Associazione Alzheimer ONLUS

NewsletterLogo
Con l'iscrizione alla newsletter ricevi aggiornamenti giornalieri o settimanali sulla malattia, gli eventi e le proposte dell'associazione. Il tuo indirizzo email è usato solo per gestire il servizio, non sarà mai ceduto ad altri.

    Iscriviti   


captcha 

Ricerche

Nuovo metodo per predire il rischio di demenza ai diabetici

Abel Corona di Watsonville si versa una piña colada da una brocca a casa sua. Egli è più attento alla sua dieta da quando ha avuto la diagnosi di diabete. (Foto: Vinnee Tong / KQED)Abel Corona di Watsonville si versa una piña colada da una brocca a casa sua. Egli è più attento alla sua dieta da quando ha avuto la diagnosi di diabete. (Foto: Vinnee Tong / KQED)Un team internazionale di ricercatori annuncia di aver sviluppato uno strumento che predice il rischio per un anziano con diabete di tipo 2 di sviluppare demenza nei 10 anni successivi.


Sappiamo che le persone con diabete di tipo 2 hanno un rischio alto di sviluppare la demenza, una serie di problemi che ostacolano la memoria, il linguaggio, e la capacità di risolvere i problemi. Infatti, i diabetici di tipo 2 hanno il doppio delle probabilità di sviluppare demenza nel corso della vita rispetto alle persone senza la malattia.


Secondo un articolo pubblicato oggi nella nuova rivista The Lancet Diabetes & Endocrinology, i ricercatori hanno creato un "indice di rischio" di 20 punti, che assegnano ai pazienti in base alla loro storia personale e ai problemi di salute. Per ogni punto della scala, cresce il rischio di sviluppare demenza entro 10 anni. E' il primo punteggio di rischio ad essere sviluppato specificamente per le persone con diabete di tipo 2.


"[Il punteggio di rischio] pone questi pazienti sul radar dei medici, che quindi ne conoscono il rischio elevato", ha detto Rachel Whitmer, scienziato del Kaiser Permanente Division of Research di Oakland in California. Con questo punteggio in mano "il medico potrebbe essere particolarmente attento e tenere sotto osservazione i problemi di memoria o cognitivi".


La Whitmer dice che il semplice punteggio di rischio può essere calcolato velocemente dalle cartelle cliniche elettroniche del paziente o ad una visita medica di routine. I ricercatori hanno sviluppato il punteggio seguendo per 10 anni quasi 30.000 residenti californiani, over 60, diabetici di tipo 2 che non avevano la demenza. I ricercatori hanno estratto informazioni sulla salute generale, sulle complicanze del diabete e sui problemi con i livelli di zucchero nel sangue, dalle cartelle cliniche elettroniche di ogni paziente, memorizzate nel Kaiser Permanente Northern California Diabetes Registry.


Il team ha scoperto otto fattori che predicono il rischio di sviluppare demenza entro il decennio successivo, che comprendono una serie di complicazioni vascolari, problemi per le ampie fluttuazioni nel livello di zucchero nel sangue, depressione, età ed istruzione. I punti sono assegnati in base a quanti problemi di salute hanno i pazienti, all'età, e al livello di istruzione. Le persone nella categoria più bassa di punteggio hanno un rischio del 5,3 per cento di sviluppare la demenza entro 10 anni, mentre il rischio per coloro che sono nella categoria massima cresce fino al 73,3 per cento.


In breve, le persone con un diabete meno controllato tendono ad avere un punteggio più alto di rischio e possono avere più probabilità di sviluppare la demenza. "Se riusciamo a predire il rischio futuro sappiamo su cosa concentrarci, chi seguire di più, a chi dedicare tempo extra e assicurarci che si prendano cura di se stessi in termini di diabete di tipo 2", ha detto la Whitmer.


Poiché la demenza colpisce prevalentemente gli anziani, più si è anziani, più punti si accumulano nel punteggio di rischio. "Se uno è anziano ed ha il diabete di tipo 2, ebbene sì, ha un rischio più elevato, ma è un motivo in più per mantenere un adeguato controllo glicemico", ha detto la Whitmer. Mentre l'età è fuori del nostro controllo, possiamo lavorare per gestire meglio il diabete e cercare un trattamento per un altro fattore di rischio, la depressione, ha aggiunto.


Con la creazione di un punteggio di rischio a 10 anni, i ricercatori sperano di individuare le persone ad alto rischio, prima che inizino ad avere problemi cognitivi. Gli scienziati non sanno esattamente perché le persone con diabete di tipo 2 hanno un rischio di demenza maggiore. Alcuni tipi di demenza possono manifestarsi a causa della riduzione del flusso di sangue al cervello. E il diabete può danneggiare i vasi sanguigni che inviano il sangue a tutte le parti del corpo, compreso il cervello.


A tutt'oggi non ci sono abbastanza dati perchè gli scienziati possano determinare se anche le persone con diabete di tipo 1 hanno un elevato rischio di demenza. La Whitmer ed i suoi colleghi hanno in fase di sviluppo un punteggio di rischio per le persone più giovani con diabete di tipo 2 che possa predire il rischio di demenza per i successivi 40 anni. "Penso che sia importante che questa popolazione sappia che questa malattia può colpire il cervello e può influenzare notevolmente la qualità della loro vita", conclude la Whitmer.

 

 

 

 

 


Fonte: University Medical Centre Utrecht, Utrecht, Netherlands

Riferimento: Lieza G Exalto, Geert Jan Biessels, Andrew J Karter, Elbert S Huang, Wayne J Katon, Jerome R Minkoff, Dr Rachel A Whitmer. Risk score for prediction of 10 year dementia risk in individuals with type 2 diabetes: a cohort study. The Lancet Diabetes & Endocrinology, Early Online Publication, 20 August 2013. doi:10.1016/S2213-8587(13)70048-2

Pubblicato da Ryder Diaz in California Report (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Informazione pubblicitaria

Notizie da non perdere

Orienteering: un modo per addestrare il cervello e contrastare il declino cogn…

27.01.2023

Lo sport dell'orienteering (orientamento), che attinge dall'atletica, dalle cap...

Effetti della carenza di colina sulla salute neurologica e dell'intero si…

23.01.2023

Assorbire colina a sufficienza dall'alimentazione è cruciale per proteggere il corpo e il cervello ...

Scoperta ulteriore 'barriera' anatomica che difende e monitora il ce…

11.01.2023

Dalla complessità delle reti neurali, alle funzioni e strutture biologiche di base, il ...

L'invecchiamento è guidato da geni sbilanciati

21.12.2022

Il meccanismo appena scoperto è presente in vari tipi di animali, compresi gli esseri umani.

Goccioline liquide dense come computer cellulari: nuova teoria sulla causa del…

22.09.2022

Un campo emergente è capire come gruppi di molecole si condensano insieme all'interno d...

'Ingorgo' di proteine nei neuroni legato alla neurodegenerazione

12.09.2022

Un nuovo studio condotto da ricercatori dell'EPFL rivela che un complesso proteico malfunzionante pu...

Scoperto un fattore importante che contribuisce all'Alzheimer

22.08.2022

Una ricerca guidata dai dott. Yuhai Zhao e Walter Lukiw della Luisiana State University ...

Dare un senso alla relazione obesità-demenza

2.08.2022

Questo articolo farà capire al lettore perché l'obesità a volte può aumentare il ris...

Svolta per l'Alzheimer? Confermato collegamento genetico con i disturbi i…

26.07.2022

Uno studio eseguito in Australia alla Edith Cowan University (ECU) ha confermato il legame tra Alzhe...

Studio rivela dove vengono memorizzati i frammenti di memoria

22.07.2022

Un momento indimenticabile in un ristorante può non essere esclusivamente il cibo. Gli ...

A 18 come a 80 anni, lo stile di vita è più importante dell'età per il…

22.07.2022

Gli individui senza fattori di rischio per la demenza, come fumo, diabete o perdita dell...

Le donne possono vivere meglio con una dieta migliore

22.07.2022

Mangiare frutta e verdura di colori più brillanti può aiutare i problemi di salute delle donne. <...

Il ciclo dell'urea astrocitica nel cervello controlla la lesione della me…

30.06.2022

Nuove scoperte rivelano che il ciclo dell'urea negli astrociti lega l'accumulo di amiloide-beta e la...

Aumentano le evidenze di origini alternative delle placche di Alzheimer

13.06.2022

I risultati di uno studio potrebbero spiegare perché i farmaci progettati per rimuovere i depositi ...

La scoperta del punto di svolta nell'Alzheimer può migliorare i test di …

20.05.2022

 Intervista al neurologo William Seeley della Università della California di San Francisco

Perché il diabete tipo 2 è un rischio importante per lo sviluppo dell'A…

24.03.2022

Uno studio dell'Università di Osaka suggerisce un possibile meccanismo che collega il diabete all'A...

Identificazione dei primi segnali dell'Alzheimer

7.03.2022

Un team multidisciplinare di ricerca, composto da ricercatori del progetto ARAMIS, dell...

Nuovo metodo di selezione farmaci spiega perché quelli di Alzheimer falliscon…

31.01.2022

Analizzando i meccanismi di malattia nei neuroni umani, dei ricercatori dell'Università de...

Perché dimentichiamo? Nuova teoria propone che 'dimenticare' è in …

17.01.2022

Mentre viviamo creiamo innumerevoli ricordi, ma molti di questi li dimentichiamo. Come m...

Studio cinese: 'Metti spezie nel tuo cibo per tenere a bada l'Alzhei…

13.01.2022

Proprio come 'una mela al giorno toglie il medico di torno', sono ben noti i benefici di...

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.