Iscriviti alla newsletter

Proteine amiloide modificate possono prevenire l'Alzheimer nei topi

Alzheimers study protein miceNeuroni nel cervello di un topo con Alzheimer (Fonte: Lennart Mucke/UCSF)

La proteina precursore dell'amiloide (APP, amyloid precursor protein) è sempre stata classificata come una delle principali cause del morbo di Alzheimer (MA). Uno dei suoi frammenti, il peptide amiloide-beta (Aβ), può staccarsi e accumularsi nel cervello, dando vita ai globi bianchi gonfi, noti come 'placche senili' che sono un segno distintivo della malattia.


In uno studio pubblicato di recente sulla rivista Cell Reports, tuttavia, i ricercatori dell'Università di Chicago hanno redento l'APP come improbabile eroe, scoprendo il suo ruolo che si estende alla segnalazione nel cervello, e che arriva a prevenire lo sviluppo del MA nei topi.


Quindi, quand'è che l'APP assumerà il manto dell'eroe invece di quello del rapace nel tragico racconto del MA?

 

 

Un segmento a lungo trascurato

Per anni, i ricercatori hanno prestato attenzione principalmente all'APP per il segmento di Aβ codificato nella sequenza di amminoacidi, come un mostro dormiente in attesa di essere scatenato.


Nella nuova ricerca, tuttavia, Angèle Parent, professoressa associata di neurobiologia, e il suo team, hanno dimostrato che anche altre sezioni di un elemento APP sminuzzato sono importanti. Una sezione svolge un ruolo cruciale nel consolidare l'apprendimento e la memoria spaziotemporale nel cervello, nella misura in cui può prevenire l'insorgenza del MA nelle giuste circostanze.


Questo segmento a lungo trascurato, quando impastoiato alla membrana cellulare, può partecipare a un meccanismo di segnalazione che innesca la formazione di nuovi ricordi. Per promuovere questo legame, la Parent e il suo team hanno modellato una proteina di ancoraggio lipidico appiccicosa dall'APP naturale.


Questo segmento APP modificato, chiamato mAICD, ha una struttura semplice, ma ha enormi conseguenze funzionali. Sei mesi dopo che topi neonati hanno avuto l'iniezione di un virus che incoraggia un'alta espressione di mAICD nel cervello, i risultati sono stati sorprendenti.


Questi topi erano stati geneticamente modificati per essere affetti da un MA aggressivo in giovane età. Normalmente, avrebbero sofferto dei sintomi avanzati della malattia ad appena sei mesi (equivalenti a un giovane adulto nell'uomo), se non fosse stato per il mAICD extra fornito dai ricercatori.


Dopo l'iniezione, la Parent e il suo team hanno testato l'abilità dei topi di formare ricordi spaziotemporali. I topi sono creature curiose ma volubili: la familiarità è solitamente vista con indifferenza. Dotati di un generoso aiuto di mAICD, questi topi hanno richiamato con successo, o ignorato, oggetti e luoghi precedentemente esplorati.


Dall'altra parte, i topi di controllo con MA, che hanno espresso una versione meno interattiva di mAICD, non hanno riconosciuto oggetti e posizioni apparentemente familiari. Erano già stati presi nelle fauci della malattia. "Quando abbiamo osservato i topi con il mAICD, erano diventati quasi normali", ha detto la Parent. Era come se questi topi non avessero mai avuto segni di MA.

 

 

Il misterioso tuttofare

Questa umile proteina di ancoraggio lipidico è stata in grado di tenere a bada il MA in questi topi, a patto che la sua espressione fosse iniziata durante lo stadio di sviluppo del cervello. I ricercatori stanno attualmente studiando gli effetti dello stesso intervento con mAICD nel cervello di topi adulti già affetti da MA.


"Se sei nato con i geni del MA, non hai necessariamente problemi di memoria quando sei giovane. Tutto ciò accade molto dopo", ha detto la Parent. "A quel punto, quando hai già problemi con la memoria, un aumento di mAICD sarà in grado di aiutarti?"


In effetti, la diversità delle funzioni dell'APP ha superato le aspettative dei ricercatori precedenti. Essendo presente in complessi macchinari nervosi, l'APP può stimolare la crescita di nuovi neuroni e rafforzare l'attività sinaptica innescando una serie di eventi associati al consolidamento della memoria. Allo stesso tempo, l'APP può anche produrre Aβ per diminuire questi ricordi.


Con le sue numerose e talvolta contraddittorie funzioni, questa 'proteina per tutti gli usi', come la chiama affettuosamente la Parent, ha molti ruoli: il malvagio, l'eroe redento, il misterioso o il tuttofare. Tuttavia, la Parent si aspetta che diventi un'ambita molecola di memoria per il suo potere di formare e cancellare i ricordi in questa fiaba di Cenerentola.

 

 

 


Fonte: Shi En Kim in University of Chicago (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Carole Deyts, Mary Clutter, Nicholas Pierce, Paramita Chakrabarty, Thomas B. Ladd, Anna Goddi, Awilda M. Rosario, Pedro Cruz, Kulandaivelu Vetrivel, Steven L. Wagner, Gopal Thinakaran, Todd E. Golde, Angèle T. Parent. APP-Mediated Signaling Prevents Memory Decline in Alzheimer’s Disease Mouse Model. Cell Reports, 30 Apr 2019, DOI: 10.1016/j.celrep.2019.03.087

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.