Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Devi andare su Marte? Non dimenticare le pillole anti-radiazioni

Devi andare su Marte? Non dimenticare le pillole anti-radiazioni

La NASA e società spaziali private come SpaceX pianificano di inviare esseri umani sul pianeta rosso entro i prossimi 15 anni, ma tra le principali sfide che devono affrontare le future missioni spaziali con equipaggio è la protezione degli astronauti dalla pericolosa radiazione cosmica dello spazio profondo.


Ora il laboratorio di Susanna Rosi PhD, neuroscienziata della UCSF, ha identificato il primo potenziale trattamento del danno cerebrale causato dall'esposizione ai raggi cosmici, un farmaco che previene il deterioramento della memoria nei topi esposti a radiazioni spaziali simulate. Lo studio è stato pubblicato il 18 maggio 2018 in Scientific Reports.


Gli esseri umani che si avventurano oltre i campi magnetici protettivi della Terra saranno esposti a livelli di radiazione cosmica stimati in 1.000 volte quelli presenti sulla terra o persino nell'orbita bassa della Stazione Spaziale Internazionale. Proteggere gli astronauti da queste radiazioni nocive sarà la chiave per rendere possibile l'esplorazione, e forse un giorno la colonizzazione, dello spazio profondo.


La Rosi, che è direttrice della ricerca neurocognitiva nel Brain and Spinal Injury Center della UCSF e professore nei dipartimenti di fisioterapia e riabilitazione, e di chirurgia neurologica, negli ultimi 4 anni ha condotto una ricerca finanziata dalla NASA per capire come le radiazioni spaziali profonde possono influenzare il cervello degli astronauti.


Il gruppo della Rosi aveva scoperto in precedenza che l'esposizione dei topi alla radiazione spaziale simulata causa problemi per la memoria, le interazioni sociali e l'ansia e ha collegato questi sintomi all'attivazione di cellule chiamate microglia, che fanno parte del sistema immunitario del cervello. L'attivazione delle microglia promuove un'infiammazione cerebrale simile a quella che si osserva nei disturbi neurodegenerativi come l'Alzheimer, e scova e consuma le sinapsi, le connessioni porta-informazioni tra le cellule cerebrali.


"Stiamo iniziando ad avere le prove che l'esposizione alle radiazioni dello spazio profondo potrebbe influenzare la funzione cerebrale a lungo termine, ma per quanto ne so, nessuno ha esplorato eventuali contromisure che potrebbero proteggere il cervello degli astronauti da questo livello di radiazioni" ha detto la Rosi, che fa parte del Weill Institute for Neuroscience, del Kavli Institute of Fundamental Neuroscience e dell'UCSF Helen Diller Family Comprehensive Cancer Center.


Nel nuovo studio, i ricercatori hanno collaborato con i coautori della Loma Linda University nel sud della California, esponendo per un giorno dei topi a una dose di radiazioni paragonabile a quella che potrebbero sperimentare nello spazio profondo. Gli esperimenti sono stati condotti al NASA Space Radiation Laboratory del Brookhaven National Laboratory di New York, l'unica struttura nel paese in cui sono possibili tali esperimenti. Dalla settimana dopo essere stati rispediti alla UCSF, alcuni dei topi sono stati trattati per 15 giorni con PLX5622, un farmaco prodotto dalla società farmaceutica di Berkeley Plexxikon Inc, e che nel laboratorio della Rosi aveva in precedenza provato di prevenire i deficit cognitivi in ​​un topo modello di radioterapia del cancro, quando è somministrato prima dell'irradiazione del cervello.


Nel presente studio, gli animali irradiati inizialmente non mostravano deficit cognitivi, ma dopo tre mesi hanno iniziato a mostrare segni di deterioramento della memoria. Normalmente, quando i ricercatori posizionano i topi in una stanza con un oggetto familiare e non familiare, gli animali passano più tempo ad esplorare il nuovo oggetto. Ma i topi che erano stati esposti alla radiazione spaziale tre mesi prima esploravano i due oggetti allo stesso modo, presumibilmente perché non ricordavano di aver visto uno degli oggetti il ​​giorno prima.


Nel compito di memoria, gli animali che erano stati trattati con PLX5622 subito dopo essere stati esposti a radiazioni, avevano prestazioni sorprendentemente simili a quelle dei topi sani. I ricercatori hanno esaminato il cervello degli animali e hanno dimostrato che, mentre il cervello dei topi non trattati era pieno di microglia attive e aveva perso un numero significativo di sinapsi, il cervello dei topi trattati sembrava normale. Gli autori ipotizzano che, costringendo il cervello a sostituire le microglia irritabili ed esposte alle radiazioni con nuove microglia sane, il farmaco ha permesso agli animali di evitare le conseguenze cognitive delle radiazioni.


"Questa è davvero una prova chiara, in primo luogo che far ripartire le microglia del cervello può proteggere la funzione cognitiva a seguito dell'esposizione alle radiazioni, e in secondo luogo che non è necessario trattare immediatamente dopo l'esposizione alle radiazioni perché il farmaco sia efficace", ha detto la Rosi.


Composti simili al PLX5622 prodotti da Plexxikon (inibitori di una molecola di recettore cellulare chiamato CSF1R) sono già in studi clinici per molteplici forme di cancro umano, il che suggerisce che le nuove scoperte potrebbero passare presto all'uso umano, dicono i ricercatori. Oltre il volo spaziale, questi composti potrebbero essere potenzialmente usati per prevenire deterioramenti cognitivi a ​​seguito della radioterapia del cancro o per il deterioramento cognitivo correlato all'età, anch'esso collegato all'infiammazione cerebrale guidata dalle microglia.


"La NASA è molto interessata a scoprire i modi per garantire sia la sicurezza degli astronauti che il successo delle missioni durante i viaggi nello spazio profondo", ha detto la co-autrice dello studio Karen Krukowski PhD, ricercatrice postdottorato nel laboratorio della Rosi. "Ma gli astronauti sono una piccola popolazione; queste scoperte potrebbero potenzialmente aiutare a prevenire molte altre forme di deterioramento cognitivo".

 

 

 


Fonte: Nicholas Weiler in University of California San Francisco (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Karen Krukowski, Xi Feng, Maria Serena Paladini, Austin Chou, Kristen Sacramento, Katherine Grue, Lara-Kirstie Riparip, Tamako Jones, Mary Campbell-Beachler, Gregory Nelson, Susanna Rosi. Temporary microglia-depletion after cosmic radiation modifies phagocytic activity and prevents cognitive deficits. Scientific Reports, 2018; 8 (1) DOI: 10.1038/s41598-018-26039-7

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non rappresenta necessariamente l'opinione dell'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X ma solo quella dell'autore citato come "Fonte". I siti terzi raggiungibili da eventuali collegamenti contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.