Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Ecco l'ennesimo farmaco che ferma l'Alzheimer ... nei topi



cco l'ennesimo farmaco che ferma l'Alzheimer ... nei topiIn circostanze normali, la proteina tau contribuisce al funzionamento normale e sano dei neuroni del cervello.


In alcune persone, però, si raccoglie in grovigli tossici che danneggiano le cellule cerebrali. Tali grovigli sono una caratteristica dell'Alzheimer e di altre malattie neurodegenerative.


Ma i ricercatori della Washington University di St. Louis hanno dimostrato che i livelli della proteina tau possono essere ridotti - e alcuni dei danni neurologici causati da tau addirittura invertiti - da una molecola sintetica che punta le istruzioni genetiche della formazione della tau, prima della sua produzione.


Lo studio, eseguito nei topi e nelle scimmie, è stato pubblicato il 25 gennaio su Science Translational Medicine. I risultati suggeriscono che la molecola, chiamata «oligonucleotide antisenso», potrebbe in potenza trattare le malattie neurodegenerative caratterizzate da tau anomala, compreso l'Alzheimer.


"Abbiamo dimostrato che questa molecola abbassa i livelli della proteina tau, prevenendo e, in alcuni casi, invertendo il danno neurologico", ha detto Timothy Miller MD/PhD, professore di neurologia e autore senior dello studio. "Questo composto è il primo a dimostrare di invertire i danni legati alla tau nel cervello, con il potenziale per essere usato come terapeutico nelle persone".


Miller, con Sarah DeVos PhD e i colleghi, hanno studiato dei topi modificati geneticamente che producono una forma mutante di tau umana che si raggruma facilmente insieme. Questi topi iniziano a mostrare i grovigli di tau intorno ai 6 mesi di età e esibiscono un po' di danno neuronale dai 9 mesi.


Per ridurre la tau, i ricercatori hanno usato un oligonucleotide antisenso, una sorta di molecola che interferisce con le istruzioni della costruire delle proteine. I geni nel DNA vengono copiati nel RNA, una molecola messaggero che porta le istruzioni per costruire una proteina. Gli oligonucleotidi antisenso si legano all'RNA messaggero e lo distruggono prima che la proteina possa essere formata. Tali oligonucleotidi possono essere progettati per puntare l'RNA per quasi tutte le proteine.


I ricercatori hanno somministrato ogni giorno, per un mese, una dose di oligonucleotide anti-tau a topi di 9 mesi e hanno poi misurato la quantità di RNA tau, di proteine ​​totali tau e di grovigli di proteine ​​tau nel cervello quando i topi avevano 12 mesi di età. Tutti e tre i livelli si sono ridotti significativamente nei topi trattati, rispetto ai topi che hanno ricevuto un placebo.


È importante sottolineare che i livelli di tau totale e di grovigli tau nel cervello dei topi di 12 mesi trattati erano inferiori a quelli di 9 mesi non trattati, il che suggerisce che il trattamento non solo aveva fermato, ma aveva invertito l'accumulo di tau.


Nel momento in cui questo ceppo di topi geneticamente modificati raggiunge i 9 mesi di età, l'ippocampo (una parte del cervello importante per la memoria) di solito è visibilmente rimpicciolito e evidenzia neuroni morenti. Ma con il trattamento via oligonucleotide, sono stati bloccati sia il restringimento che la morte cellulare. Non c'era, però, alcuna prova di inversione della morte neuronale.


I topi trattati hanno vissuto in media 36 giorni in più rispetto ai topi non trattati, ed erano più bravi a costruire nidi, fatto che riflette una combinazione di comportamento sociale, prestazioni cognitive e capacità motorie. Tutte queste funzioni possono essere compromesse nelle persone con Alzheimer e con altre malattie neurodegenerative correlate alla tau.


I trattamenti con oligonucleotide di recente sono stati approvati dalla Food and Drug Administration per due malattie neuromuscolari: distrofia muscolare di Duchenne e atrofia muscolare spinale (SMA). L'oligonucleotide per la SMA è stato scoperto dalla Ionis Pharmaceuticals, che ha collaborato con Miller per sviluppare il trattamento oligonucleotide per le malattie neurologiche da tau. La Washington University detiene brevetti congiunti con la Ionis Pharmaceuticals per l'uso di oligonucleotidi per ridurre i livelli di tau.


Sono in corso esperimenti umani di oligonucleotidi per diverse altre malattie neurologiche, tra cui il morbo di Huntington e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) o morbo di Lou Gehrig. Miller è uno degli autori dell'esperimento della SLA.


Miller e colleghi si sono incuriositi della possibilità di progettare studi per abbassare la tau nelle persone, ma prima avevano bisogno di vedere come funziona l'oligonucleotide in un animale più simile alle persone di un topo.


I ricercatori hanno trattato gruppi di scimmie di tipo 'macaco cinomolgo' (Macaca fascicularis) con due dosi di placebo o oligonucleotide, a una settimana di distanza, direttamente nel liquido cerebrospinale che circonda il midollo spinale e il cervello, proprio come si dovrebbe fare con i pazienti umani. Due settimane più tardi, hanno misurato la quantità di proteine ​​tau e di RNA nel cervello delle scimmie e nel liquido cerebrospinale.


L'oligonucleotide ha ridotto sia l'RNA che le proteine ​​tau nel cervello, e tale riduzione si è riflessa nel fluido cerebrospinale. "Lo studio sulle scimmie ci ha dimostrato che meno tau nel liquido cerebrospinale si correla a meno tau nel cervello", ha detto Miller. "Questo è importante se vogliamo valutare questo approccio terapeutico nelle persone, perché non c'è un modo non invasivo per misurare i livelli di tau nel cervello. Questa correlazione ci dice che possiamo usare i livelli della proteina tau nel liquido cerebrospinale come misura dei livelli di tau nel cervello".


I grovigli di tau sono associati non solo all'Alzheimer, ma a una serie di malattie neurodegenerative meno note, come la paralisi sopranucleare progressiva e degenerazione corticobasale. I livelli di tau aumentano anche a seguito di lesioni cerebrali traumatiche, che possono portare alla demenza.


"I grovigli di tau si correlano con il declino cognitivo in diverse malattie", ha detto Miller. "Questo è un nuovo approccio promettente per ridurre la tau, ma dobbiamo verificare se è sicuro nelle persone, e se abbassa realmente la tau, come è stato progettato per fare, prima di arrivare alla domanda se ha un qualsiasi effetto sulla malattia. Ma tutto quello che abbiamo visto finora dice che questo vale la pena di essere indagato come potenziale trattamento per le persone".

 

 

 


Fonte: Tamara Bhandari in  Washington University (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Sarah L. DeVos, Rebecca L. Miller, Kathleen M. Schoch, Brandon B. Holmes, Carey S. Kebodeaux, Amy J. Wegener, Guo Chen, Tao Shen, Hien Tran, Brandon Nichols, Tom A. Zanardi, Holly B. Kordasiewicz, Eric E. Swayze, C. Frank Bennett, Marc I. Diamond, Timothy M. Miller. Tau reduction prevents neuronal loss and reverses pathological tau deposition and seeding in mice with tauopathy. Science Translational Medicine, 2017; 9 (374): eaag0481 DOI: 10.1126/scitranslmed.aag0481

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.