Ricerche

Il cervello «non è in grado di riparare il suo DNA»

Il cervello «non è in grado di riparare il suo DNA»Ricercatori della Nova Southeastern University (NSU) hanno scoperto recentemente che, contrariamente a quanto si credeva finora, i tessuti dei vari organi dei mammiferi hanno capacità molto differenti di riparare i danni del DNA.


Questi nuovi risultati indicano che il cuore ha la  capacità maggiore di riparare il suo DNA, seguito dall'intestino, dai reni, dalla milza, dai testicoli e dai polmoni. Il cervello, tuttavia, non dimostra alcuna capacità di riparare i danni al suo DNA.


Questi studi sono stati condotti in colture di cellule di topo, ma, sulla base di precedenti studi umani eseguiti dagli stessi ricercatori, tale «specificità tessutale» è presente anche negli esseri umani.


Utilizzando la pelle come controllo, i ricercatori hanno esposto cellule derivate da ognuno di questi tessuti ad una dose definita della luce ultravioletta (UVC), una parte della luce solare normale, causando danni estesi al DNA. Anche se ci sono 5 tipi di riparazione del DNA usati dalle cellule di mammifero, i ricercatori hanno poi misurato specificamente la quantità di riparazione del tipo chiamato «riparazione nucleotide per escissione».


Questo tipo di riparazione del DNA è un processo complicato che richiede un elevato livello di investimento metabolico da parte della cellula. Le cellule cerebrali possono concentrare le loro energie su altre attività più essenziali, e non sono di solito esposte alla luce UVC, spiegando così, forse, il livello non rilevabile di riparazione.


"Il corpo umano non è stato progettato per vivere oltre 30 o 40 anni, così il nostro cervello non considera la riparazione del DNA una priorità rispetto ad altre funzioni necessarie", ha detto il ricercatore Jean Latimer, PhD, professore associato di scienze farmaceutiche, della Facoltà di Farmacia. "Il nostro cervello spesso non è fisicamente preparato a durare quanto la scienza medica sta permettendo al nostro corpo di vivere. Questi risultati potrebbero aiutare a spiegare la causa principale che sta dietro la perdita di memoria e la demenza".

 

****
Il team di ricerca era composto da Latimer, da Stephen Grant, PhD (professore associato di salute pubblica, Facoltà di Medicina Omeopatica) e dagli studenti di Farmacia Vongai Majekwana, Yashira Pabón-Padín e Manasi Pimpley. La descrizione della loro scoperta è pubblicata sulla rivista peer-reviewed Photochemistry and Photobiology. La ricerca ha ricevuto finanziamenti dal National Cancer Institute dei National Institutes of Health.

 

 

 

 

 


Fonte: Nova Southeastern University (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti: Jean J. Latimer, Vongai J. Majekwana, Yashira R. Pabón-Padín, Manasi R. Pimpley, Stephen G. Grant. Regulation and Disregulation of Mammalian Nucleotide Excision Repair: A Pathway to Nongermline Breast Carcinogenesis. Photochemistry and Photobiology, 2014; DOI: 10.1111/php.12387

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: