Iscriviti alla newsletter

Ci avviciniamo alla soluzione? Farmaci prevengono e curano l'Alzheimer nei topi

Christian Pike, autore di un nuovo studio sull'Alzheimer. (Credit: Sias USC / Christopher)Immaginiamo una prevenzione, un trattamento o anche una cura farmaceutica per l'Alzheimer. E' quasi impossibile esagerare definendolo sviluppo monumentale e che potrebbe rispondere alle preghiere di milioni di persone.

Sebbene la scienza non ci sia ancora arrivata, un nuovo studio pubblicato su The Journal of Neuroscience, guidato da ricercatori della Scuola di Gerontologia della USC Davis, offre una visione fugace e stuzzicante delle soluzioni potenziali.

"I nostri dati suggeriscono la possibilità di produrre farmaci in grado di prevenire e curare l'Alzheimer", ha detto Christian Pike, l'autore principale, professore e preside di laboratorio della USC Davis. "Vale solo sui topi ma sono dati estremamente incoraggianti".


Il team ha studiato gli effetti di una classe di farmaci chiamati ligandi TSPO su topi maschi, geneticamente modificati per sviluppare l'Alzheimer, chiamati 3xTg-AD. Poiché un meccanismo chiave dei ligandi TSPO è l'aumento della produzione di ormoni steroidi, era importante assicurare che i topi avessero bassi livelli di testosterone e ormoni correlati prima del trattamento. Dei piccoli topi sono stati castrati, mentre nei topi anziani la diminuzione avveniva come normale conseguenza dell'invecchiamento. "Abbiamo esaminato gli effetti dei ligandi TSPO nei topi giovani adulti, quando la patologia è in una fase iniziale, e nei topi anziani quando la patologia era abbastanza grave", spiega Pike. "I ligandi TSPO riducono l'entità della patologia e migliorano il comportamento in entrambe le età".


La scoperta più sorprendente per Pike e il suo team è stato l'effetto dei ligandi TSPO sui topi anziani. Quattro trattamenti - uno alla settimana per quattro settimane - nei topi anziani 3xTg-AD hanno provocato un significativo abbassamento di patologia di tipo Alzheimer e miglioramenti nel comportamento della memoria. Questa scoperta suggerisce la possibilità che i ligandi TSPO possano invertire i componenti dell'Alzheimer e quindi avere il potenziale di essere utili nel trattamento.


Questi risultati possono essere assai significativi anche per gli esseri umani. "I ligandi TSPO sono attualmente utilizzati negli esseri umani in alcuni tipi di neuroimaging. Dei nuovi ligandi TSPO sono nella fase di sviluppo di sperimentazione clinica per il trattamento dell'ansia e di altre condizioni", scrive Pike. "C'è una forte possibilità che leganti TSPO simili a quelli utilizzati nel nostro studio possano essere valutati per l'efficacia terapeutica nei pazienti di Alzheimer entro i prossimi anni".


Alla luce dei risultati, il team cercherà ora di capire come i ligandi TSPO riducono la patologia di Alzheimer. Sulla base delle conoscenze assodate (che i ligandi TSPO possono agire protettivamente, riducendo l'infiammazione, scudando le cellule nervose da una ferita e aumentando la produzione di ormoni neuroattivi nel cervello), il team studierà quali di queste azioni sono più significative nella lotta all'Alzheimer, in modo da sviluppare nuovi ligandi TSPO conseguentemente.


Anche se Pike e il suo team riconoscono che i risultati rappresentano una possibilità interessante, i ricercatori hanno sottolineato anche che essa di fatto non è ancora acquisita. "Ad essere ottimisti, questi dati forniscono risultati molto promettenti, con tangibili benefici potenziali sia per la prevenzione che per il trattamento dell'Alzheimer", precisa Pike. "Il lato pessimistico è che i ricercatori hanno sviluppato molti interventi che curavano l'Alzheimer nei topi, ma che non hanno dimostrato benefici significativi nell'uomo. Stiamo perseguendo in modo cruciale il modo di traslare correttamente questi risultati negli esseri umani".


Hanno collaborato allo studio Anna Barron (studente post-dottorato ex USC Davis e ora al Molecular Imaging Center dell'Istituto Nazionale di Scienze Radiologiche in Giappone); Luis Garcia Segura (Instituto Cajal, Spagna); Donatella Caruso e Roberto Melcangi (Dipartimento di Farmacologia e Scienze Biomolecolari, Centro di Eccellenza per le Malattie Neurodegenerative, Università di Milano), e Anusha Jayaraman e Joo Lee (USC Davis). La ricerca è stata finanziata dal National Institutes of Health a sostegno del Centro di ricerca sulla malattia di Alzheimer dell'USC, diretto da Helena Chui, professore di neurologia e gerontologia della USC.

 

 

 

 

 

 


Fonte:  University of Southern California. Articolo originale scritto da Jonathan Riggs.

Riferimento: A. M. Barron, L. M. Garcia-Segura, D. Caruso, A. Jayaraman, J.-W. Lee, R. C. Melcangi, C. J. Pike. Ligand for Translocator Protein Reverses Pathology in a Mouse Model of Alzheimer's Disease. Journal of Neuroscience, 2013; 33 (20): 8891 DOI: 10.1523/JNEUROSCI.1350-13.2013

Pubblicato in Science Daily il 21 Maggio 2013 (> English version) - Traduzione di Franco Pellizzari.

Copyright: Tutti i diritti di eventuali testi o marchi citati nell'articolo sono riservati ai rispettivi proprietari.

Liberatoria: Questo articolo non propone terapie o diete; per qualsiasi modifica della propria cura o regime alimentare si consiglia di rivolgersi a un medico o dietologo. Il contenuto non dipende da, nè impegna l'Associazione Alzheimer onlus di Riese Pio X. I siti terzi raggiungibili da eventuali links contenuti nell'articolo e/o dagli annunci pubblicitari proposti da Google sono completamente estranei all'Associazione, il loro accesso e uso è a discrezione dell'utente. Liberatoria completa qui.

Nota: L'articolo potrebbe riferire risultati di ricerche mediche, psicologiche, scientifiche o sportive che riflettono lo stato delle conoscenze raggiunte fino alla data della loro pubblicazione.

Sostieni l'Associazione; una donazione, anche minima, ci aiuterà ad assistere malati e famiglie e continuare ad informarti. Clicca qui a destra:

 


 

 

Notizie da non perdere

Accumulo di proteine sulle gocce di grasso implicato nell'Alzheimer ad es…

21.02.2024

In uno studio durato 5 anni, Sarah Cohen PhD, biologa cellulare della UNC e Ian Windham della Rockef...

Sintomi visivi bizzarri potrebbero essere segni rivelatori dell'Alzheimer…

1.02.2024

Un team di ricercatori internazionali, guidato dall'Università della California di San F...

Demenze: forti differenze regionali nell’assistenza, al Nord test diagnostici …

30.01.2024

In Iss il Convegno finale del Fondo per l’Alzheimer e le Demenze, presentate le prime linee g...

Felici e contenti: cosa possiamo imparare dalle 'zone blu'

24.01.2024

I residenti delle 'zone blu' hanno vite lunghe e felici. Proviamo il loro modo di vivere sano.

<...

È un comportamento eccentrico o è Alzheimer?

16.01.2024

Hai un genitore anziano che dimentica il nome del nipote e ti chiedi se è ora di trovare...

Svelata una teoria rivoluzionaria sull'origine dell'Alzheimer

28.12.2023

Nonostante colpisca milioni di persone in tutto il mondo, il morbo di Alzheimer (MA) man...

Perché bisogna dormire? Il sonno insufficiente è legato a molte malattie croni…

27.12.2023

"Termina ogni giorno prima di iniziare il successivo e i...

Diagnosi di Alzheimer: prenditi del tempo per elaborarla, poi vai avanti con m…

4.12.2023

Come posso accettare la diagnosi di Alzheimer?

Nathaniel Branden, compianto psicoterape...

Zen e mitocondri: il macchinario della morte rende più sana la vita

20.11.2023

Sebbene tutti noi aspiriamo a una vita lunga, ciò che è più ambito è un lungo periodo di...

Perché avere troppi hobby non è una brutta cosa

27.10.2023

Alcune persone vengono in terapia sentendosi sopraffatti e incerti sulla loro tendenza a...

Infezione cerebrale da funghi produce cambiamenti simili all'Alzheimer

26.10.2023

Ricerche precedenti hanno implicato i funghi in condizioni neurodegenerative croniche co...

Scoperta nuova causa di Alzheimer e di demenza vascolare

21.09.2023

Uno studio evidenzia la degenerazione delle microglia nel cervello causata dalla tossicità del ferro...

Malato di Alzheimer: la casa di cura la paga lo Stato?

25.05.2023

Chi si fa carico delle spese per un malato di Alzheimer ricoverato in una casa di riposo? Scopriamo ...

La demenza ci fa vivere con emozioni agrodolci

23.05.2023

Il detto è: dolce è la vita. E, anche se vorremmo momenti costantemente dolci, la vita s...

I ricordi potrebbero essere conservati nelle membrane dei tuoi neuroni

18.05.2023

Il cervello è responsabile del controllo della maggior parte delle attività del corpo; l...

Immergersi nella natura: gioia, meraviglia ... e salute mentale

10.05.2023

La primavera è il momento perfetto per indugiare sulle opportunità.

La primavera è un m...

Qualità della vita peggiora quando l'Alzheimer è complicato dal cancro

28.04.2023

Che considerazioni si possono fare per una persona con Alzheimer che riceve anche la diagnosi di can...

Gli interventi non farmacologici per l'Alzheimer sono sia efficaci che co…

19.04.2023

Un team guidato da ricercatori della Brown University ha usato una simulazione al computer per di...

Farmaci per il sonno: limitazioni e alternative

18.04.2023

Uno studio pubblicato di recente sul Journal of Alzheimer's Disease è l'ultima ...

Menopausa precoce e terapia ormonale ritardata alzano il rischio di Alzheimer

17.04.2023

Le donne hanno più probabilità degli uomini di sviluppare il morbo di Alzheimer (MA), e ...

Logo AARAssociazione Alzheimer OdV
Via Schiavonesca 13
31039 Riese Pio X° (TV)

We use cookies

Utilizziamo i cookie sul nostro sito Web. Alcuni di essi sono essenziali per il funzionamento del sito, mentre altri ci aiutano a migliorare questo sito e l'esperienza dell'utente (cookie di tracciamento). Puoi decidere tu stesso se consentire o meno i cookie. Ti preghiamo di notare che se li rifiuti, potresti non essere in grado di utilizzare tutte le funzionalità del sito.