Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Per una vita indipendente più lunga, bastano attrezzi poco costosi in casa

elderly at home holding safety bar

La pandemia ha messo in evidenza i punti di debolezza delle case di riposo, inducendo molte famiglie a ripensare se è preferibile tenere a casa un genitore anziano. Ora un nuovo studio eseguito alla University of California di San Francisco ha scoperto che molti anziani americani mancano dell'attrezzatura basilare di auto-assistenza che potrebbe consentire loro di vivere a casa più a lungo, rinviando la necessità di trasferirsi in una struttura di assistenza residenziale.


Nello studio, i ricercatori si sono concentrati su tre dispositivi di assistenza economici e a bassa tecnologia: maniglie di appoggio in bagno e nella doccia o nella zona vasca, un sedile nella doccia o nella vasca e un water rialzato o un sedile sopra di esso. Hanno identificato circa 2.600 anziani rappresentativi dei beneficiari di Medicare a livello nazionale, presi dallo studio National Health and Aging Trends (Tendenze Nazionali su Salute e Invecchiamento). Questi anziani vivevano a casa ma avevano vincoli di mobilità, definiti come difficoltà sostanziali nel bagno e in toilette, a mantenere l'equilibrio e ad alzarsi da seduti.


Lo studio ha rilevato che il 42% aveva un 'bisogno insoddisfatto', se mancavano i dispositivi in bagno e/o entrambi i dispositivi per i servizi igienici. Se trasposta alla popolazione nazionale, questa coorte equivaleva a 5 milioni di americani, rappresentando "un'opportunità mancata di aiutarli a vivere indipendentemente e in sicurezza", hanno riferito i ricercatori nello studio pubblicato il 22 marzo 2021 su JAMA Internal Medicine.


"In confronto alla progettazione di cellule T e alla terapia rigenerativa con cellule staminali, questi attrezzi sembrano banali", ha detto il primo autore Kenneth Lam MD, della divisione di geriatria della UCSF, notando che ogni dispositivo costa circa $ 50 e non è coperto da Medicare. "Eppure questi interventi a bassa tecnologia riducono in modo significativo le lesioni, permettono di restare indipendenti, mantengono la dignità e migliorano la qualità della vita delle persone anziane che soffrono di disabilità irreversibili per motivi multifattoriali complessi".


Culturalmente, siamo attratti dall'idea di invertire l'invecchiamento piuttosto che adattarci ad esso, ha detto Lam.

"Preferiremmo leggere un libro che dice che non diventeremo mai vecchi piuttosto che uno su come conviverci. Eppure molti di noi diventano vecchi e credo, paradossalmente, che una mentalità immutata, che non tollera gli adattamenti che devono accompagnare un corpo che invecchia, può peggiorare l'esperienza di invecchiare".

 

L'immagine di sé può vincere i bisogni degli anziani più giovani

L'età più giovane si è associata alla mancanza degli attrezzi di cui i partecipanti avevano bisogno: tra chi aveva da 65 a 74 anni metà aveva un bisogno insoddisfatto, contro il 29% degli over-85. Da notare che i partecipanti che già usavano un deambulatore avevano più probabilità di essere attrezzati meglio.


"Molte persone trovano stigmatizzanti le attrezzature", ha detto Lam. "L'estetica è poco attraente, e alcuni possono temere di essere percepiti come vecchi e vulnerabili; gli anziani dicono che questi attrezzi sono destinati a 'qualcuno più vecchio', ma non per loro. Questo potrebbe spiegare perché le persone più giovani avevano maggiori probabilità di avere esigenze insoddisfatte e perché coloro che già usavano un deambulatore ne avevano meno di probabilità, perché avevano già superato lo stigma riguardo l'uso del dispositivo di assistenza".


I ricercatori hanno anche scoperto che i non-bianchi avevano maggiori probabilità di mancare di attrezzature: il 38% dei bianchi aveva un bisogno insoddisfatto, rispetto al 55% di altre razze, una scoperta che gli autori dicono potrebbe essere dovuta a un eccesso di disparità o attribuibili a etnie minoritarie che forniscono più caregiving invece delle attrezzature.


La scarsità dei dispositivi potrebbe anche essere spiegata dal fatto che i medici non chiedono informazioni sugli ambienti domestici dei pazienti e non raccomandano attrezzi adeguati, ha detto Lam. Molti ricoveri di anziani in Pronto Soccorso derivano da incidenti domestici, come inciampare sulla strada per il bagno, ma chiedere informazioni sui dispositivi di assistenza "semplicemente non fa parte della nostra formazione".

 

Rendere la casa più sicura per gli anziani con problemi di memoria

Circa il 35% dei partecipanti aveva una demenza probabile o possibile. Ci sono diversi adattamenti domestici che potrebbero rendere più facile restare a casa per questo gruppo demografico, Lam ha dichiarato, anche se avverte che la loro utilità non è stata ben studiata.


Questi [adattamenti] includono scatole di pillole che ricordano e valutano se sono stati presi i farmaci, serrature elettroniche per monitorare il movimento dentro e fuori dalla casa, e stufe di sicurezza che si spengono se lasciate incustodite. Anche musica, coperte di attività e bambole possono lenire i comportamenti irrequieti.


Anche se queste modifiche nell'abitazione sono inadeguate per mantenere tutti gli anziani a casa, Lam crede che possano rendere più tollerabile il carico del caregiver e ritardare la transizione verso una casa di cura, almeno per una parte delle persone.

 

 

 


Fonte: Suzanne Leigh in University of California San Francisco (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Kenneth Lam, Ying Shi, John Boscardin, Kenneth Covinsky. Unmet Need for Equipment to Help With Bathing and Toileting Among Older US Adults. JAMA Intern Med., 22 Mar 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.