Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Area cervello attaccata da AD lega cognizione e ricompense

Area del cervello attaccata dall'AD ...Posozione della corteccia ingolata posteriore (PCC) (Fonte: The Beckley Foundation)Una delle prime aree del cervello ad essere attaccate dall'Alzheimer è più attiva quando il cervello non è molto impegnato, e si chieta durante i picchi di prestazione.


La questione che voleva risolvere Sarah Heilbronner, studente laureata della Duke University, era se questa regione del cervello, chiamata corteccia cingolata posteriore (PCC), smorzi di proposito le prestazioni cognitive, per esempio permettendo alla mente di vagare, o stia invece monitorando le prestazioni e cercando di migliorarle quando serve.


Se la PCC stesse monitorando e migliorando le prestazioni, la maggiore attività sarebbe il risultato delle scarse prestazioni, non la loro causa.


La PCC è collegata sia al sistema di apprendimento che a quello di ricompensa, dice la Heilbronner, e fa parte della "rete in modalità predefinita". Si trova lungo una linea mediana tra le orecchie, dove sono presenti molte strutture legate alle ricompense. "E' una specie di nesso tra più sistemi", ha detto la Heilbronner, che è attualmente ricercatrice post-dottorato in neuroanatomia all'Università di Rochester.


"Quando questa area comincia a deteriorarsi, le persone iniziano a mostrare i primi segni di declino cognitivo (problemi di apprendimento e a ricordare le cose, perdersi, problemi a programmare), che alla fine si manifestano nella demenza conclamata", ha detto Michael Platt, direttore dell'Institute for Brain Sciences della Duke, che ha supervisionato la dissertazione della Heilbronner nel 2012. La ricerca è pubblicata dal 18 dicembre sulla rivista Neuron, ed è stata finanziata dal National Institutes of Health.


L'esperimento della Heilbronner, per capire meglio il ruolo della PCC nell'apprendimento e nella memoria, si è basato su due macachi rhesus muniti di elettrodi per leggere l'attività dei singoli neuroni nel cervello. Il loro compito era simile al giocare ai videogiochi con gli occhi. Le scimmie vedevano una serie di fotografie ogni giorno, contrassegnate con punti in alto a sinistra e in basso a destra. Per ottenere uno spruzzo di succo gratificante, dovevano spostare il loro sguardo verso il punto corretto sulla foto, e hanno imparato per tentativi ed errori, quale punto in ogni foto produceva la ricompensa.


Ogni giorno hanno visto fino a 12 foto da un assortimento di scatti di Heilbronner fatti al Parco Nazionale di Yellowstone e nel Grand Canyon. Ogni giorno alcune delle immagini avevano una familiarità con un obiettivo di ricompensa conosciuto, e le altre erano nuove. Quando le scimmie rispondevano con lo sguardo, i ricercatori osservavano l'attività di decine di neuroni nel cervello di ogni scimmia subito dopo le risposte corrette o non corrette. Hanno anche modificato la quantità erogata di succo in alcuni casi, creando un senso di risposte ad alta e bassa ricompensa.


Se la PCC abbassasse di proposito le prestazioni, i ricercatori avrebbero dovuto vederla attiva prima che fosse fatta una scelta o prima di ricevere la reazione. Invece, hanno visto che si attivava dopo la reazione, perdurando a volte fino a quando appariva l'immagine successiva. I neuroni della PCC hanno risposto con forza quando le scimmie dovevano capire qualcosa di nuovo, soprattutto quando facevano errori o non guadagnavano abbastanza ricompensa da restare motivate.


I ricercatori hanno anche ripetuto l'attività dopo la somministrazione di un farmaco, il muscimolo, che compromette la funzione della PCC temporaneamente durante la prova. Con il centro disattivato dal farmaco, le scimmie potevano ricordare l'apprendimento precedente, indipendentemente dalle dimensioni del premio. Capire un nuovo oggetto era ancora possibile, quando il premio era grande, ma le scimmie non riuscivano a capire nulla di nuovo quando il premio era piccolo. "Forse sembrava loro che non ne valesse la pena", ha detto la Heilbronner.


L'esperimento di smorzatura ha anche rafforzato quello che i ricercatori avevano visto nei tempi di risposta della PCC: se il ruolo di questo centro fosse lasciare che la mente vaghi, le prestazioni dovrebbero migliorare con la somministrazione del muscimolo, ma era vero il contrario.


La Heilbronner conclude che la PCC richiama maggiori risorse per un compito cognitivo impegnativo. Quindi, piuttosto che essere la causa dello scarso rendimento su un compito, la PCC in realtà interviene durante una sfida per migliorare la situazione. "Questo studio ci dice che una PCC sana è necessaria per il monitoraggio delle prestazioni e per mantenerci motivati ​​durante l'apprendimento, in particolare quando i problemi sono difficili", ha detto Platt.


La Heilbronner è ora interessata a scoprire se la PCC è più importante per l'apprendimento rispettto al ricordare, e come la motivazione interagisce con le anomalie della PCC presenti nell'Alzheimer.

 

 

 

 

 


FonteDuke University, via EurekAlert!.

Riferimenti: Sarah R. Heilbronner, Michael L. Platt. Causal Evidence of Performance Monitoring by Neurons in Posterior Cingulate Cortex during Learning. Neuron, 2013; 80 (6): 1384 DOI: 10.1016/j.neuron.2013.09.028

Pubblicato in eurekalter.org (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.