Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

8 modi di capire che si sta negando la demenza

NegarenegareAll'inizio, negare può essere una sana difesa dall'ammissione che la persona amata ha la demenza. Negare comporta non riconoscere ciò che si vede o si sente, e/o negare inconsciamente ciò che si vede o si sente. Negare aiuta a bloccare gli aspetti più dolorosi della realtà.

Tuttavia, se il rifiuto continua troppo a lungo, allora può essere pericoloso per la vita di entrambi. Ecco cosa è successo a me, psichiatra, e a mio marito morto sette mesi fa di demenza a corpi di Lewy.


Un giorno ha cercato di tagliarmi la frangia, cosa che faceva sempre tra due appuntamenti dal parrucchiere. Questo rituale piaceva ad entrambi. Anche se era avvocato di professione, era piuttosto pratico con le forbici, i coltelli, e altri attrezzi. Mi sono pettinata i capelli e mi sono seduta di fronte a lui, pronta alla sistemazione della frangia. Con la sua solita sicurezza, mi ha afferrato i capelli e ha mosso le forbici verso di me. Avevo gli miei occhi chiusi, ma per fortuna li ho aperti poco prima che cominciasse a tagliare.


Aveva un angolo di taglio completamente sbagliato. Ero scioccata, gli ho afferrato la mano e gli ho chiesto cosa stesse facendo. Ho visto uno sguardo vuoto. Mio marito era un uomo gentile e non mi ha mai fatto male, è per questo che avevo scelto di stare con lui, ma non capiva quanto era stato vicino a cavarmi gli occhi. Il suo senso della distanza, del pericolo, e di fare la cosa giusta erano spariti.


Questo incidente - avvenuto un anno dopo la diagnosi - mi ha aperto letteralmente gli occhi sui pericoli della negazione. Se ci si trova in una o più delle situazioni che seguono, si deve essere coscienti che si sta negando:

  1. Ignorare segni rivelatori come il proprio caro che inciampa o fa cadere le cose. Queste azioni sono più che un segno di goffaggine - sono indicazioni del fatto che il sistema nervoso è compromesso.
  2. Idealizzarlo al punto da pensare al proprio caro come perfetto o santo che non avrebbe potuto fare nulla di male.
  3. Razionalizzare il suo comportamento. Dire: "Non importa se ha appena acceso il gas e se ne è andato senza mettere la pentola sul fuoco. Tornerà tra un minuto". Non lo farà, e potrebbe esserci un incendio.
  4. Permettergli di camminare per la strada senza accompagnamento quando si sa che può perdersi. Perdersi e perdere l'orientamento è un sintomo di demenza.
  5. Aspettarsi che segua lo schema consueto. Devi essere tu ad adattarti ai cambiamenti causati dalla demenza. Non può andare a lavorare come al solito, per quanto potrebbe desiderare di farlo. Potrebbe anche non essere in grado di arrivare dal medico. Considerare l'assunzione di un aiuto professionale o adire ad un sistema di supporto che accompagni la persona cara, per quanto possibile.
  6. Permettere al proprio caro di continuare a guidare o di usare macchinari. OK, si vive in Florida o in California e non c'è altro modo per girare. Fallo tu, o ingaggia un autista.
  7. Arrabbiarsi in modo sproporzionato rispetto all'accaduto. Quando si è in negazione si stanno sopprimendo i propri sentimenti, così quando arrivano, la rabbia e molti altri sentimenti saranno molto più intensi del solito. Una volta che si smette di negare, è possibile riprendere il controllo delle proprie emozioni.
  8. Proiettare i propri sentimenti sulla persona cara. Potrebbe non sentire quello che pensi che stia sentendo. Prenditi il tempo di sederti e parlare a lungo con lui, cercando di scoprire quello che sta realmente provando.


Se si ha un incidente come il mio, si è costretti a smettere di negare. La chiave per la salute emotiva è evitare la negazione.


Consiglio di richiedere un aiuto dalla psicoterapia con un professionista di fiducia, e/o partecipare ad un gruppo di sostegno o auto-mutuo-aiuto. Parlare ad amici e familiari può essere utile, ma fare attenzione che potrebbero diventare complici nella negazione; potrebbero essere altrettanto tristi, confusi, turbati sulla condizione del proprio caro.


Un professionista obiettivo esterno alla propria cerchia può aiutare meglio ad identificare il proprio rifiuto e a lavorare insieme su un piano di salute emotiva a lungo termine.

 

 

 

***********************
Cosa pensi di questo articolo? Ti è stato utile? Hai rilievi, riserve, integrazioni? Conosci casi o ti è successo qualcosa che lo conferma? o lo smentisce? Puoi usare il modulo dei commenti qui sotto per dire la tua opinione. Che è importante e unica.

 

***********************
Carol W. Berman, M.D.Scritto da Carol W. Berman, MD, Professore Assistente di psichiatria, NYU Medical Center

Pubblicato in The Huffington Post il 1 Febbraio 2013 - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:



Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.