Ricerche

E' ora di svelare il mistero dell'Alzheimer

E' ora di svelare il mistero dell'AlzheimerFoto: Arman Zhenikeyev/iStock/Thinkstock Arrivare al fondo dell'Alzheimer è un obiettivo in rapida evoluzione, con molti colpi di scena, giravolte e polemiche.


Nell'ultima svolta sulla strada della ricerca, degli scienziati hanno trovato nuove informazioni sull'interazione tra le proteine associate alla malattia.


La relazione dello studio, che appare sulla rivista ACS Chemical Neuroscience, potrebbe avere importanti implicazioni per lo sviluppo di nuovi trattamenti.


Witold K. Surewicz, Krzysztof Nieznanski e colleghi, spiegano che da anni la ricerca suggerisce un legame tra i grumi di proteina (chiamate placche di amiloide-beta) nel cervello e lo sviluppo dell'Alzheimer, una condizione devastante che potrebbe influenzare più di 10 milioni di americani entro il 2050. Ma non si è ancora capito del tutto come queste provocano il danno caratteristico sulle cellule nervose e sulla memoria.


Studi recenti hanno trovato che una cosiddetta proteina prionica si lega con forza ai piccoli aggregati di peptidi amiloide-beta. Ma sono ancora oggetto di dibattito i dettagli del modo in cui questo attaccamento può contribuire alla malattia, e gli approcci per trattarla.


Per risolvere almeno una parte di questa controversia, il team di Surewicz ha deciso di dare un'occhiata più da vicino.
Contrariamente agli studi precedenti, essi hanno scoperto che la proteina prionica si attacca anche ai grandi ciuffi fibrillari di amiloide-beta e non li scompone in parti più piccole e più dannose, come si pensava.


Questo risultato fa ben sperare per i ricercatori che studiano un nuovo approccio al trattamento dell'Alzheimer: usare prodotti a base di proteina prionica per impedire a questi piccoli pezzi tossici di amiloide-beta di formarsi.


Gli autori sono stati finanziati dalllo Spitz Brain Health Innovation Fund e dai National Institutes of Health.

 

 

 

 

 


FonteAmerican Chemical Society  (> English text) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimenti:  Krzysztof Nieznanski, Krystyna Surewicz, Shugui Chen, Hanna Nieznanska, Witold K. Surewicz. Interaction between Prion Protein and Aβ Amyloid Fibrils Revisited. ACS Chemical Neuroscience, 2014; 140401104252003 DOI: 10.1021/cn500019c

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Potrebbe interessarti anche:

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Privacy e sicurezza dati - Informativa ex Art. 13 D. Lgs. 196/03

Gentile visitatore,

l'Associazione tratterà i Tuoi dati personali nel rispetto del D. Lgs. 196/G3 (Codice della privacy), garantendo la riservatezza e la protezione dei dati.

Finalità e modalità del trattamento: I dati personali che volontariamente deciderai di comunicarci, saranno utilizzati esclusivamente per le attività del sito, per la gestione del rapporto associativo e per l'adempimento degli obblighi di legge. I trattamenti dei dati saranno svolti in forma cartacea e mediante computer, con adozione delle misure di sicurezza previste dalla legge. I dati non saranno comunicati a terzi né saranno diffusi.

Dati sensibili: Il trattamento di dati sensibili ex art. 1, lett. d del Codice sarà effettuato nei limiti di cui alle autorizzazioni del Garante n. 2/08 e n. 3/08, e loro successive modifiche.

Diritti dell'interessata/o: Nella qualità di interessato, Ti sono garantiti tutti i diritti specificati all'art. 7 del Codice, tra cui il diritto di chiedere e ottenere l'aggiornamento, la rettificazione o l'integrazione dei dati, la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, e il diritto di opporsi, in tutto o in parte, per motivi legittimi, al trattamento dei dati personali che Ti riguardano.

Titolare del trattamento è l'Associazione di volontariato "Associazione Alzheimer o.n.l.u.s.”, con sede a Riese Pio X – Via Schiavonesca, 13 – telefax 0423 750 324.

Responsabile del trattamento è la segretaria dell’Associazione in carica.

Gestione «cookies»

Un cookie è una breve stringa di testo che il sito web che si sta visitando salva automaticamente sul computer dell'utente. I cookies sono utilizzati dagli amministratori di molti siti web per migliorarne funzionamento ed efficienza e per raccogliere dati sui visitatori.

Il nostro sito non utilizza i cookies per identificare i visitatori, ma per raccogliere informazioni al fine di arricchirne i contenuti e rendere il sito più fruibile.

Come cambiare le impostazioni del browser per la gestione dei cookies

È possibile decidere se permettere ai siti web che vengono visitati di installare i cookies modificando le impostazioni del browser usato per la navigazione. Se hai già visitato il nostro sito, alcuni cookies potrebbero essere già stati impostati automaticamente sul tuo computer. Per sapere come eliminarli, clicca su uno dei link qui di seguito: