Ricerche

Il contatto con i cavalli calma e rende più felici i pazienti di Alzheimer

Il contatto con i cavalli calma e rende più felici i pazienti di AlzheimerFoto di Johnny Runciman - The Ohio State University.Nel primo studio di questo genere, dei ricercatori hanno determinato che passare del tempo con i cavalli allevia i sintomi della demenza di Alzheimer.


Una collaborazione tra The Ohio State University, un centro di ippoterapia e un centro diurno per adulti, ha scoperto che le persone con Alzheimer sono in grado di governare in modo sicuro, dar da mangiare e far camminare dei cavalli sotto tutela, e l'esperienza sostiene il loro umore e diminuisce la probabilità che resistino alla cura o che diventino sconvolti nel corso della giornata.


Il piccolo studio pilota, che appare sulla rivista Anthrozoös, suggerisce che la terapia equina, un trattamento usato oggi per bambini e ragazzi che hanno disturbi emotivi e dello sviluppo, potrebbe funzionare anche negli adulti.


Holly Dabelko-Schoeny, professore associato di lavoro sociale alla Ohio State, ha detto che la terapia equina potrebbe integrare le forme più comuni di terapia animale che coinvolge cani o gatti, e fornire un modo unico per alleviare i sintomi della demenza senza farmaci. "Volevamo verificare se le persone affette da demenza possono avere interazioni positive con i cavalli, e abbiamo scoperto che può succedere, assolutamente", ha detto la Dabelko-Schoeny. "L'esperienza solleva immediatamente il loro umore, e abbiamo visto che si lega ad un minor numero di episodi di comportamenti negativi".


Oltre alla perdita di memoria, le persone con Alzheimer spesso sperimentano cambiamenti di personalità, ha spiegato. Esse possono diventare depresse, ritirate, anche aggressive. Poichè i ricercatori cercano un modo per prevenire o curare la malattia, le terapie di oggi si concentrano sempre più sul modo di alleviare il carico emotivo dei pazienti e delle loro famiglie. "Il nostro focus è sull'«adesso». Cosa possiamo fare per farli sentire meglio e divertirsi in questo momento? Anche se non lo ricordano più tardi, come possiamo aiutarli in questo momento?", ha detto.


Al centro diurno per adulti, un «National Church Residences Center for Senior Health» nel centro di Columbus, gli ospiti di solito partecipano ad attività di artigianato, esercizio fisico e altro, per gestire la loro demenza. Per questo studio, sedici degli ospiti del centro che avevano Alzheimer (nove donne e sette uomini) si sono offerti di rompere con la loro normale routine. Una volta alla settimana, otto di loro rimanevano al centro e si dedicavano ad altre attività, mentre gli altri otto andavano in autobus al «Field of Dreams Equine Education Center» di Blacklick in Ohio.


Lì stavano con i cavalli, sotto la supervisione dei caregiver del National Church Residences, nonché dei docenti e studenti del College of Social Work e del College of Veterinary Medicine della Ohio State. Gli ospiti hanno visitato la fattoria una volta alla settimana per un mese, così che ogni partecipante ha effettuato complessivamente quattro visite. Hanno curato e lavato i cavalli, fatti camminare, e nutriti con erba. I quattro cavalli sono stati scelti per il loro carattere dolce e calmo, quando sono di fronte a nuove persone e nuove situazioni. Tutti partecipano a corsi di equitazione terapeutica per bambini e ragazzi al Field of Dreams.


I ricercatori hanno visto segni evidenti che gli ospiti apprezzavano il tempo trascorso in fattoria: sorridevano, ridevano e parlavano ai cavalli. Anche coloro che normalmente restavano ritirati diventato pienamente impegnati in questa esperienza. C'è stato un netto miglioramento nel comportamento correlato alla demenza tra gli ospiti che hanno visitato la fattoria. Per monitorare tale comportamento, i ricercatori hanno usato un sistema di punteggio chiamato «Modified Nursing Home Behavior Problem Scale», in cui il personale del centro valuta la frequenza con cui i partecipanti si agitano, resistono alla cura, si arrabbiano o perdono le staffe nei giorni che andavano alla fattoria o restavano al centro.


Su una scala da zero a quattro (zero significa che l'ospite non ha mai avuto problemi di comportamento, e quattro significa che ne ha sempre avuto), i punteggi dei partecipanti che si sono recati alla fattoria erano in media un punto inferiore rispetto ai punteggi dei loro pari che sono rimasti al centro. Così gli ospiti che hanno visitato la fattoria si comportavano meglio, in media, durante tutto quel giorno.


Con tamponi orali, i ricercatori hanno anche misurato i livelli di cortisolo, l'ormone dello stress, nella saliva dei pazienti. Per i partecipanti con demenza meno grave, i ricercatori hanno visto un aumento dei livelli di cortisolo, probabilmente a causa dello «stress buono» di una nuova situazione. Però c'era un beneficio inatteso: la terapia ha potenziato l'attività fisica. Tutti gli ospiti avevano limitazioni fisiche, ma quando si sono affiancati ai cavalli, erano ispirati a spostare i confini di queste limitazioni. Alcuni ospiti che non volevano lasciare la loro sedia a rotelle hanno chiesto aiuto per stare in piedi; altri che raramente volevano camminare si sono alzati e hanno camminato senza aiuto, anche se un caregiver era sempre lì per aiutarli a stare in equilibrio. Gli ospiti sono diventati fisicamente più attivi ad ogni visita alla fattoria.


I familiari hanno riferito che il loro caro è rimasto impegnato sull'esperienza anche dopo il ritorno a casa. Uno di loro ha commentato con i ricercatori che sua madre "non ricordava mai quello che faceva al centro durante il giorno, ma ha sempre ricordato quello che ha fatto alla fattoria".


Anche se la terapia con animali è stata molto studiata come trattamento per la demenza, quel lavoro si era concentrato su cani e gatti, che possono essere facilmente portati ai centri di cura comunitari. Questo è il primo studio ad esaminare la terapia equina per la stessa popolazione. E anche se si potrebbero portare i cavalli ai centri comunitari per la terapia all'aperto, l'opzione migliore potrebbe invece essere portare i pazienti periodicamente ad un centro di terapia equino, secondo la Dabelko-Schoeny. In questo modo, in fattoria, godono di una esperienza più completa.


Gwendolen Lorch, assistente professore di medicina clinica veterinaria alla Ohio State e co-autrice dello studio, ha convenuto che l'ambiente di campagna può aver reso più efficace la terapia. "Penso che un altro effetto positivo per questi pazienti fosse l'ambiente. Hanno trovato la tranquillità e gli odori della campagna molto rilassanti e riposanti. Questo era in contrasto con il loro normale ambiente di cura diurno e la loro dimora in città", ha detto la Lorch. "E' difficile dire quali fattori hanno reso possibile questo successo, ma sappiamo che con più probabilità si tratta di una combinazione di eventi".


Questo studio è stato finanziato da un donatore privato che voleva che la Ohio State studiasse l'efficacia della terapia equina per la demenza. Ora che lo studio è finito, alcune delle famiglie degli ospiti hanno scelto di continuare a visitare la fattoria.


I coautori dello studio includono Gary Phillips, biostatistico senior dell'Ohio State Center for Biostatistics; Emily Darrough e Sara De Anna, entrambe ex studenti del master in lavoro sociale che si sono laureati in seguito; e Marie Jarden e Denise Johnson, entrambe studentesse di dottorato in medicina veterinaria.

 

 

 

 

 


Fonte:  Pam Frost Gorder in  Ohio State University  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Holly Dabelko-Schoeny, Gary Phillips, Emily Darrough, Sarah DeAnna, Marie Jarden, Denise Johnson, Gwendolen Lorch. Equine-Assisted Intervention for People with Dementia. Anthrozoos: A Multidisciplinary Journal of The Interactions of People & Animals, 2014; 27 (1): 141 DOI: 10.2752/175303714X13837396326611

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Annuncio pubblicitario

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito:

Notizie da non perdere

Chiarito il meccanismo che porta all'Alzheimer e come fermarlo

30.08.2017 DaNonPerdere

Nel cervello delle persone con Alzheimer ci sono depositi anomali di proteine ​​amiloide-beta e ​...

Scienziati dicono che si possono recuperare i 'ricordi persi' per l'Alzheimer

04.08.2017 DaNonPerdere

Dei ricordi dimenticati sono stati risvegliati nei topi con Alzheimer, suggerendo che la...

Alzheimer, Parkinson e Huntington condividono una caratteristica cruciale

26.05.2017 DaNonPerdere

Uno studio eseguito alla Loyola University di Chicago ha scoperto che delle proteine ​​a...

Immagini mai viste prima delle prime fasi dell'Alzheimer

14.03.2017 DaNonPerdere

I ricercatori dell'Università di Lund in Svezia, hanno utilizzato il sincrotrone MAX IV ...

Studio dimostra il ruolo dei batteri intestinali nelle neurodegenerazioni

07.10.2016 DaNonPerdere

L'Alzheimer (AD), il Parkinson (PD) e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA) sono tutte ...

Il Protocollo Bredesen: si può invertire la perdita di memoria dell'Alzheimer …

16.06.2016 DaNonPerdere

I risultati della risonanza magnetica quantitativa e i test neuropsicologici hanno dimostrato dei...

Alzheimer e le sue proteine: bisogna essere in due per ballare il tango

21.04.2016 DaNonPerdere

Per anni, i neuroscienziati si sono chiesti come fanno le due proteine ​​anomale...

Scoperto il punto esatto del cervello dove nasce l'Alzheimer: non è l'ippocamp…

17.02.2016 DaNonPerdere

Una regione cruciale ma vulnerabile del cervello sembra essere il primo posto colpito da...

10 cose da non fare con i malati di Alzheimer

10.12.2015 DaNonPerdere

Mio padre aveva l'Alzheimer.

Vederlo svanire è stata una delle esperienze più difficili d...

Vecchio farmaco per l'artrite reumatoide suscita speranze come cura per l'Alzh…

22.09.2015 DaNonPerdere

Scienziati dei Gladstone Institutes hanno scoperto che il salsalato, un farmaco usato per trattar...

La consapevolezza di perdere la memoria può svanire 2-3 anni prima della compa…

27.08.2015 DaNonPerdere

Le persone che svilupperanno una demenza possono cominciare a perdere la consapevolezza dei propr...

Con l'età cala drasticamente la capacità del cervello di eliminare le proteina…

31.07.2015 DaNonPerdere

Il fattore di rischio più grande per l'Alzheimer è l'avanzare degli anni. Dopo i 65, il rischio r...

L'esercizio fisico dà benefici cognitivi ai pazienti di Alzheimer

29.06.2015 DaNonPerdere

Nel primo studio di questo tipo mai effettuato, dei ricercatori danesi hanno dimostrato che l'ese...

I ricordi più belli e appassionati sono i primi a sparire nell'Alzheimer

17.06.2015 DaNonPerdere

Ricercatori della Johns Hopkins University hanno pubblicato un nuovo studio questa settimana sugl...

Ricercatori del MIT recuperano con la luce i ricordi 'persi'

29.05.2015 DaNonPerdere

I ricordi che sono stati "persi" a causa di un'amnesia possono essere richiamati attivando le cel...

Trovato legame tra amiloide-beta e tau: è ora possibile una cura per l'Alzheim…

27.04.2015 DaNonPerdere

Dei ricercatori hanno assodato come sono collegate delle proteine che hanno un ruolo chiave nell...

Le cellule immunitarie sono un alleato, non un nemico, nella lotta all'Alzheim…

30.01.2015 DaNonPerdere

L'amiloide-beta è una proteina appiccicosa che si aggrega e forma picco...

I ricordi perduti potrebbero essere ripristinati: speranza per l'Alzheimer

21.12.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca effettuata alla University of California di ...

Colpi in testa rompono i 'camion della spazzatura' del cervello accelerando la…

05.12.2014 DaNonPerdere

Un nuovo studio uscito ieri sul Journal of Neuroscience dimost...

Riprogrammare «cellule di supporto» in neuroni per riparare il cervello adulto…

21.11.2014 DaNonPerdere

La porzione del cervello adulto responsabile del pensiero complesso, la corteccia cerebrale, non ...

Smontata teoria prevalente sull'Alzheimer: dipende dalla Tau, non dall'Amiloid…

02.11.2014 DaNonPerdere

Una nuova ricerca che altera drasticamente la teoria prevalente sull'or...

Preoccupazione, gelosia e malumore alzano rischio di Alzheimer per le donne

06.10.2014 DaNonPerdere

Le donne che sono ansiose, gelose o di cattivo umore e angustiate in me...

Invertita per la prima volta la perdita di memoria associata all'Alzheimer

01.10.2014 DaNonPerdere

La paziente uno aveva avuto due anni di perdita progressiva di memoria...

Rivelato nuovo percorso che contribuisce all'Alzheimer ... oppure al cancro

21.09.2014 DaNonPerdere

Ricercatori del campus di Jacksonville della Mayo Clinic hanno scoperto...