Ricerche

Testare odorato e vista per individuare precocemente l'Alzheimer

Testare odorato e vista per individuare precocemente l'AlzheimerUna capacità ridotta di identificare gli odori potrebbe indicare lo sviluppo del deterioramento cognitivo e dell'Alzheimer, mentre l'esame dell'occhio potrebbe indicare l'accumulo nel cervello di amiloide-beta (una proteina associata all'Alzheimer), secondo i risultati di quattro studi di ricerca riferiti ieri alla Conferenza Internazionale® 2014 dell'Alzheimer's Association (AAIC®2014) a Copenaghen.


In due degli studi, la minore capacità di identificare gli odori era significativamente associata alla perdita di funzione delle cellule del cervello e alla progressione dell'Alzheimer. In altri due studi, il livello di amiloide-beta rilevato nell'occhio (a) era significativamente correlato con il carico di amiloide-beta nel cervello e (b) ha permesso ai ricercatori di identificare accuratamente le persone con Alzheimer negli studi.


La proteina amiloide-beta è il materiale primario presente nelle "placche" appiccicose cerebrali caratteristiche dell'Alzheimer. Sappiamo che si forma nel cervello molti anni prima dell'apparizione dei sintomi tipici dell'Alzheimer: perdita di memoria e altri problemi cognitivi.


"Di fronte alla crescente epidemia di Alzheimer a livello mondiale, c'è un urgente bisogno di test diagnostici semplici e meno invasivi, che possano identificare il rischio della malattia molto prima nel suo decorso"
, ha detto Heather Snyder, PhD, direttore medico e delle operazioni scientifiche dell'Alzheimer's Association. "Questo è particolarmente valido dal momento che i ricercatori di Alzheimer stanno anticipando gli esperimenti su trattamento e prevenzione nel corso della malattia". "E' necessaria più ricerca nell'area molto promettente dei biomarcatori di Alzheimer, perché la diagnosi precoce è essenziale per l'intervento precoce e la prevenzione, quando i nuovi trattamenti diventeranno disponibili. Per ora, questi quattro studi riferiati alla AAIC puntano ai possibili metodi di diagnosi precoce in un ambiente di ricerca, per scegliere le popolazioni di studio nella sperimentazione clinica di trattamenti e prevenzione di Alzheimer".


In questo momento è possibile rilevare clinicamente l'Alzheimer solo molto tardi nel suo sviluppo, quando sono già avvenuti danni cerebrali significativi. I marcatori biologici della malattia possono rilevarlo in una fase precedente. Ad esempio, usando la PET cerebrale in combinazione con una sostanza chimica specializzata che si lega alla proteina amiloide-beta, si può rilevare l'accumulo della proteina in placche nel cervello anni prima della comparsa dei sintomi. Queste scansioni possono essere costose e non sono disponibili ovunque. L'amiloide può essere rilevata anche nel liquido cerebrospinale attraverso una puntura lombare, inserendo un ago tra due vertebre nella regione lombare e prelevando un campione del liquido che circonda il cervello e il midollo spinale.

 

Una maggiore neurodegenerazione è correlata con una peggiore funzione olfattiva in anziani cognitivamente normali

Sta crescendo l'evidenza che una minore capacità di identificare correttamente gli odori è un predittore del deterioramento cognitivo e una caratteristica clinica precoce dell'Alzheimer. Con l'inizio dell'uccisione delle cellule cerebrali da parte della malattia, vengono distrutte spesso anche le cellule importanti per l'olfatto.


Matthew E. Growdon, BA, candidato MD/MPH alla Harvard Medical School e alla Harvard School of Public Health, e colleghi, hanno esaminato le associazioni tra l'olfatto, le prestazioni della memoria, i biomarcatori di perdita della funzione delle cellule cerebrali, e la deposizione di amiloide su 215 soggetti anziani clinicamente normali, iscritti all'«Harvard Aging Brain Study» del Massachusetts General Hospital. I ricercatori hanno somministrato l'«University of Pennsylvania Smell Identification Test» (UPSIT) di 40 oggetti e una batteria completa di test cognitivi. Hanno anche misurato le dimensioni di due strutture cerebrali profonde nei lobi temporali - la corteccia entorinale e l'ippocampo (che sono importanti per la memoria) - e i depositi di amiloide nel cervello.


All'AAIC 2014, Growdon ha riferito che, in questa popolazione di studio, un ippocampo più piccolo e una corteccia entorinale più sottile sono stati associati con l'identificazione di un deterioramento nell'odorato e un peggioramento della memoria. Gli scienziati hanno anche scoperto che, in un sottogruppo di partecipanti allo studio con elevati livelli di amiloide nel cervello, una morte delle cellule cerebrali più pronunciata, come indicato dalla corteccia entorinale più sottile, era significativamente associato a peggiori funzioni olfattive - dopo l'aggiustamento delle variabili quali età, genere, e una stima della riserva cognitiva.


"La nostra ricerca suggerisce che ci potrebbe essere un ruolo per i test di identificazione dell'odore negli individui anziani clinicamente normali, che sono a rischio di Alzheimer", ha detto Growdon. "Per esempio, può rivelarsi utile identificare i candidati idonei alle prove più costose o invasive. I nostri risultati sono promettenti ma devono essere interpretati con cautela. Questi risultati riflettono una fotografia nel tempo; la ricerca condotta nel corso del tempo ci darà una migliore idea della utilità del test olfattivo per la diagnosi precoce dell'Alzheimer". Lo studio Harvard Aging Brain è finanziato dal National Institute on Aging e dall'Alzheimer's Association.

 

Deficit identificazione di odori collegato alla transizione da Mild Cognitive Impairment all'Alzheimer

Davangere Devanand, MBBS, MD, Professore di Psichiatria (in Neurologia e nel Sergievsky Center) al Medical Center della Columbia University e colleghi hanno studiato un campione multietnico (34% bianchi, 30% afro-americani, 36% ispanici) di 1.037 anziani senza demenza di New York City, con un'età media di 80,7 anni, e li hanno valutati in vari modi in tre periodi di tempo - 2004-2006, 2006-2008 e 2008-2010. L'UPSIT è stato somministrato in inglese e spagnolo tra il 2004 e il 2006. Durante il periodo di studio, 109 persone sono passate alla demenza (101=Alzheimer) e 270 sono morte.


All'AAIC 2014, Devanand ha riferito che, nei 757 soggetti che sono stati seguiti, i punteggi più bassi nell'identificazione degli odori sull'UPSIT erano significativamente associati con la transizione verso la demenza e l'Alzheimer, dopo il controllo per le misure demografiche, cognitive e funzionali, lingua parlata, e genotipo apolipoproteina E. Per ciascun punto inferiore ottenuto da una persona sull'UPSIT, il rischio di Alzheimer è aumentato di circa il 10%. Inoltre, i punteggi più bassi dell'UPSIT al basale (ma non le misure della memoria verbale) sono risultati associati significativamente con il declino cognitivo nei soggetti senza compromissione cognitiva basale.


"I deficit di identificazione degli odori sono stati associati con la transizione verso la demenza e l'Alzheimer, e con il declino cognitivo nei soggetti cognitivamente intatti, nel nostro campione di comunità. Il test è risultato efficace sia in inglese che in spagnolo", ha detto Devanand. "Se ulteriori studi su larga scala riproduranno questi risultati, un test relativamente poco costoso come l'identificazione degli odori può essere in grado di identificare i soggetti con un rischio più alto di demenza e Alzheimer in una fase molto precoce, e può essere utile per identificare le persone a maggior rischio di declino cognitivo, più in generale".

 

Esame dell'occhio collega i livelli di amiloide-beta a quelli del cervello e rileva le persone con Alzheimer

Dispositivo non-invasivo di scansione della retina presentato alla conferenza di Alzheimer

Recenti studi hanno identificato placche di amiloide-beta nelle retine di persone con Alzheimer - simili a quelle che si trovano nel cervello - suggerendo la possibilità di metodi semplici, non invasivi, di diagnosi precoce.


All'AAIC 2014, Shaun Frost del CSIRO (Commonwealth Scientific and Industrial Research Organization/Australia) e colleghi hanno riferito i risultati preliminari di uno studio su volontari che hanno preso un integratore contenente curcumina proprietaria, che si lega con alta affinità all'amiloide-beta e ha proprietà fluorescenti che permettono di rilevare placche amiloidi nell'occhio con un nuovo sistema della Neurovision Imaging, LLC, e una tecnica chiamata «imaging retinico dell'amiloide» (RAI). I volontari sono stati sottoposti a scansione PET dell'amiloide cerebrale per correlare l'accumulo di amiloide nella retina a quello del cervello.


Un estratto redatto dagli scienziati per l'AAIC 2014 dà i risultati di 40 partecipanti su 200 totali nello studio. Lo studio completo dovrebbe essere completato entro la fine dell'anno. I risultati preliminari suggeriscono che i livelli di amiloide rilevati nella retina sono significativamente correlati con i livelli di amiloide cerebrale, come dimostrato dalle immagini PET. Il test amiloide retinico differenzia anche tra soggetti con Alzheimer e quelli senza Alzheimer con una sensibilità del 100 per cento e una specificità del 80,6 per cento. Inoltre, studi longitudinali su una coorte iniziale hanno dimostrato un aumento medio del 3,5% dell'amiloide retinica in 3,5 mesi, dimostrando il potenziale di questa tecnica come mezzo di monitoraggio della risposta alla terapia.


"Immaginiamo questa tecnologia potenzialmente come una selezione iniziale che potrebbe integrare quello che viene attualmente usato: imaging cerebrale PET, imaging MRI e test clinici"
, ha detto Frost. "Se ulteriori ricerche dimostreranno che i nostri risultati iniziali sono corretti, essa potrebbe potenzialmente diventare parte del normale check-up dell'occhio di un individuo. L'elevato livello di risoluzione delle nostre immagini potrebbe anche consentire il monitoraggio accurato delle singole placche retiniche come possibile metodo per seguire la progressione e la risposta alla terapia".


L'esperimento è una collaborazione tra il CSIRO, la Edith Cowan University, la McCusker Alzheimer's Research Foundation e la Neurovision Imaging che ha sede in California. Il progetto fa parte dell'«Australian Imaging and Biomarkers Lifestyle Study of Aging».

 

L'amiloide rilevata nel cristallino dell'occhio è strettamente correlata ai livelli di amiloide rilevati nel cervello

All'AAIC 2014, Paul D. Hartung, MS, Presidente e CEO di Cognoptix Inc. e colleghi hanno riportato i risultati di uno studio di un sistema di legante fluorescente innovativo per la scansione dell'occhio (FLES) che rileva l'amiloide-beta nel cristallino dell'occhio usando un unguento per uso topico che si lega all'amiloide e uno scanner laser.


I ricercatori hanno studiato 20 persone con probabile Alzheimer, compresi dei casi lievi, e 20 volontari sani di pari età; lo stato dell'Alzheimer di tutti i partecipanti è stato nascosto agli osservatori. L'unguento è stato applicato alla parte interna della palpebra inferiore dei partecipanti il ​​giorno prima della misurazione. La scansione laser ha rilevato l'amiloide-beta nell'occhio dalla presenza di una firma fluorescente specifica. E' stata eseguita una scansione cerebrale dell'amiloide con tomografia ad emissione di positroni (PET) su tutti i partecipanti, per stimare la densità di placca amiloide nel cervello.


Usando i risultati dell'imaging a fluorescenza, i ricercatori sono riusciti a differenziare le persone con Alzheimer dai controlli sani, con un'elevata sensibilità (85 per cento) e specificità (95 per cento). Inoltre, i livelli di amiloide basati sul test della lente dell'occhio si sono correlati in maniera significativa con i risultati ottenuti mediante l'imaging PET cerebrale. Non sono stati riportati eventi avversi gravi, secondo gli scienziati. "C'è la necessità critica di un test veloce, affidabile, a basso costo e disponibile subito per la diagnosi precoce e la gestione dell'Alzheimer", ha detto Pierre N. Tariot, MD, Direttore del Banner Alzheimer's Institute di Phoenix, e uno dei principali ricercatori dello studio.


"I risultati di questo piccolo studio di fattibilità di Fase 2 convalidano i nostri risultati riportati in precedenza e dimostrano la capacità del sistema FLES di riprodurre i risultati della diagnosi clinica dell'Alzheimer con alta sensibilità e specificità", ha detto Hartung. "Questo sistema si dimostra promettente come tecnica per il rilevamento precoce ed il monitoraggio della malattia".

 

 

 

 

 


FonteAlzheimer's Association  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...