Iscriviti alla newsletter

Nuovo modo di fare ricerca: replica, analisi e cura in singolo studio

Nuovo modo di fare ricerca: replica, analisi e cura di una malattia in un piatto idlaboratorioLa ricerca traslazionale avanza senza soluzione di continuità: dopo avere creato neuroni da cellule della pelle dei pazienti, dei ricercatori 'trattano' dei difetti genetici in un piatto, provando che la terapia può funzionare.

Anche se questa tecnologia esiste da alcuni anni, gli scienziati hanno sempre usato lo schema "malattia in un piatto" per studiare i difetti genetici, molecolari e cellulari.


Ma un team di medici e scienziati guidati da ricercatori del Cedars-Sinai Regenerative Medicine Institute è andato oltre, in uno studio sul morbo di Lou Gehrig (sclerosi laterale amiotrofica), una malattia mortale che attacca le cellule nervose che controllano i muscoli nel cervello e nel midollo spinale.


Dopo aver utilizzato una tecnica innovativa, creando in un piatto da laboratorio delle cellule staminali da neuroni raschiati della pelle di pazienti con la malattia, i ricercatori hanno inserito molecole fatte di piccoli tratti di materiale genetico, bloccando gli effetti dannosi di un gene difettoso e, nel processo, fornendo la "prova concettuale" di una nuova strategia terapeutica - un passo importante nel trasferire i risultati della ricerca negli esperimenti clinici.


Lo studio, pubblicato il 23 ottobre su Science Translational Medicine, è ritenuto uno dei primi a replicare in un piatto, analizzare, e "trattare" una specifica forma del morbo di Lou Gehrig, o sclerosi laterale amiotrofica, suggerendo la potenziale terapia futura, tutto in un unico studio.


"In un certo senso, questo rappresenta l'intero spettro di ciò che stiamo cercando di realizzare modellando cellule staminali provenienti dal paziente. Questo dà ai ricercatori l'opportunità di condurre studi approfonditi sulla struttura genetica e molecolare di una malattia e di sviluppare potenziali trattamenti in laboratorio prima di tradurli in esperimenti sui pazienti", ha detto Robert H. Baloh (MD, PhD), direttore della Divisione Neuromuscolare del Cedars-Sinai nel Dipartimento di Neurologia e direttore del programma multidisciplinare sulla SLA. Nonchè ricercatore responsabile e autore senior dell'articolo.


I modelli di laboratorio della malattia sono stati resi possibili da un processo recentemente inventato che usa le cellule staminali pluripotenti indotte, cellule derivate da campioni della pelle propria di un paziente e "inviati indietro nel tempo" ad uno stato embrionale attraverso la manipolazione genetica. Da lì, essi possono essere diventare qualsiasi cellula del corpo umano.


Le cellule usate nello studio sono state prodotte dalla struttura Induced Pluripotent Stem Cell Core (IPSC) (nella foto in alto) al Regenerative Medicine Institute del Cedars-Sinai. Dhruv Sareen (PhD), direttore della struttura IPSC e ricercatore della facoltà al Dipartimento di Scienze Biomediche, è primo autore dell'articolo e uno dei numerosi ricercatori dell'istituto che ha partecipato allo studio.


"In questi studi, abbiamo trasformato le cellule della pelle di pazienti affetti da SLA in neuroni motori che hanno conservato i difetti genetici della malattia", ha detto Baloh. "Ci siamo concentrati su un gene, il C9ORF72, che due anni fa è stato individuato come la causa più comune della SLA familiare e della degenerazione lobare frontotemporale, e anche la causa di alcuni casi di Alzheimer e di Parkinson. Quello che avevamo bisogno di sapere, tuttavia, era come il difetto innescasse la malattia in modo da trovare un modo di curarla". La degenerazione lobare frontotemporale è un disturbo cerebrale che porta normalmente alla demenza e talvolta si presenta in tandem con la SLA.


I ricercatori hanno scoperto che il difetto genetico del C9ORF72 può causare malattie, perché cambia la struttura dell'RNA proveniente dal gene, creando un accumulo anormale di una serie ripetuta di nucleotidi, i componenti di base dell'RNA. "Pensiamo che questo accumulo di migliaia di copie della sequenza ripetuta GGGGCC nel nucleo delle cellule dei pazienti può diventare" tossico", alterando il normale comportamento di altri geni nei neuroni motori", ha detto Baloh.


"Poiché i nostri studi hanno sostenuto la teoria del meccanismo dell'RNA tossico, abbiamo usato due piccoli segmenti di materiale genetico chiamati oligonucleotidi antisenso (ASO) per bloccare l'accumulo e degradare l'RNA tossico. Uno degli ASO abbatte l'insieme dei livelli del C9ORF72. L'altro abbatte l'RNA tossico proveniente dal gene, senza sopprimere i livelli globali di espressione genica. L'assenza di questo RNA potenzialmente tossico, e la mancanza di evidenze di effetti negativi sui motoneuroni, fornisce una solida base per l'utilizzo di questa strategia nel trattamento di pazienti affetti da queste malattie".


Dei ricercatori di un altro istituto hanno guidato di recente uno studio di fase I su una strategia simile all'ASO, per trattare la SLA causata da una diversa mutazione genetica e hanno riferito di non aver avuto problemi di sicurezza.


Clive Svendsen (PhD), direttore dell'Istituto di Medicina Rigenerativa e uno degli autori dell'articolo, sta studiando la SLA da più di un dieci anni. "La SLA può essere la malattia neurologica più crudele e più grave, ma credo che l'approccio delle cellule staminali usate in questo studio collaborativo sia la chiave per svelare i misteri di questo e di altri disturbi devastanti. All'interno dell'Istituto di Medicina Rigenerativa stiamo esplorando diverse altre strategie basate sulle cellule staminali, per cercare trattamenti e cure", ha detto, aggiungendo che la SLA colpisce da 30.000 a 50.000 persone negli Stati Uniti, ma a differenza di altre malattie neurodegenerative, è quasi sempre fatale, di solito entro tre-cinque anni.


Svendsen ha recentemente ricevuto una sovvenzione di 17,8 milioni dollari dal California Institute for Regenerative Medicine. In collaborazione con Baloh e il team clinico dell'ALS al Cedars-Sinai, questo studio sosterrà una terapia innovativa con cellule staminali e con il fattore di crescita per la SLA.


Hanno contribuito allo studio sul C9ORF72 ricercatori provenienti dall'UCLA, dalla Mayo Clinic di Jacksonville in Florida, dalla University of California di San Diego, dalla Washington University School of Medicine di St. Louis nel Missouri, e dalla Isis Pharmaceuticals. La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health e dal California Institute of Regenerative Medicine. Baloh ha ricevuto un Premio alla Carriera per gli scienziati medici dal Burroughs Wellcome Fund. Il lavoro di analisi è stato in parte sostenuto dal Muscular Dystrophy Core Center dell'UCLA finanziato dal National Institute of Arthritis, Musculoskeletal and Skin Disorders al Center for Duchenne Muscular Dystrophy dell'UCLA.

 

 

 

 

 


Fonte: Cedars-Sinai Medical Center, via Newswise.

Riferimenti: Dhruv Sareen, Jacqueline G. O’Rourke, Pratap Meera, A. K. M. G. Muhammad, Sharday Grant, Megan Simpkinson, Shaughn Bell, Sharon Carmona, Loren Ornelas, Anais Sahabian, Tania Gendron, Leonard Petrucelli, Michael Baughn, John Ravits, Matthew B. Harms, Frank Rigo, C. Frank Bennett, Thomas S. Otis, Clive N. Svendsen and Robert H. Baloh.Targeting RNA foci reduces pathology in iPSC-derived motor neurons from C9ORF72 repeat patients.. Sci Transl Med, 23 October 2013: Vol. 5, Issue 208, p. 208ra149 Sci. Transl. Med. DOI: 10.1126/scitranslmed.3007529

Pubblicato in newswise.com (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.