Iscriviti alla newsletter

Scoperto prodotto chimico che potenzia la memoria [nei topi]

Photo Credit: © mgkuijpers / FotoliaRicercatori della UCSF di San Francisco, studiando come le cellule rispondono allo stress biologico, hanno scoperto una piccola molecola di tipo farmacologico che potenzia la memoria dei topi nei quali viene iniettata.

Lo stesso percorso biochimico sul quale agisce la molecola un giorno potrebbe essere l'obiettivo per migliorare la memoria degli esseri umani, secondo l'autore senior dello studio, Peter Walter, PhD, professore di biochimica e biofisica dell'UCSF e ricercatore Howard Hughes.


La scoperta della molecola ed i risultati dei successivi test di memoria nei topi sono stati pubblicati il 28 maggio 2013 in eLife, una rivista scientifica ad accesso libero. In un test di memoria incluso nello studio, i topi normali sono stati in grado di ri-localizzare una piattaforma sommersa circa tre volte più velocemente dopo aver ricevuto iniezioni della potente sostanza chimica, rispetto ai topi che avevano avuto finte iniezioni. I topi che hanno ricevuto la sostanza chimica ricordano meglio anche gli indizi associati a stimoli spiacevoli, il tipo di condizionamento alla paura che potrebbe aiutare un topo ad evitare di essere una preda.


In particolare i risultati suggeriscono che, nonostante quella che sembrerebbe essere l'importanza di avere i migliori meccanismi biochimici per massimizzare la potenza della memoria, non sembra che l'evoluzione li abbia forniti, ha detto Walter. "Sembra che il processo evolutivo non abbia ottimizzato il consolidamento della memoria; altrimenti non credo che avremmo potuto migliorarla nella misura in cui l'abbiamo fatto nel nostro studio con normali topi sani", ha detto Walter.


La sostanza chimica per stimolare la memoria è stata individuata fra i 100.000 prodotti chimici esaminati allo Small Molecule Discovery Center dell'UCSF per il loro potenziale di perturbare un percorso biochimico protettivo all'interno delle cellule, che si attiva quando le cellule non sono in grado di tenere il passo con la piegatura delle proteine ​nelle forme richieste. Tuttavia Carmela Sidrauski, PhD, borsista postdottorato dell'UCSF, ha scoperto che la sostanza chimica agisce all'interno della cellula al di là del percorso biochimico che attiva la risposta della proteina non piegata, per avere un impatto più generale su ciò che è nota come risposta integrata allo stress. In questa risposta, diversi percorsi biochimici convergono su un unico perno molecolare, una proteina chiamata eIF2 alfa.


Gli scienziati sanno che, negli organismi con varie complessità, dal lievito agli esseri umani, diversi tipi di stress cellulare (cumulo di proteine non piegate, raggi UV che danneggiano il DNA, carenza di aminoacidi - i mattoni che compongono le proteine - infezione virale, carenza di ferro) inducono diversi enzimi ad agire a valle per spegnere l'eIF2 alfa. "Tra le altre cose, la disattivazione dell'eIF2 alfa è un freno al consolidamento della memoria", spiega Walter, forse una conseguenza evolutiva di una cellula o di un organismo che diventa più capace di adattarsi in un altro modo.


La disattivazione dell'eIF2 alfa riduce la produzione della maggior parte delle proteine, alcune delle quali possono essere necessarie per la formazione della memoria, ha detto Walter. Ma la disattivazione dell'eIF2 alfa incrementa anche la produzione di alcune proteine chiave che aiutano le cellule a far fronte allo stress. Il co-autore dello studio Nahum Sonenberg, PhD, della McGill University, in precedenza aveva legato memoria e eIF2 alfa in studi di genetica sui topi, e il suo gruppo di laboratorio ha inoltre eseguito le prove di memoria per lo studio corrente.


La sostanza chimica identificata dai ricercatori UCSF è chiamata ISRIB, che sta per inibitore integrato della risposta allo stress. L'ISRIB contrasta gli effetti della disattivazione dell'eIF2 alfa all'interno delle cellule, secondo quanto hanno scoperto i ricercatori. "L'ISRIB mostra buone proprietà farmacocinetiche [il modo in cui un farmaco viene assorbito, distribuito ed eliminato], attraversa rapidamente la barriera emato-encefalica, e non presenta nessuna tossicità evidente nei topi, fatto che lo rende molto utile per gli studi in topi", ha detto Walter. Queste proprietà indicano anche che l'ISRIB potrebbe essere un buon punto di partenza per lo sviluppo di farmaci per gli umani, secondo Walter.


Walter ha detto che sta cercando scienziati con i quali collaborare in nuovi studi su cognizione e memoria in modelli di topo di malattie neurodegenerative e di invecchiamento, utilizzando l'ISRIB o molecole correlate. Inoltre le sostanze chimiche come l'ISRIB potrebbero avere un ruolo nella lotta contro i tumori, che approfittano delle risposte allo stress per alimentare la propria crescita, ha detto Walter. Walter già sta esaminando il modo per manipolare la risposta della proteina non piegata per inibire la crescita del tumore, sulla base delle sue precedenti scoperte.


A un livello più di base, Walter ha detto che lui e altri scienziati possono ora utilizzare l'ISRIB per conoscere meglio il ruolo della risposta alla proteina non piegata e la risposta integrata allo stress nelle malattie e nella fisiologia normale.


Lo studio è stato finanziato dalllo Howard Hughes Medical Institute.

 

 

 

 

 


Fonte: University of California, San Francisco (UCSF), via Newswise.

Riferimento: C. Sidrauski, D. Acosta-Alvear, A. Khoutorsky, P. Vedantham, B. R. Hearn, H. Li, K. Gamache, C. M. Gallagher, K. K.-H. Ang, C. Wilson, V. Okreglak, A. Ashkenazi, B. Hann, K. Nader, M. R. Arkin, A. R. Renslo, N. Sonenberg, P. Walter. Pharmacological brake-release of mRNA translation enhances cognitive memory. eLife, 2013; 2 (0): e00498 DOI: 10.7554/eLife.00498#sthash.ev68BZ7D.dpuf

Pubblicato in Science Daily (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.