Iscriviti alla newsletter

Composto di cannella ha il potenziale di prevenire l'Alzheimer

Roshni George and Don GravesRoshni George (a sinistra) con Don Graves. (Credit: University of California)Cannella: può questa spezia con la sua inconfondibile fragranza e varietà di usi dare un beneficio importante? La spezia, comune in cucina, potrebbe essere la chiave per ritardare l'insorgenza, o allontanare gli effetti, dell'Alzheimer.


Questo secondo Roshni Giorgio e Donald Graves, gli scienziati della UC Santa Barbara i risultati del cui studio appaiono nell'anticipazione online del Journal of Alzheimer, e nel prossimo volume 36, edizione 1, della versione cartacea.


L'Alzheimer è la forma più comune di demenza, una malattia neurodegenerativa che peggiora progressivamente nel tempo in quanto uccide le cellule del cervello. Nessuna cura è stata ancora trovata, né è stata identificata la sua principale causa.  Tuttavia, due composti presenti nella cannella (aldeide cinnamica ed epicatechina) stanno mostrando qualche potenziale nello sforzo di combattere la malattia. Secondo George e Graves, i composti hanno dimostrato di prevenire lo sviluppo dei "grovigli" filamentosi che danneggiano le cellule cerebrali nell'Alzheimer.


La tau, proteina responsabile dell'assemblaggio dei microtubuli della cellula, ha un ruolo importante nella struttura dei neuroni, così come nella loro funzione. "Il problema della tau nell'Alzheimer è che è lei ad iniziare l'aggregazione", spiega la George, ricercatrice postdottorato. Quando la proteina non si lega bene ai microtubuli che formano la struttura della cellula, ha una tendenza ad aggregarsi, spiega, formando fibre insolubili nel neurone. Più invecchiamo più siamo suscettibili di incorrere in queste alterazioni e grovigli, che i malati di Alzheimer sviluppano più spesso e in quantità maggiore.


L'uso del cinnamaldeide, il composto responsabile del profumo dolce e chiaro della cannella, si è dimostrato efficace nel prevenire i nodi tau. Proteggendo la tau dallo stress ossidativo, il composto, un olio, potrebbe inibire l'aggregazione della proteina. Per fare questo, la cinnamaldeide si lega a due residui di un amminoacido chiamato cisteina sulla proteina tau. I residui di cisteina sono vulnerabili alle modificazioni, un fattore che contribuisce allo sviluppo dell'Alzheimer.


"Prendiamo, per esempio, i colpi di sole, una forma di danno ossidativo"
, spiega Graves, professore aggiunto del Dipartimento di Biologia Molecolare e Cellulare e dello Sviluppo alla University of California. "Se si indossa un cappello, si può proteggere il viso e la testa dall'ossidazione. In un certo senso, questa cinnamaldeide è come un cappello". Anche se può proteggere la proteina tau legandosi ai relativi residui di cisteina vulnerabili, può anche staccarsi, aggiunge Graves, assicurando il corretto funzionamento della proteina.


Lo stress ossidativo è un fattore importante da considerare nella salute delle cellule in generale. Attraverso i normali processi cellulari, si formano sostanze generatrici di radicali liberi come i perossidi, ma gli antiossidanti lavorano nella cellula per neutralizzarli e prevenire l'ossidazione. In alcune condizioni, tuttavia, la bilancia si ribalta, con un aumento della produzione di perossidi e radicali liberi, e minore quantità di antiossidanti, portando allo stress ossidativo.


L'epicatechina, che è presente anche in altri alimenti, come i mirtilli, il cioccolato e il vino rosso, ha dimostrato di essere un potente antiossidante. Non solo spegne la bruciatura dell'ossidazione, ma viene realmente attivata dall'ossidazione così che il composto può interagire con le cisteine sulla proteina tau in un modo simile all'azione protettiva della cinnamaldeide. "Le membrane cellulari ossidate producono anche derivati reattivi, come l'acroleina, che possono danneggiare le cisteine", conferma la George. "L'epicatechina separa anche quei sottoprodotti".


Studi indicano che c'è una forte correlazione tra il diabete di tipo 2 e l'incidenza dell'Alzheimer. I livelli elevati di glucosio tipici del diabete portano alla sovrapproduzione di specie reattive dell'ossigeno, con conseguente stress ossidativo, un fattore comune sia al diabete che all'Alzheimer. Altre ricerche hanno dimostrato gli effetti benefici della cannella nella gestione del glucosio nel sangue e di altri problemi associati al diabete. "Dal momento che la tau è vulnerabile allo stress ossidativo, questo studio si è chiesto di conseguenza se l'Alzheimer avesse potuto beneficiare della cannella, soprattutto guardando al potenziale dei piccoli composti", ha detto la George.


Anche se questa ricerca mostra un certo potenziale, Graves dice che siamo "ancora lontani dal sapere se questo funzionerà negli esseri umani". I ricercatori consigliano di guardarsi dall'ingerire quantità maggiori di cannella rispetto a quelle utilizzate di solito in cucina.


Se la cannella e i suoi composti terranno fede alla loro promessa, potrebbe essere un passo significativo nella battaglia in corso contro l'Alzheimer. Un importante fattore di rischio per la malattia (l'età) è incontrollabile. Negli Stati Uniti, l'Alzheimer è un problema particolare poichè la popolazione vive più a lungo e la generazione del baby boom diventa anziana, portando ad un forte aumento della prevalenza della malattia. Si tratta di un fenomeno che rischia di travolgere il sistema sanitario degli Stati Uniti. Secondo l'Alzheimer's Association, nel 2013, la malattia costerà alla nazione 203 miliardi di dollari.


"Non sarebbe interessante se la piccola molecola di una spezia potesse aiutare?
" conclude Graves, "forse prevenendola, o rallentandone la progressione". John Lew, professore associato del Dipartimento di Biologia Molecolare, Cellulare e dello Sviluppo, ha partecipato a questo studio, così come nella ricerca precedente che ha dimostrato l'effetto inibitorio dell'estratto di cannella sull'aggregazione della tau.

 

 

 

 

 


Fonte: University of California - Santa Barbara (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Riferimento: Roshni George, John Lew, Donald Graves. Interaction of Cinnamaldehyde and Epicatechin with Tau: Implications of Beneficial Effects in Modulating Alzheimer's Disease Pathogenesis. J. of Alzh. Dis., 2013, DOI

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.