Ricerche

Curare l'insonnia degli anziani riduce infiammazione e rischio di malattie croniche

Curare l'insonnia degli anziani riduce infiammazione e rischio di malattie cronicheHillary Swank, Al Pacino, Robert De Niro e Robin Williams, protagonisti del film "Insomnia" del 2002.

La mancanza di sonno può farci star male. E anche se ognuno di noi ha una notte insonne occasionalmente, per coloro che soffrono di insonnia cronica - circa il 15 per cento degli anziani negli Stati Uniti - quella perdita di sonno può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari, ipertensione, aumento di peso, diabete di tipo 2, e anche causare una morte precoce.


Si ritiene che la ragione dell'aumento del rischio dei problemi di salute sia la combinazione dell'insonnia con l'aumento dell'infiammazione in tutto il corpo, che diventa cronica. Anche se l'infiammazione può essere una buona cosa (fa parte di una robusta risposta immunitaria che guarisce la ferita e combatte l'infezione), l'infiammazione cronica può danneggiare e uccidere le cellule sane, e portare alla malattia.


Ciò che non sapevamo ancora è se trattare l'insonnia potrebbe ridurre l'infiammazione, riducendo così il rischio di malattia cronica negli anziani. Né sapevamo qual'è la terapia più efficace per curare l'insonnia.


Ora i ricercatori della University of California di Los Angeles (UCLA) hanno risposto a entrambe queste domande. In un nuovo studio, essi dimostrano che ridurre l'insonnia può effettivamente portare a una diminuzione dell'infiammazione, e in secondo luogo, che una forma di psicoterapia chiamata «terapia cognitivo-comportamentale» si è dimostrata superiore ad altre forme di trattamento.


I risultati dello studio clinico randomizzato su 123 adulti over-55, pubblicati nel numero di settembre della rivista Sleep, dimostrano che il trattamento dell'insonnia ha portato un calo di un noto indicatore di infiammazione chiamato «proteina C-reattiva» (CRP). La proteina si trova nel plasma sanguigno, ed i suoi livelli salgono in risposta ad uno stimolo infiammatorio acuto. I livelli di CRP sono stati misurati all'inizio dello studio, dopo il trattamento, e di nuovo ad un controllo 16 mesi più tardi.


"Quello che abbiamo trovato particolarmente interessante era che i livelli del marcatore infiammatorio CRP sono rimasti bassi anche 16 mesi dopo il trattamento dell'insonnia", ha detto Michael Irwin, primo autore, professore di psichiatria e direttore del Centro Cousins di Psiconeuroimmunologia all'Istituto Semel di Neuroscienze e Comportamento Umano dell'UCLA.


I ricercatori hanno anche confrontato tre trattamenti per l'insonnia:

  1. «Trattamento cognitivo-comportamentale» (CBT), una forma di terapia che aiuta le persone ad imparare come identificare e modificare i modelli distruttivi o inquietanti di pensiero che hanno una influenza negativa sul comportamento;
  2. «Tai chi chih» (TCC), la versione occidentalizzata dell'arte marziale cinese caratterizzata da movimenti lenti e meditazione;
  3. «Sleep Seminar Education», che fornisce informazioni educative relative ai fattori fisici, medici e psicosociali dell'invecchiamento e il loro contributo sui problemi del sonno.


Essi hanno scoperto che la terapia cognitivo-comportamentale ottiene risultati "di gran lunga" migliori, come ha osservato Irwin, del tai chi chih e dell'educazione seminario al sonno nel ridurre l'insonnia, e dimostra anche miglioramenti maggiori, e più duraturi, nella qualità del sonno, nella capacità di mantenere il sonno continuo per tutta la notte, e sui sintomi di fatica e depressione riferiti dai partecipanti allo studio.

Può essere rilevante perché:

La perdita di sonno o insonnia è un fattore di rischio per l'Alzheimer, alla pari delle altre condizioni mediche (malattie cardiovascolari, ipertensione, aumento di peso, diabete di tipo 2) che essa favorisce, come conclude questo studio.


"Questo è il primo studio randomizzato e controllato che ha valutato l'efficacia comparativa del TCC rispetto al CBT, un intervento comportamentale standard per l'insonnia"
, ha detto Irwin. Il team di ricerca ha scoperto che coloro che hanno avuto un trattamento cognitivo-comportamentale hanno mostrato una riduzione del tasso di insonnia diagnostica che era quasi doppio di entrambi gli altri due trattamenti.


Il beneficio di trattare l'insonnia per ridurre l'infiammazione è paragonabile al beneficio segnalato con un'attività fisica vigorosa o con la perdita di peso, ha osservato. "Per promuovere la salute pubblica, questi risultati sottolineano la posizione prominente del sonno tra i tre pilastri della salute: dieta, esercizio fisico e sonno. Infine, se l'insonnia è trattata ma persistono i disturbi del sonno, abbiamo scoperto che i livelli di CRP aumentano progressivamente", ha detto Irwin. "Nell'insieme questi risultati indicano che è ancora più importante curare l'insonnia in questa popolazione che ha già un rischio elevato di una malattia infiammatoria legata all'invecchiamento".

 

*******
Altri autori dello studio includono Richard Olmstead, Carmen Carrillo, Nina Sadeghi, Elizabeth Breen, Tuff Witarama, Megumi Yokomizo, Helen Lavretsky, Jude Carroll, Sarosh Motivala e Perry Nicassio, tutti dell'UCLA; e Richard Bootzin della University of Arizona. Il finanziamento è stato fornito dal National Institute of Aging. Gli autori non hanno dichiarato alcun conflitto di interesse finanziario.

 

 

 

 

 


Fonte:  Mark Wheeler in University of California, Los Angeles  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Michael R. Irwin, Richard Olmstead, Carmen Carrillo, Nina Sadeghi, Elizabeth C. Breen, Tuff Witarama, Megumi Yokomizo, Helen Lavretsky, Judith E. Carroll, Sarosh J. Motivala, Richard Bootzin, Perry Nicassio. Cognitive Behavioral Therapy vs. Tai Chi for Late Life Insomnia and Inflammatory Risk: A Randomized Controlled Comparative Efficacy Trial. SLEEP, 2014; DOI: 10.5665/sleep.4008

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...