Iscriviti alla newsletter

Elaborare il dolore di una perdita continua, tipo l'Alzheimer grave, differisce dagli schemi tradizionali di lutto

GrievingBeforeDeath

La perdita tradizionale è in genere considerata un processo a cinque fasi, lineare e legato al tempo, in cui una persona passa dalla negazione all'accettazione. Generalmente, la perdita tradizionale è legata alla morte, come la morte di una persona cara o un aborto. È permanente, spesso brusca, insorge quando qualcuno o qualcosa una volta presente è improvvisamente assente.


Ma la perdita è complessa. Altri tipi di perdita non seguono l'archetipo unico per tutti e molti esperti ora criticano le cinque fasi del modello di lutto. Come professore di infermieristica che fa ricerca sull'impatto della malattia infantile sul benessere familiare, una delle mie principali aree di studio è come le persone si muovono in un altro tipo di perdita: la perdita ambigua o perdita senza chiusura.

 

Convivere con l'assenza, lasciar andare

La perdita ambigua è continua, ricorrente o irrisolta. La persona cara è ancora viva ma diversa da chi era una volta. Per oltre un decennio, ho lavorato con centinaia di genitori che sono diventati caregiver di bambini un tempo sani, che hanno subito un infortunio o una malattia devastanti.


Il bambino può avere una lesione cerebrale traumatica, derivante da un incidente d'auto o da un annegamento. Oppure è nato con disabilità progressive con conseguente necessità di cure specializzate a lungo termine. In questi casi, il caregiver non solo deve convivere con l'assenza di ciò che era, ma deve lasciar andare ciò che avrebbe potuto essere.


Come mi ha detto un genitore: “Hai tutti questi sogni per tuo figlio. A volte con la disabilità quelle cose non accadranno mai. Rivalutare le aspettative è impegnativo e un po' triste". A causa dell'ambiguità di questi tipi di esperienze, nulla - nessun modello, nessun numero prefissato di fasi - può preparare completamente i genitori a navigare in questo tipo di perdita.


Ma sebbene la perdita ambigua differisca dalla perdita tradizionale, i ricercatori continuano a tenere insieme entrambe. Ecco perché gli studi sulla perdita ambigua sono scarsi e non esiste una formula per aiutare i caregiver a gestire il loro dolore. Fino a quando i ricercatori non abbandonano la loro visione tradizionale della perdita, non comprenderemo appieno come aiutare coloro che vivono perdite ambigue.

 

Trovare significato nella perdita

Durante gli anni '60, lo psichiatra Viktor Frankl ha sviluppato il concetto di 'volontà al significato', basato sulla sua esperienza come sopravvissuto all'Olocausto nei campi di concentramento nazista durante la seconda guerra mondiale.


Frankl vide alcuni prigionieri nel campo mantenere un atteggiamento positivo e si chiedeva come facessero in un ambiente così infido. Ha capito che gli umani hanno la capacità di scegliere come percepire le loro esperienze. Trovare significato, ha imparato, aiuta le persone a perseverare attraverso la sofferenza.


Negli anni '80, i concetti di Frankl sono stati adattati alla 'teoria del significato', essenzialmente una guida per gli infermieri su come aiutare i pazienti a trovare significato e scopo dopo una perdita senza precedenti. Gli infermieri hanno scoperto che le decisioni attive e personali di un individuo potrebbero alterare la sua percezione di queste esperienze traumatiche.


Quella teoria del significato si è rivelata un faro di speranza per le persone in situazioni difficili. Per decenni, gli infermieri di tutto il mondo hanno usato questo concetto per arrivare a innumerevoli pazienti, in particolare quelli che hanno cancro, lesioni del midollo spinale, dipendenze da droga o alcol o quelli dell'hospice.


Ma credo che il mio lavoro sia il primo del suo genere a usare la teoria del significato per interagire con i genitori che vivono perdite ambigue. Ho intervistato otto genitori di bambini con una disabilità acquisita - per lo più lesioni cerebrali traumatiche - per capire meglio se sono stati in grado di trovare significato nella loro perdita.


Ho scoperto che i genitori avevano una profonda sofferenza perché erano al limite, preoccupati per le cure per tutta la vita per il loro bambino e ignari delle conseguenze della perdita. Questa sofferenza ha raggiunto ogni familiare e ha portato a relazioni coniugali tese, depressione, ansia, rabbia, privazione del sonno e paura dell'ignoto.


Tuttavia, i genitori hanno superato queste sfide dando assistenza al proprio figlio e creando uno spazio per connettersi a familiari, amici e altri genitori che hanno subito esperienze simili. Hanno trovato gioia nel più piccolo successo del loro bambino. Il risultato sono state relazioni più profonde all'interno della loro famiglia e una prospettiva piena di speranza per il futuro.


Un genitore mi ha detto: "Non c'è nulla che sia mai stato più difficile ... ma prendersi cura di (mio figlio) è la cosa più gratificante che abbia mai fatto nella mia vita". Un altro ha detto: "Ha superato così tanto e la nostra famiglia è cresciuta a causa di ciò che abbiamo vissuto".


È chiaro che questi genitori non si sono semplicemente mossi dentro le fasi tradizionali di negazione, rabbia, contrattazione, depressione e accettazione. Sicuramente queste ampie emozioni e sentimenti erano probabilmente presenti, forse anche tutte in una volta. Ma sono stati in grado di scegliere come percepire le loro esperienze, per trovare uno scopo nel loro caregiving indipendentemente dalla disabilità.


Questi genitori non hanno semplicemente accettato la loro perdita come descrive il modello tradizionale, ma l'hanno trasformata in qualcosa di significativo che li aiuta a perseverare attraverso le loro esperienze.

 

Come aiutare

Ciò che spesso manca a questi genitori è il supporto della comunità, come cure di sollievo, trasporti, aiuti finanziari e gruppi di supporto. Questo aiuta i genitori a soddisfare i bisogni di base in modo che possano prendersi cura di se stessi, riflettere più chiaramente sulle loro esperienze e trovare significato per andare avanti.


Nel periodo di perdita ambigua, i genitori affermano che le loro vite si sono capovolte; stanno cercando di navigare in una nuova normalità. Si sentono isolati, soli, fraintesi e giudicati.


Se conosci qualcuno che vive perdite ambigue, può aiutarlo semplicemente chiedere come sta. Potresti offrirti di portarlo a cena, includerlo in attività o semplicemente sederti con lui e ascoltare. Questi semplici atti di gentilezza possono aiutarlo a sentirsi più compreso e rinvigorire il suo scopo di affrontare un altro giorno.

 

 

 


Fonte: Brad Phillips, professore assistente di infermieristica, West Virginia University

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.