando, guardando un Western insieme, l'ha visto saltare su e precipitarsi verso la Tv per colpire il protagonista cattivo. "Era arrivato il punto in cui non mi sentivo sicura a stare sola con lui nel fine settimana", ammette.


In Gennaio ha portato il Dr. Edelstein, di 82 anni, in una struttura di vita assistita vicina. Sembrava stabilizzarsi, anche se una volta ha colpito un altro ospite. Ma un Sabato della scorsa primavera "ha perso la testa", ha detto la signora Edelstein. "Un sfogo fisico tremendo". Ha rotto fioriere, rovesciato mobili, divelto la porta di un armadio dai cardini.


Al Dr. Edelstein è stata trovata una infezione del tratto urinario, che da molto tempo si sa essere causa di un comportamento improvvisamente aggressivo o bizzarro in pazienti affetti da demenza. Ma anche dopo che l'infezione è stata trattata, non ha riacquistato il livello di funzionamento precedente. Egli rimane in un reparto psichiatrico dell'ospedale, dove i medici stanno cercando di trovare il giusto mix di farmaci in modo che sia calmo, ma non sonnolento.


Cerchiamo di essere chiari: il comportamento fisicamente aggressivo è presente in una minoranza considerevole di pazienti di demenza (uno studio tedesco su pazienti di case di cura, pubblicato lo scorso anno, ha fissato la percentuale a quasi il 29 per cento) ma le persone più a rischio sono quelle stesse con demenza e i loro caregiver. E' irrazionale temere un complesso di vita assistita per demenza nei pressi di un quartiere residenziale, come è successo nel Minnesota qualche anno fa, come se i suoi ospiti anziani aggredissero e minacciassero i passanti.


Ma il comportamento violento rappresenta un problema particolarmente spinoso per le famiglie. Sanno che i loro cari con demenza in genere non hanno intenzione di fare male. Eppure, quando sono confusi, impauriti, arrabbiati o doloranti, possono calciare, colpire, mordere, lanciare o spingere. (Se hai esperienza di questi comportamenti, puoi condividerlo nei commenti alla fine dell'articolo o nella sezione "La mia storia")


Una donna del Montana di nome June recentemente mi ha detto che suo marito, diagnosticato di Alzheimer tre anni fa, stava diventando sempre più irritabile e resistente, e dormiva con una pistola carica. Su insistenza del medico, lei ed i suoi figli hanno tolto le tre armi da fuoco dalla casa, un duro colpo per un cacciatore di lunga data. Comunque Joe porta ancora una bomboletta di spray al pepe in tasca quando lascia la casa.


Il comportamento aggressivo, e la paura che la persona danneggi se stesso o gli altri, sono tra i motivi più comuni che inducono i caregiver a provare ad inserire un familiare in un istituto, come ha rilevato un sondaggio dell'Alzheimer's Foundation of America dell'anno scorso. Ma anche le strutture, preoccupate per la sicurezza del personale e degli altri ospiti, non sono sempre disposte ad assumere questa sfida.  Nella maggior parte dei casi, le famiglie e il personale possono usare approcci comportamentali per smussare le risposte aggressive, dice la consulente Susan Gilster, fondatrice ed ex direttrice dell'Alois Alzheimer Center di Cincinnati. Lei ricorda un ex ospite, che iniziava ad urlare e dimenarsi quando gli aiutanti provavano ad alzarlo dal letto alle 8 del mattino.


Le strutture hanno la loro routine, ma il motto di questo centro era "la persona prima del compito", dice la Gilster. "La persona è più importante. Il compito viene eseguito alla fine". Quella persona si è comportata bene quando gli è stato permesso di dormire fino alle 10, con una colazione leggera successiva. Alcuni uomini nella struttura non venivano rasati fino al pomeriggio se ciò rendeva più scorrevole la loro giornata. "Perché litigare per queste cose? Nessuno vince", dice la Gilster. "Consentire alle persone di fare ciò che vogliono fare, e molti di questi comportamenti svaniscono".


L'Alzheimer's Foundation of America fornisce informazioni su tali strategie e chiede anche ai caregiver di tenere sotto controllo i problemi di salute (infezione, dolore, depressione) che possono indurre le persone che non riescono a descrivere questi sintomi, ad esprimerli con il comportamento [aggressivo]. E' importante anche l'ambiente: folla, rumore, routine interrotte. "Essi non possono gestire più di tanto la stimolazione, e questo li sconvolge", spiega la Gilster.


I farmaci per controllare l'aggressività e altri comportamenti problematici, in particolare gli antipsicotici, come Olanzapina (nome commerciale: Zyprexa), Quetiapina (Seroquel) o risperidone (Risperdal), rappresentano l'ultima risorsa. Questi hanno gravi effetti collaterali e hanno dimostrato di aumentare il rischio di morte, tanto che la Food and Drug Administration impone un avvertimento sulla confezione.


Eppure "in alcune circostanze, dove diventa una questione di sicurezza del paziente stesso, della famiglia, del personale o degli altri ospiti, alcuni di questi farmaci sono una possibilità", dice il dottor Ronald Petersen, direttore del Centro di Ricerca di Alzheimer  della Mayo Clinic. Egli avverte tuttavia che "bisogna ri-valutare frequentemente la loro utilità". I sintomi di demenza cambiano nel tempo. I farmaci "possono essere utili ora e non essere più necessari tra due o tre mesi", ha detto.


Se si sta pensando che questo è un insieme esigente e talvolta straziante di risposte (cercare senza sosta di controllare l'ambiente di una persona malata, adattare il modo di comunicare, prendere in considerazione farmaci pericolosi), beh, è vero. Il pubblico in generale pensa alla demenza in termini di perdita di memoria, ma a volte questo è il minore dei problemi. "Queste sono decisioni difficili", riconosce il Dott. Petersen. "Non c'è una soluzione facile".


Phyllis Edelstein, piangendo l'uomo che ha conosciuto in un appuntamento al buio 62 anni fa, sta valutando dove può essere assistito quando uscirà dall'ospedale, perchè non può tornare alla precedente struttura. "Stiamo cercando di capire quale sarà il prossimo passo", ha detto. E deve ancora capirlo.

 

 

 

 

 


Pubblicato da Paula Span in New York Times (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.