Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Sistema immunitario: come mantiene dei marcatori nel cervello?

Immune cells yellow and purple fill a sinus teal in the outer layer of the meningesCellule immunitarie (gialle e viola) riempiono un seno (giada) nello strato esterno delle meningi, il tessuto che circonda il cervello e il midollo spinale. I ricercatori della Washington University hanno scoperto che le cellule immunitarie di stanza in tali seni monitorano il cervello e attivano una risposta immunitaria se rilevano un problema.

L'Alzheimer, la sclerosi multipla, l'autismo, la schizofrenia e molte altre condizioni neurologiche e psichiatriche sono collegate all'infiammazione nel cervello. Ci sono prove crescenti che le cellule e le molecole immunitarie hanno un ruolo chiave sia nello sviluppo normale che nel funzionamento normale del cervello.


Ma al centro del campo in fioritura della neuroimmunologia c'è un mistero: come fa il sistema immunitario a sapere cosa sta succedendo nel cervello? A generazioni di studenti è stato insegnato che il cervello è immunoprivilegato, il che significa che il sistema immunitario se ne sta alla larga, in gran parte.


Ora, i ricercatori della Washington University di St. Louis credono di aver capito come il sistema immunitario mantiene dei marcatori su cosa succede nel cervello. Le cellule immunitarie stazionano nelle meningi (il tessuto che copre il cervello e il midollo spinale) dove sondano il fluido mentre viene lavato via dal cervello. Se le cellule rilevano segni di infezione, malattia o infortunio, sono pronte ad avviare una risposta immunitaria per affrontare il problema, hanno detto i ricercatori.


I risultati, pubblicati il ​​27 gennaio su Cell, aprono la possibilità di puntare le cellule immunitarie in tali siti di sorveglianza, come mezzo per trattare le condizioni guidate dall'infiammazione cerebrale.


"Ogni organo del corpo è sorvegliato dal sistema immunitario", ha detto l'autore senior Jonathan Kipnis PhD, professore illustre di patologia e immunologia. "Se c'è un tumore, un infortunio, un'infezione in qualsiasi parte del corpo, il sistema immunitario deve saperlo. Ma di solito si dice che il cervello fa eccezione; se hai un problema nel cervello, il sistema immunitario lascia che accada. Non ha mai avuto senso per me. Quello che abbiamo scoperto è che c'è davvero la sorveglianza immunitaria del cervello, ma è fuori dal cervello. Ora che sappiamo dove avviene, si aprono molte nuove possibilità per modulare il sistema immunitario".


Nel 2015, Kipnis e i colleghi hanno trovato una rete di vasi capillari che scaricano fluidi e piccole molecole dal cervello nei linfonodi, dove vengono avviate le risposte immunitarie. La scoperta ha dimostrato una connessione fisica diretta tra il cervello e il sistema immunitario. Ma la rete di vasi rappresentava un'uscita dal cervello. Rimaneva poco chiaro dove le cellule immunitarie erano entrate o dove sorvegliavano il cervello.


Kipnis e Justin Rustenhoven PhD, ricercatore post-dottorato e primo autore del nuovo studio, si sono proposti di trovare la porta del sistema immunitario al cervello. Hanno visto un indizio nel fatto che i vasi contenenti i fluidi che lasciano il cervello corrono al fianco delle cavità (seni) nella dura mater, il duro strato esterno delle meningi appena sotto il cranio. I seni durali, che contengono sangue che porta cellule immunitarie, non hanno la barriera stretta che altrove mantiene il sangue separato dal cervello.


Gli esperimenti hanno dimostrato che i seni durali erano pieni di molecole dal cervello e di cellule immunitarie che erano state trasportate con il sangue. Erano rappresentati diversi tipi di cellule immunitarie, comprese alcune che raccolgono e mostrano molecole sospette dal sangue e altre che sondano le molecole sospette e vi rispondono montando una difesa.


"Immagina che i tuoi vicini di casa rovistino nella tua spazzatura ogni giorno", ha detto Kipnis, che è anche professore di neurochirurgia, neurologia e neuroscienze. "Se iniziano a trovare asciugamani macchiati di sangue nella tua spazzatura, capiscono che qualcosa non va. È la stessa cosa con il sistema immunitario. Se le cellule immunitarie di pattuglia vedono antigeni tumorali o segni di infezione dal cervello, le cellule sanno che c'è un problema. Porteranno tale evidenza alla sede centrale immunitaria, che è costituita dai linfonodi e inizia una risposta immunitaria".


I risultati suggeriscono che il sistema immunitario sorveglia il cervello a distanza ed entra solo quando trova un problema. Questo potrebbe spiegare perché il cervello è stato ritenuto immunoprivilegiato per così tanto tempo.


"L'attività immunitaria nel cervello può essere altamente dannosa", ha detto Rustenhoven. "Può uccidere i neuroni e causare gonfiore. Il cervello non può tollerare molto gonfiore perché il cranio ha un volume fisso. Quindi la sorveglianza immunitaria è spinta ai confini, dove le cellule possono ancora monitorare il cervello, ma non rischiare di danneggiarlo".


La sclerosi multipla è una condizione degenerativa in cui il sistema immunitario attacca la guaina protettiva sui nervi, causando problemi di comunicazione tra il cervello e il resto del corpo. La causa è sconosciuta. Usando un topo modello di sclerosi multipla, i ricercatori hanno dimostrato che l'avvio della malattia innesca un enorme accumulo di cellule immunitarie attive nei seni durali, suggerendo che le risposte immunitarie dannose possono iniziare nella dura mater e diffondersi al cervello.


È necessario ulteriore lavoro per verificare il ruolo dei seni durali nelle condizioni neuroinfiammatorie. Ma la posizione dei seni appena all'interno del cranio sul lato accessibile della barriera emato-encefalica suggerisce la possibilità di puntare il sistema immunitario in quella zona.


"Se questa è una porta per il cervello, possiamo tentare di manipolare l'area con terapie volte a impedire alle cellule immunitarie eccessivamente attive di entrare nel cervello", ha detto Kipnis. "La dura mater è vicina alla superficie, quindi potremmo persino essere in grado di consegnare farmaci attraverso il cranio. In teoria, potresti inventare un unguento che si diffonde attraverso l'osso del cranio e raggiunge la dura. Potremmo aver trovato dove iniziano le risposte infiammatorie in molte condizioni neuroimmunologiche, e c'è così tanto che possiamo fare con questo".

 

 

 


Fonte: Tamara Bhandari in Washington University (> English) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Justin Rustenhoven, Antoine Drieu, Tornike Mamuladze, Kalil Alves de Lima, Taitea Dykstra, Morgan Wall, Zachary Papadopoulos, Mitsuhiro Kanamori, Andrea Francesca Salvador, Wendy Baker, Mackenzie Lemieux, Sandro Da Mesquita, Andrea Cugurra, James Fitzpatrick, Sanja Sviben, Ross Kossina, Peter Bayguinov, Reid R. Townsend, Qiang Zhang, Petra Erdmann-Gilmore, Igor Smirnov, Maria-Beatriz Lopes, Jasmin Herz, Jonathan Kipnis. Functional characterization of the dural sinuses as a neuroimmune interface. Cell, 27 Jan 2021, DOI

Copyright: Tutti i diritti di testi o marchi inclusi nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer OdV di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Ricercatori delineano un nuovo approccio per trattare le malattie degenerative

8.05.2024

Le proteine sono i cavalli da soma della vita. Gli organismi li usano come elementi costitutivi, ...

Perché la tua visione può prevedere la demenza 12 anni prima della diagnosi

24.04.2024

 

Gli occhi possono rivelare molto sulla salute del nostro cervello: in effetti, i p...

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.