Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Esperienze e opinioni

Dimenticare potrebbe in realtà essere un segno che la tua memoria funziona bene

at the groceryNon hai bisogno di ricordare cosa hai preso in panetteria 15 giorni fa. (Foto: andresr/E via Getty)

L'altro giorno, quando mi è stato chiesto di un panetteria vicino a casa mia, ho risposto che di recente avevo mangiato i suoi deliziosi biscotti al cioccolato. Mia moglie mi ha corretto, notando che i biscotti che ho mangiato erano in realtà di avena con uva passa.


Perché ho fatto questo errore di memoria? È un segno precoce della demenza imminente? Dovrei chiamare il mio dottore?


O dimenticare i dettagli del dessert è una cosa buona, dato che la vita di tutti i giorni è piena di un enorme numero di dettagli, troppi da ricordare con precisione per un cervello umano finito?


Sono uno scienziato cognitivo e sto studiando la percezione umana e la cognizione da più di 30 anni. Con i miei colleghi ho sviluppato nuovi modi teorici e sperimentali per esplorare questo tipo di errore. Questi errori di memoria sono una brutta cosa, risultante da una elaborazione mentale difettosa?


O, controintutitivamente, potrebbero essere una buona cosa, un effetto collaterale desiderabile di un sistema cognitivo con capacità limitata che lavora in modo efficiente? Ci stiamo avvicinando a quest'ultima ipotesi: che gli errori di memoria possono effettivamente indicare un modo in cui il sistema cognitivo umano è 'ottimale' o 'razionale'.

 

Le persone sono razionali?

Da decenni, gli scienziati cognitivi pensano se la cognizione umana è strettamente razionale. A partire dagli anni '60, gli psicologi Daniel Kahneman e Amos Tversky hanno condotto ricerche pionieristiche su questo argomento. Hanno concluso che le persone spesso usano strategie mentali "veloci e sporche", note anche come euristica.


Ad esempio, quando si chiede se la lingua inglese ha più parole che iniziano con la lettera "k" o con "k" come terza lettera, la maggior parte delle persone dice che ci sono più parole che iniziano con "k". Kahneman e Tversky sostenevano che le persone arrivano a questa conclusione pensando rapidamente alle parole che iniziano con "k" e con "k" nella terza posizione, e notano che possono pensare a più parole con iniziale "k".


Kahneman e Tversky hanno fatto riferimento a questa strategia come 'disponibilità euristica': quello che ti viene in mente più facilmente influenza la tua conclusione.


Sebbene l'euristica spesso produca buoni risultati, a volte non lo fa. Pertanto, Kahneman e Tversky sostenevano che, no, la cognizione umana non è ottimale. In effetti, la lingua inglese ha molte più parole con "k" nella terza posizione rispetto a quelle che iniziano con "k".

 

Sotto-ottimale o il meglio che può essere?

Negli anni '80, tuttavia, hanno iniziato a comparire nella letteratura scientifica ricerche che suggerivano che la percezione umana e la cognizione potrebbero essere spesso ottimali. Ad esempio, diversi studi hanno scoperto che le persone combinano informazioni da più sensi - come vista e udito, o vista e tatto - in un modo che è statisticamente ottimale, nonostante il rumore nei segnali sensoriali.


Forse più importante, la ricerca ha dimostrato che almeno alcuni casi di comportamento apparentemente sotto-ottimali sono in realtà il contrario. Ad esempio, era ben noto che le persone a volte sottovalutano la velocità di un oggetto in movimento. Quindi gli scienziati hanno ipotizzato che la percezione del movimento visivo umano è sotto-ottimale.


Ma la ricerca più recente ha dimostrato che l'interpretazione sensoriale o la percezione statisticamente ottimale è quella che combina informazioni visive sulla velocità di un oggetto con conoscenze generali che la maggior parte degli oggetti del mondo tende ad essere stazionaria o rallentata. Inoltre, questa interpretazione ottimale sottovaluta la velocità di un oggetto quando le informazioni visive sono rumorose o di bassa qualità.


Poiché l'interpretazione teoricamente ottimale e l'interpretazione effettiva delle persone fanno errori simili in circostanze simili, potrebbe essere che questi errori siano inevitabili quando le informazioni visive sono imperfette e che le persone stiano effettivamente percependo le velocità del movimento e come possono essere percepite.


Gli scienziati hanno trovato risultati correlati durante lo studio della cognizione umana. Le persone spesso producono errori quando si ricordano, ragionano, decidono, pianificano o esprimono, specialmente in situazioni in cui le informazioni sono ambigue o incerte. Come nell'esempio percettivo sulla stima della velocità visiva, la strategia statisticamente ottimale durante l'esecuzione di compiti cognitivi è combinare informazioni da dati, come le cose che si sono osservate o sperimentate, con conoscenze generali su come funziona in genere il mondo.


I ricercatori hanno scoperto che gli errori effettuati da strategie ottimali - errori inevitabili dovuti all'ambiguità e all'incertezza - assomigliano agli errori che le persone fanno veramente, suggerendo che le persone possono eseguire compiti cognitivi al meglio di come possono essere eseguiti.


Montano le evidenze che gli errori sono inevitabili quando si percepisce e si ragiona con stimoli ambigui e informazioni incerte. In tal caso, gli errori non sono necessariamente indicatori di elaborazione mentale difettosa. In effetti, i sistemi percettivi e cognitivi delle persone possono effettivamente funzionare abbastanza bene.

 

Il tuo cervello, sotto vincoli

Ci sono spesso vincoli sul comportamento mentale umano. Alcuni vincoli sono interni: le persone hanno una capacità limitata di prestare attenzione, non puoi partecipare a tutto contemporaneamente. E le persone hanno una capacità di memoria limitata, non puoi ricordare tutto nei dettagli. Altri vincoli sono esterni, come la necessità di decidere e agire in modo tempestivo. Dati questi vincoli, potrebbe essere che le persone non possono sempre avere una percezione o una cognizione ottimale.


Ma - e questo è il punto chiave - anche se la tua percezione e la tua cognizione potrebbero non essere buone quanto potrebbero essere se non ci fossero vincoli, potrebbero essere buone come possono essere data la presenza di questi vincoli.


Considera un problema la cui soluzione richiede di pensare simultaneamente a molti fattori. Se, a causa dei limiti alla capacità di attenzione, non puoi pensare a tutti i fattori contemporaneamente, allora non sarai in grado di pensare alla soluzione ottimale. Ma se pensi a tutti i fattori che puoi tenere nella mente allo stesso tempo, e se questi sono i fattori più informativi per il problema, allora sarai in grado di pensare a una soluzione che è la migliore possibile data la tua attenzione limitata.

 

I limiti della memoria

Questo approccio, enfatizzando la 'ottimalità vincolata', a volte è noto come approccio 'risorse-razionale'. Con i miei colleghi ho sviluppato un approccio di risorse-razionale alla memoria umana. Il nostro quadro pensa alla memoria come tipo di canale di comunicazione.


Quando si posiziona un oggetto in memoria, è come se avessi inviato un messaggio al tuo sé futuro. Tuttavia, questo canale ha una capacità limitata, e quindi non può trasmettere tutti i dettagli di un messaggio. Di conseguenza, un messaggio recuperato dalla memoria in un secondo momento potrebbe non essere lo stesso del messaggio inserito in memoria al momento precedente. Ecco perché si verificano errori di memoria.


Se il tuo deposito di memoria non può mantenere fedelmente tutti i dettagli degli elementi memorizzati a causa della sua capacità limitata, allora sarebbe saggio accertarsi che qualunque siano i dettagli che può mantenere siano quelli importanti. Cioè, la memoria dovrebbe essere la migliore che può essere in circostanze limitate.


In effetti, i ricercatori hanno scoperto che le persone tendono a ricordare i dettagli pertinenti del compito e dimenticare i suoi dettagli irrilevanti. Inoltre, le persone tendono a ricordare il succo generale di un oggetto posto in memoria, dimenticando i suoi dettagli raffinati. Quando ciò si verifica, le persone tendono a 'riempire' mentalmente i dettagli mancanti con le proprietà più frequenti o comuni. In un certo senso, l'uso di proprietà comuni quando mancano i dettagli è un tipo di euristica, è una strategia rapida e sporca che spesso funziona bene ma a volte fallisce.


Perché ho ricordato di aver mangiato biscotti al cioccolato quando, infatti, avevo mangiato biscotti di avena all'uva passa? Perché ho ricordato il succo della mia esperienza - mangiare biscotti - ma ho dimenticato i dettagli raffinati, e così ho riempito questi dettagli con le proprietà più comuni, cioè i biscotti al cioccolato. In altre parole, questo errore dimostra che la mia memoria funziona il meglio possibile entro i suoi vincoli. E questa è una buona cosa.

 

 

 


Fonte: Robert Jacobs, professore di scienze cerebrali e cognitive, Università di Rochester

Pubblicato su The Conversation (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.