Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


DNA anticamente protettivo è ora fattore di rischio per l'Alzheimer

 fossil dna

Probabilmente avete sentito parlare di 'essere nel posto giusto al momento sbagliato', e allora che succede quando sono i geni ad essere quelli giusti, ma nell'ambiente sbagliato? In altre parole, una mutazione genetica (o allele), che in un ambito ambientale dà un rischio di malattia, potrebbe manifestarsi in modo positivo in un ambiente diverso?


Questa è la domanda affrontata da una ricerca pubblicata alcuni giorni fa su The FASEB Journal, il cui primo autore è Ben Trumble, assistente professore dell'Arizona State University. Il team di ricercatori ha esaminato il diverso funzionamento del gene apolipoproteina E (ApoE) in un ambiente infettivo, rispetto all'ambiente urbano industrializzato dove l'ApoE è stato per lo più studiato.


Tutte le proteine ​​ApoE aiutano a mediare il metabolismo del colesterolo, e assistono nell'attività cruciale del trasporto degli acidi grassi al cervello. Ma nelle società industrializzate, i portatori della variante ApoE4 hanno di fronte anche un rischio fino a quattro volte più alto di Alzheimer e di altro declino cognitivo correlato all'età, così come a un rischio più alto di malattie cardiovascolari.


L'obiettivo di questo studio, secondo Trumble, era riesaminare gli effetti potenzialmente dannosi dell'allele ApoE4 nelle condizioni ambientali più tipiche, quelle sperimentate in tutta l'esistenza della nostra specie: in questo caso, una comunità di raccoglitori-orticoltori amazzonici chiamati Tsimane.


"Per il 99% dell'evoluzione umana, abbiamo vissuto come cacciatori-raccoglitori in piccole bande e solo gli ultimi 5.000-10.000 anni - con la domesticazione di piante e animali e con la vita industriale urbana sedentaria - sono stati completamente diversi", dice Trumble. "Posso andare a un fast-food per 'cacciare e raccogliere' 20.000 calorie in pochi minuti o andare in ospedale se sto male, ma questo non era possibile per la maggior parte dell'evoluzione umana".


A causa dell'ambiente tropicale e della mancanza di servizi igienico-sanitari, acqua corrente ed elettricità, le popolazioni remote come i Tsimane affrontano un'elevata esposizione a parassiti e patogeni, che causano danni alle loro capacità cognitive quando non è trattata.


Di conseguenza, ci si potrebbe aspettare che i Tsimane portatori dell'ApoE4, che hanno anche un elevato onere di parassiti, sperimentino un declino mentale più veloce e più grave in presenza di entrambi questi fattori di rischio, sia genetici che ambientali. Ma quando il Tsimane Health and Life History Project ha testato questi individui con una valutazione cognitiva di sette parti e una visita medica, hanno scoperto l'esatto contrario.


In realtà, i Tsimane sia portatori di ApoE4 sia con un elevato onere parassitario, mostravano una funzione cognitiva stabile o addirittura migliore nella valutazione rispetto ai non-portatori con un analogo livello di esposizione ai parassiti. I ricercatori hanno controllato gli altri fattori confondenti potenziali come l'età e la scuola, ma l'effetto è rimasto comunque forte. Ciò indica che l'allele ha potenzialmente un ruolo nel mantenere la funzione cognitiva, anche quando esposto a minacce ambientali alla salute.


Per i Tsimane portatori di ApoE4 senza elevati oneri da parassiti, il tasso di declino cognitivo era simile a quello osservato nelle società industrializzate, dove l'ApoE4 riduce le prestazioni cognitive. "Sembra che alcune delle mutazioni genetiche che ci aiutano a superare i tempi e gli ambienti più pericolosi possano in realtà fare cose diverse nel nostro stile di vita post-industriale relativamente sicuro e sterile", spiega Trumble.


Eppure la variante ApoE4 sembra essere molto più di un residuo evolutivo finito male, aggiunge. Ad esempio, diversi studi hanno dimostrato i potenziali benefici dell'ApoE4 nello sviluppo della prima infanzia, e l'ApoE4 ha anche dimostrato di eliminare alcune infezioni come la giardia e l'epatite.


"Gli alleli con effetti dannosi possono rimanere in una popolazione, se tale danno avviene in età avanzata, e tanto più se questi stessi alleli hanno altri effetti positivi", aggiunge il co-autore Michael Gurven, professore di antropologia dell'Università della California di Santa Barbara. "L'esplorazione degli effetti dei geni associati alla malattia cronica, come l'ApoE4, in una gamma più ampia di ambienti, in condizioni più infettive, potrebbe darci le informazioni di cui abbiamo tanto bisogno sul motivo per cui persistono tali geni 'cattivi'".

 

 

 


Fonte: Arizona State University via EurekAlert! (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimento: Benjamin C. Trumble, Jonathan Stieglitz, Aaron D. Blackwell, Hooman Allayee, Bret Beheim, Caleb E. Finch, Michael Gurven and Hillard Kaplan. Apolipoprotein E4 is associated with improved cognitive function in Amazonian forager-horticulturalists with a high parasite burden. The FASEB Journal, Published online before print December 28, 2016, doi: 10.1096/fj.201601084R

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.