Ricerche

Comunicazione negativa medico-paziente potrebbe peggiorare i sintomi

Comunicazione negativa medico-paziente potrebbe peggiorare i sintomiI medici che comunicano involontariamente ai pazienti che non credono loro, o non li capiscono, potrebbero peggiorare realmente i loro sintomi, secondo un nuovo studio.


La ricerca della Facoltà di Medicina della University of Exeter e dei dipartimenti di psicologia dell'Università di Exeter e dell'Università di Southampton, pubblicata sul Journal of Medicine, indica che un tipo di risposta "nocebo" - per cui i pazienti percepiscono una mancanza di comprensione o accettazione dal medico - potrebbe creare rabbia ed angoscia, condizioni fisiologiche in grado di peggiorare la malattia.


L'autore principale Maddy Greville-Harris, dell'Università di Southampton, ha detto: "Il nostro lavoro indica che gli effetti dei pazienti che ritengono che il loro medico non creda loro, o che non li capisca, possono essere dannosi sia emotivamente che fisiologicamente. Questo potrebbe portare a un peggioramento della malattia, conosciuta come «risposta nocebo». I pazienti hanno certe convinzioni ed aspettative dal loro fornitore di assistenza sanitaria professionale, che sono modellate dalla cultura in cui vivono, e dalle loro esperienze precedenti. Le loro aspettative influenzano senza dubbio l'esito, ma migliorare la comunicazione nelle consultazioni potrebbero fare una grande differenza per la cura del paziente. Questo è un piccolo studio, e sono necessarie ulteriori ricerche su larga scala".


I ricercatori hanno registrato e analizzato le consultazioni in una clinica di gestione del dolore, coinvolgendo 5 donne con dolore cronico diffuso. Durante le interviste successive le pazienti hanno riferito di sentirsi respinte e non credute dagli operatori sanitari, e di aver incontrato professionisti che non investono in loro o non dimostrano comprensione sulla loro condizione.


I consulenti hanno detto di subire conflitti e critiche dai pazienti, e di incontrare pazienti con opinioni radicate o che non credono alla loro diagnosi. I pazienti dicono di essersi sentiti senza speranze e arrabbiati dopo consultazioni inutili, di aver sentito una necessità superiore al previsto di giustificare la loro condizione, o di dover evitare del tutto certi medici o trattamenti.


Il precedente lavoro del team aveva dimostrato che le persone che non si sentono credute possono subire un aumento di rabbia e stress, e che questo è molto più potente del rinforzo positivo, il ben noto effetto «placebo». Hanno preso parte alla ricerca 90 partecipanti, con test di matematica, e sono stati assegnati in modo casuale ad un operatore dell'esperimento che dava una reazione comprensiva (con frasi come "molte persone trovano duri questi test"), o una reazione di non-comprensione (con frasi come "Non capisco il motivo per cui stai lottando, sono solo numeri").


Il professor Paul Dieppe, ricercatore senior NIHR della University of Exeter, ha dichiarato: "Questo studio è in realtà sull'umanità nel settore sanitario. Abbiamo scoperto che i pazienti percepiscono una mancanza di empatia e di comprensione, anche quando il medico sta cercando di essere di conforto. I commenti del tipo "non c'è ragione fisiologica per il tuo dolore" cercano di rassicurare, ma possono essere percepiti come paternalistici o di incredulità. Ora dobbiamo vedere più ricerca in questo settore, e per questo addestrare i medici ad essere comunicatori più efficaci per ogni paziente che vedono".

 

 

 

 

 


FonteUniversity of Exeter  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Maddy Greville-Harris, Paul Dieppe. Bad Is More Powerful than Good: The Nocebo Response in Medical Consultations. The American Journal of Medicine, 2015; 128 (2): 126 DOI: 10.1016/j.amjmed.2014.08.031

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: