Denuncia & Advocacy

Quello che il tuo smartphone sta facendo al tuo cervello non va bene

Quello che il tuo smartphone sta facendo al tuo cervello non va bene (Foto: Samantha Lee/Business Insider )

Per tutto il giorno siamo inondati da interruzioni e avvisi dal nostro dispositivo. Lo smartphone ronza per svegliarci, suona e fa apparire immagini quando le e-mail si riversano nella casella di posta, quando ci sono notifiche dei colleghi e degli amici lontani, e l'«assistente» parla meccanicamente con la sua voce senz'anima.


Tali interruzioni sembrano logiche per la nostra mente: vogliamo che la tecnologia aiuti la nostra vita impegnata, assicurandoci di non perdere appuntamenti e comunicazioni importanti.


Ma il nostro corpo ha una visione diversa: questi allarmi costanti fanno scattare gli ormoni dello stress, infiammano la risposta lotta-o-fuggi; i battiti del cuore accelerano, il respiro si irrigidisce, le ghiandole sudoripare si aprono e i muscoli si contraggono. Questa risposta ha lo scopo di aiutarci a superare il pericolo, non a rispondere a una chiamata o al messaggio di un collega. Semplicemente non siamo costruiti per vivere così.


Le app sfruttano le nostre esigenze di sicurezza e interazione sociale e i ricercatori stanno iniziando a vedere quanto sia terribile per noi. Un enorme 89% di studenti universitari ora riferisce di sentire vibrazioni "fantasma" del telefono, immaginando che il loro telefono stia richiamando la loro attenzione anche quando non sta realmente suonando. Un altro 86% di americani afferma di controllare costantemente la propria posta elettronica e gli account dei social media, e ciò li sta davvero stressando.


L'endocrinologo Robert Lustig ha detto a Business Insider che le notifiche del telefonino stanno addestrando il nostro cervello ad essere in uno stato quasi costante di stress e paura, stabilendo un percorso di memoria stress-paura. E un tale stato significa che la corteccia prefrontale, la parte del cervello che di norma si occupa di alcune delle nostre funzioni cognitive più elevate, va completamente in tilt e in pratica si spegne.


"Finisci per fare cose stupide", dice Lustig. "E quelle cose stupide tendono a metterti nei guai".


Il tuo cervello può fare solo una cosa alla volta

Gli scienziati sanno da anni ciò che le persone spesso non ammettono con se stesse: gli esseri umani non possono in realtà svolgere più compiti allo stesso tempo. Questo è vero per quasi tutti noi: circa il 97,5% della popolazione. L'altro 2,5% ha abilità bizzarre; gli scienziati li chiamano 'super-esecutori', perché possono effettivamente fare più di una cosa alla volta. Possono guidare mentre parlano al telefono, senza compromettere la capacità di parlare o di cambiare marcia.


Ma dal momento che solo 1 persona su 50 è un super-esecutore, il resto di noi comuni mortali si può concentrare solo su una cosa alla volta. Ciò significa che ogni volta che ci fermiamo per rispondere a una nuova notifica o ricevere un avviso da un'altra app del telefonino, siamo interrotti e per tale interruzione paghiamo un prezzo: una cosa chiamata 'costo di scambio'.


A volte il passaggio da un'attività all'altra costa solo pochi decimi di secondo, ma in un intero giorno di capriole tra idee, conversazioni e transazioni su un telefono o un computer, i nostri 'costi di scambio' possono davvero sommarsi e renderci più inclini agli errori. Lo psicologo David Meyer, che ha studiato questo effetto, stima che il passaggio tra i compiti può consumare fino al 40% del nostro tempo di cervello, altrimenti produttivo.


Ogni volta che cambiamo attività, ci stiamo anche sparando una dose di cortisolo, l'ormone dello stress, dice Lustig. Il passaggio tra compiti mette a letto la nostra corteccia prefrontale pensosa e ragionante, e fa schizzare in su la dopamina, la sostanza chimica della dipendenza.


In altre parole, lo stress che accumuliamo provando a fare molte cose contemporaneamente, quando realmente non possiamo farlo, ci fa ammalare, e inducendoci a desiderare ancora più interruzioni, provoca picchi di dopamina, perpetuando il ciclo.

 

Più tempo al telefono, più pigro il cervello

Il nostro cervello può elaborare molte informazioni alla volta, circa 60 bit al secondo. Più compiti dobbiamo fare, più dobbiamo scegliere come vogliamo usare il nostro prezioso potere del cervello. Quindi è comprensibile che potremmo voler trasferire parte del nostro carico di lavoro extra al telefono o all'assistente digitale.


Ma ci sono alcune prove che delegare compiti di pensiero ai nostri dispositivi potrebbe non solo rendere il nostro cervello più malato, ma anche più pigro.


I ricercatori hanno scoperto che i pensatori più intelligenti e più analitici sono meno attivi sui motori di ricerca degli smartphone rispetto ad altre persone. Ciò non significa che l'uso del telefonino per la ricerca ti fa 'essere più stupido', potrebbe semplicemente essere che queste persone intelligenti cercano meno perché ne sanno di più. Ma il legame tra pensiero meno analitico e più uso dello smartphone è lì.


Sappiamo anche che leggere nuove informazioni sul telefono può essere un modo tremendo per imparare. I ricercatori hanno dimostrato che le persone che acquisiscono informazioni complesse da un libro, invece che da uno schermo, sviluppano una comprensione più profonda e si impegnano anche in un pensiero più concettuale.


Una nuova ricerca su dozzine di utenti di smartphone in Svizzera suggerisce anche che fissando lo schermo si rendono più nervosi sia il cervello che le dita.


In una ricerca pubblicata questo mese, psicologi e informatici hanno trovato una connessione insolita e potenzialmente preoccupante: più sono i contatti, i clic e i post sui social media e più uso si fa del telefonino, più sono 'rumorosi' i segnali cerebrali. Questa scoperta ha colto di sorpresa i ricercatori, in quanto di solito, quando facciamo qualcosa più spesso, miglioriamo, siamo più veloci e più efficienti nel compito.


Ma i ricercatori pensano che ci sia qualcosa di diverso in atto quando ci impegniamo nei social media: la combinazione di socializzazione e uso dello smartphone potrebbe mettere un'enorme tassa sul nostro cervello. Il comportamento sociale "potrebbe richiedere più risorse allo stesso tempo", ha detto l'autore dello studio Arko Ghosh, dal nostro cervello alle nostre dita. E questa è roba che fa paura.

 

Usare il telefono in pubblico dovrebbe essere tabù?

Nonostante questi risvolti preoccupanti, gli scienziati non stanno dicendo che godere delle app preferite è automaticamente distruttivo. Ma sappiamo che alcuni tipi di uso sembrano particolarmente dannosi.


Il controllo di Facebook ha dimostrato di deprimere i giovani adulti. I ricercatori che hanno studiato il benessere emotivo degli studenti universitari hanno trovato un collegamento diretto: più spesso le persone controllano Facebook, più sono infelici. Ma il controllo incessante e indiscreto del telefono non si ferma qui. Giochi come Pokemon GO o app come Twitter possono creare dipendenza, e lasciano il cervello bramoso di un altro accesso.


Le app avvincenti sono pensate per dare ricompense al cervello, c'è un picco di piacere quando a qualcuno piacciono le tue foto o vedi i commenti sul tuo post. Come il gioco d'azzardo, lo fanno con un metodo imprevedibile, che è chiamato 'tempistica a rapporto variabile" ed è una cosa per cui il cervello umano impazzisce.


Questa tecnica non è usata solo dai social media, è su Internet. Tariffe aeree che cadono con un clic del mouse. Divani in sovrabbondanza che sono lì un minuto e spariscono il ​successivo. Notifiche di Facebook che cambiano in base a dove sono i nostri amici e di cosa stanno parlando. Dobbiamo avere tutto, dobbiamo avere di più, e dobbiamo averlo ora. Ci stiamo grattando prurito da dipendenza su tutti i nostri schermi.


Lustig dice che anche queste app non sono intrinsecamente malvagie. Diventano un problema solo quando viene dato loro carta bianca di interromperci, puntando sul desiderio del nostro cervello per leccornie allettanti, ingannando il nostro cervello nel voler sempre di più.


"Io non sono anti-tecnologia in sé stessa", ribatte. "Sono anti tecnologia a ricompensa variabile, perché è progettata in modo specifico per farti continuare a cercare".


Lustig dice che vuole cambiare questo, disegnando i confini attorno all'uso socialmente accettabile di smartphone. Se riuscissimo a far diventare tabù la dipendenza da smartphone (come ad esempio il fumo all'interno di edifici), le persone dovranno perlomeno limitare il loro tempo di telefonino a luoghi e orari appropriati, dando delle pause al loro cervello.

"La mia speranza è che possiamo arrivare a un punto in cui non è possibile estrarre il cellulare in pubblico", dice Lustig.

 

 

 


Fonte: Hilary Brueck in Business Insider (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Prev Next

Capire l'origine dell'Alzheimer, cercare una cura

30.05.2018

Dopo un decennio di lavoro, un team guidato dal dott. Gilbert Bernier, ricercatore di Hô...

Scoperto perché l'APOE4 favorisce l'Alzheimer e come neutralizzarlo

10.04.2018

Usando cellule di cervello umano, scienziati dei Gladstone Institutes hanno sco...

Demenza: mantenere vive le amicizie quando i ricordi svaniscono

16.01.2018

C'è una parola che si sente spesso quando si parla con le famiglie di persone con demenz...

Un segnale precoce di Alzheimer potrebbe salvarti la mente

9.01.2018

L'Alzheimer è una malattia che ruba più dei tuoi ricordi ... ruba la tua capacità di ese...

Ritmi cerebrali non sincronizzati nel sonno fanno dimenticare gli anziani

18.12.2017

Come l'oscillazione della racchetta da tennis durante il lancio della palla per servire un ac...

I possibili collegamenti tra sonno e demenza

24.11.2017

Caro Dottore: leggo che non dormire abbastanza può aumentare il rischio di A...

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

4.08.2017

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

7.10.2016

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

5.12.2014

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

2.11.2014

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

6.10.2014

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

1.10.2014

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...