Iscriviti alla newsletter



Registrati alla newsletter (giornaliera o settimanale):
Ricevi aggiornamenti sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.


Una nuova causa di invecchiamento: è reversibile

Sirt1 protein, red, circles the cell's chromosomes, blue.Dei ricercatori hanno scoperto una causa di invecchiamento nei mammiferi che può essere reversibile. Alla base di questo risultato c'è una serie di eventi molecolari che permettono la comunicazione all'interno delle cellule, tra il nucleo e i mitocondri. Quando si interrompe la comunicazione, l'invecchiamento accelera.


Somministrando una molecola prodotta naturalmente dal corpo umano, gli scienziati hanno ripristinato la rete di comunicazione dei topi anziani. Campioni di tessuto successivi hanno dimostrato la presenza di caratteristiche biologiche cruciali paragonabili a quelle di animali molto più giovani.


"Il processo di invecchiamento che abbiamo scoperto è come una coppia di sposi; quando sono giovani comunicano bene, ma col passare del tempo, vivendo in stretto contatto per molti anni, la comunicazione si rompe", ha detto David Sinclair, Professore di Genetica alla Harvard Medical School, e autore senior sullo studio. "E proprio come con una coppia, il ripristino della comunicazione risolve il problema".


Questo studio era un progetto congiunto tra la Harvard Medical School, il National Institute on Aging, e l'Università del New South Wales di Sydney in Australia, altra istituzione dove lavora Sinclair. I risultati sono pubblicati dal 19 dicembre in Cell.

 

Interruzione della comunicazione

I mitocondri sono spesso indicati come la "centrale energetica" della cellula, che genera energia chimica per svolgere funzioni biologiche essenziali. Questi organelli indipendenti, che vivono all'interno delle nostre cellule e ospitano i propri piccoli genomi, sono stati da tempo identificati come attori biologici chiave nell'invecchiamento. Man mano che si riduce la loro funzionalità, insorgono gradualmente molte condizioni legate all'età come l'Alzheimer e il diabete.


I ricercatori sono generalmente scettici all'idea che l'invecchiamento possa essere invertito, a causa principalmente della teoria prevalente che i mali legati all'età sono il risultato di mutazioni nel DNA mitocondriale e le mutazioni non possono essere invertite.


Nuova causa di invecchamento: è reversibile.Sinclair e il suo gruppo hanno studiato per molti anni la scienza fondamentale dell'invecchiamento (che è generalmente definito come il progressivo declino della funzionalità con il tempo), concentrandosi principalmente su un gruppo di geni chiamati sirtuine. Studi precedenti del suo laboratorio hanno dimostrato che uno di questi geni, il SIRT1, è attivato dal composto resveratrolo, che si trova nell'uva, nel vino rosso e in alcuni frutti a guscio.


Ana Gomes, uno scienziato postdottorato nel laboratorio di Sinclair, aveva studiato dei topi in cui il gene SIRT1 era stato rimosso. Anche se avevano previsto con accuratezza che questi topi avrebbero mostrato segni di invecchiamento, inclusa la disfunzione mitocondriale, i ricercatori sono stati sorpresi di scoprire che la maggior parte delle proteine ​​mitocondriali provenienti dal nucleo della cellula erano a livelli normali; ma solo quelle codificate dal genoma mitocondriale erano ridotte. "Questo è in contrasto con ciò che ci dice la letteratura", ha detto la Gomes.


Nello studiare le possibili cause di questo fatto, la Gomes ed i suoi colleghi hanno scoperto una cascata intricata di eventi che inizia con una sostanza chimica chiamata NAD e si conclude con una molecola chiave che trasporta le informazioni e coordina le attività tra il genoma nucleare della cellula e il genoma mitocondriale. Le cellule rimangono in buona salute finchè rimane fluido il coordinamento tra i genomi. Il ruolo del SIRT1 è intermediario, simile a un agente di sicurezza: esso assicura che una molecola inopportuna chiamata HIF-1 non interferisca con la comunicazione.


Per ragioni ancora non chiare, quando invecchiamo i livelli iniziali di NAD declinano. Senza una quantità sufficiente di NAD, il SIRT1 perde la sua capacità di tenere sotto controllo l'HIF-1. I livelli di HIF-1 crescono e cominciano a scatenare il caos sulla comunicazione intra-genoma, altrimenti liscia. Nel corso del tempo, il team di ricerca ha scoperto che questa perdita di comunicazione riduce la capacità delle cellule di produrre energia, e diventano evidenti i segni di invecchiamento e di malattie. "Questo particolare componente del processo di invecchiamento non è mai stato descritto", ha detto la Gomes.


Mentre la rottura di questo processo provoca un rapido declino della funzione mitocondriale, altri segni di invecchiamento impiegano più tempo ad apparire. La Gomes ha scoperto che, somministrando un composto endogeno che le cellule trasformano in NAD, si ripara la rete e si ripristina rapidamente la comunicazione e la funzione mitocondriale. Se il composto fosse somministrato abbastanza presto (prima dell'eccessivo accumulo di mutazioni), entro pochi giorni, alcuni aspetti del processo di invecchiamento potrebbero essere invertiti.

 

Connessione con il cancro

Esaminando i muscoli di topi di due anni che avevano ricevuto il ​​composto che produce NAD per una sola settimana, i ricercatori hanno cercato gli indicatori di insulino-resistenza, di infiammazione e di atrofia muscolare. In tutti e tre i casi, il tessuto dei topi assomigliava a quello di animali di sei mesi di età. In termini di anni umani, questo sarebbe come se un 60-enne diventasse un 20-enne, in questi settori specifici.

When Sirt1 loses its ability to monitor HIF-1, communication between mitochondria and the nucleus breaks down, and aging accelerates. Image by Ana Gomes
Un aspetto particolarmente importante di questa scoperta coinvolge l'HIF-1. Più che una molecola invadente che blocca la comunicazione, l'HIF-1 si attiva di norma quando il corpo è privo di ossigeno. Altrimenti tace. Il cancro, tuttavia, è noto per attivare e segregare l'HIF-1. Quindi i ricercatori stanno studiando il ruolo preciso dell'HIF-1 nella crescita del cancro.


"E' certamente significativo scoprire che una molecola che si attiva in molti tumori si accende anche durante l'invecchiamento"
, ha detto la Gomes. "Stiamo iniziando a vedere ora che la fisiologia del cancro è per certi versi simile alla fisiologia dell'invecchiamento. Forse questo può spiegare perché il maggior rischio del cancro è l'età".


"C'è chiaramente da lavorare molto di più qui, ma se questi risultati fossero confermati, allora alcuni aspetti dell'invecchiamento possono essere reversibili, se presi in tempo", ha detto Sinclair.


I ricercatori stanno ora esaminando gli esiti a lungo termine del composto che produce NAD nei topi e come influisce sul topo nell'insieme. Stanno anche esplorando se il composto può essere usato per trattare in modo sicuro le malattie mitocondriali rare o le malattie più comuni come diabete di tipo 1 e 2. Nel lungo termine, Sinclair ha intenzione di verificare se il composto può dare ai topi una vita più sana, e più lunga.


Il laboratorio di Sinclair è stato finanziato dal National Institute on Aging (NIA / NIH), dalla Fondazione Glenn per la ricerca medica, dalla Juvenile Diabetes Research Foundation, dalla United Mitochondrial Disease Foundation e da una donazione dalla famiglia Schulak.

 

 

 

 

 


Fonte: Harvard Medical School.

Riferimenti: Ana P. Gomes, Nathan L. Price, Alvin J.Y. Ling, Javid J. Moslehi, Magdalene K. Montgomery, Luis Rajman, James P. White, João S. Teodoro, Christiane D. Wrann, Basil P. Hubbard, Evi M. Mercken, Carlos M. Palmeira, Rafael de Cabo, Anabela P. Rolo, Nigel Turner, Eric L. Bell, David A. Sinclair. Declining NAD Induces a Pseudohypoxic State Disrupting Nuclear-Mitochondrial Communication during Aging. Cell, 2013; 155 (7): 1624 DOI: 10.1016/j.cell.2013.11.037

Pubblicato da David Cameron in hms.harvard.edu (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Flusso del fluido cerebrale può essere manipolato dalla stimolazione sensorial…

11.04.2023

Ricercatori della Boston University, negli Stati Uniti, riferiscono che il flusso di liq...

L'impatto del sonno su cognizione, memoria e demenza

2.03.2023

Riduci i disturbi del sonno per aiutare a prevenire il deterioramento del pensiero.

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello d...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il c...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno de...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.