Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Tracciati i percorsi intricati dei neuroni legati all'Alzheimer

Tracciati i percorsi intricati dei neuroni  legati all'AlzheimerStudiando topi di laboratorio, gli scienziati della Johns Hopkins University sono riusciti a tracciare i percorsi labirintici di alcune tra le cellule nervose più grandi nel cervello dei mammiferi: i neuroni colinergici, le prime cellule a degenerare nelle persone con Alzheimer.


"Per noi, questo era come scalare l'Everest", dice Jeremy Nathans, PhD, professore di biologia molecolare e di genetica, neuroscienze e oftalmologia alla Scuola di Medicina della Johns Hopkins University. "Questo lavoro rivela le sfide incredibili che i neuroni colinergici affrontano ogni giorno. Ognuna di queste cellule è come una città collegata alla sua periferia da una singola strada a una corsia, con tutti i servizi di emergenza situati solo in città. Si può immaginare quanto sarebbe difficile in una crisi se tutti i veicoli di emergenza dovessero raggiungere le periferie, lungo quella strada. Pensiamo che qualcosa di simile potrebbe accadere quando i neuroni colinergici cercando di riparare il danno fatto dall'Alzheimer".


Ogni neurone colinergico, ci spiega Nathans, ha circa 1.000 punti di diramazione. Se allineati da un capo all'altro, le ramificazioni di un neurone raggiungerebbero una lunghezza circa 15 volte maggiore di quella del cervello del topo. Ma tutti i rami sono collegati da una unica «condotta», estremamente sottile, al centro (il corpo cellulare) che provvede alle esigenze dei rami.


La sfida di trasportare del materiale attraverso questa singola conduttura potrebbe rendere molto difficile ai neuroni colinergici combattere le sfide che conseguono una malattia come l'Alzheimer, dice. Ora, mappando i rami e le condutture, gli scienziati potranno probabilmente capire meglio ciò che accade quando i neuroni non riescono a far fronte alle sfide. Una sintesi della ricerca è stata pubblicata online sulla rivista eLife il 7 maggio.


I neuroni colinergici sono tra i maggiori neuroni nel cervello dei mammiferi. Chiamati così perchè rilasciano un messaggero chimico chiamato acetilcolina, si contano solo a migliaia nel cervello di topo, una piccola frazione dei 50-100 milioni di neuroni totali. Il loro corpo cellulare si trova alla base del cervello in prossimità della sua estremità anteriore, ma i loro rami si estendono in tutta la corteccia cerebrale, lo strato più esterno e rugoso di "materia grigia" che è responsabile delle funzioni intellettive più avanzate della mente. Pertanto, anche se ci sono relativamente pochi neuroni colinergici, essi influenzano una grande parte del cervello, dice Nathans.


A causa delle difficoltà tecniche di visualizzare i percorsi complicati di centinaia di piccoli rami di un singolo neurone aggrovigliato tra milioni di altri neuroni, la dimensione reale e la forma dei singoli neuroni colinergici (e il territorio che coprono) erano rimasti sconosciuti fino ad ora, secondo Nathans. Attraverso l'ingegneria genetica, la squadra di Nathans ha programmato diversi neuroni colinergici per ogni topo perchè potessero produrre una proteina da visualizzare con una reazione chimica colorata.


Fondamentale per il successo del lavoro era la capacità di limitare il numero di cellule che producono la proteina; se tutti i neuroni colinergici avessero prodotto la proteina, sarebbe stato impossibile distinguere i singoli rami. Poiché i microscopi non possono vedere attraverso i tessuti spessi, Nathans e il suo team hanno conservato il cervello dei topi e li hanno poi tagliati a fette sottili per produrre immagini seriali. Il percorso di ramificazione di ogni neurone è stato poi accuratamente ricostruito dalle immagini seriali e analizzato.


Nei topi adulti, dice, la lunghezza media dei rami di un singolo neurone colinergico, allineati dall'inizio alla fine, è di 31 cm, variando da 11 a 49 cm. La lunghezza media del cervello di topo è solo di 2 cm. Sebbene ogni neurone colinergico contenga in media circa 1.000 punti di ramificazione, essi variano notevolmente in termini di estensione del territorio che coprono.


I ricercatori hanno usato le stesse tecniche per studiare i neuroni colinergici di topi con una forma di Alzheimer da topo, ed hanno trovato che i rami erano frammentati. Inoltre hanno trovato ammassi di materiale che potrebbero essere stati formati da detriti dei rami disgregati.


Anche se i neuroni colinergici del cervello umano non sono stati tracciati singolarmente, il team di Nathans è riuscito a calcolare che il neurone colinergico medio nel cervello umano ha una lunghezza totale dei rami di circa 100 metri, all'incirca come un campo di calcio. "Questo è davvero una lunga conduttura, soprattutto se si considera che i tubi hanno un diametro di soli 30 millesimi di millimetro, di gran lunga più stretti di un capello umano", dice Nathans. E aggiunge: "Anche se il nostro studio ha definito solo poche e semplici proprietà fisiche di questi neuroni, come la dimensione e la forma, ci ha dato informazioni per immaginare e provare ipotesi migliori su ciò che va male in loro durante la malattia".


Altri autori del rapporto includono Hao Wu e John Williams della Scuola di Medicina della Johns Hopkins University. Questo lavoro è stato sostenuto dallo Human Frontier Science Program, dall'Howard Hughes Medical Institute e dal Brain Science Institute della Johns Hopkins University.

 

 

 

 

 


FonteJohns Hopkins Medicine  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  H. Wu, J. Williams, J. Nathans. Complete morphologies of basal forebrain cholinergic neurons in the mouse. eLife, 2014; 3 (0): e02444 DOI: 10.7554/eLife.02444

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.